Aids e HIV

Aids e HIV
Classificazione internazionale (ICD) B24

Nozioni di base

Fu nel 1980 che furono osservati casi di una nuova malattia a Los Angeles, New York e San Francisco. Ciò che colpisce è che sembra colpire esclusivamente gli uomini omosessuali. Dei circa 80 casi descritti, 26 sono morti nello stesso anno.

Fu subito chiaro che la malattia e le sue cause dovevano essere affrontate per evitare che si diffondesse ulteriormente. Era anche considerato molto grave, dato che il tasso di mortalità era superiore al 40%.

Ad un certo punto, la malattia fu chiamata AIDS, che è un'abbreviazione di "sindrome da immunodeficienza acquisita". Tradotto in tedesco, significa qualcosa come la sindrome da immunodeficienza acquisita. Col tempo si potrebbe dimostrare che l'AIDS è causato dal virus HI.

Pregiudizi che devono essere confutati

Contrariamente ai pregiudizi, non sono affatto solo gli omosessuali maschi che cambiano spesso partner e i tossicodipendenti ad essere colpiti dalla malattia. Al contrario, i pazienti portatori di HIV possono essere trovati in tutte le classi sociali. Nel mondo di lingua tedesca, tuttavia, siamo attualmente nella fortunata posizione che il numero di nuove infezioni è relativamente basso. La situazione è molto diversa in Africa o in India, per esempio.

Cifre su HIV e AIDS

Negli ultimi anni, l'HIV e l'AIDS hanno perso un po' del loro significato nel nostro paese. Il numero di nuove infezioni si è stabilizzato e il numero di persone colpite è relativamente basso, in contrasto con altri paesi. Tuttavia, la malattia non deve essere sottovalutata. Perché anche se la terapia funziona bene oggi, è una malattia che finisce con la morte in ogni caso. Inoltre, l'infezione da HIV porta con sé anche una massiccia restrizione della qualità della vita, anche se l'AIDS non è ancora scoppiato.

Su scala globale, i numeri che circondano l'AIDS e l'HIV sono devastanti. Alla fine del 2010, UNAIDS, il programma delle Nazioni Unite per il controllo dell'AIDS, ha pubblicato alcune cifre statistiche che illustrano più che chiaramente la situazione dell'AIDS: Ci sono circa 33,3 milioni di persone infettate dall'HIV in tutto il mondo. Nel 2009, 1,8 milioni di persone sono morte di AIDS.

L'Africa è uno dei punti caldi

Una delle regioni del mondo particolarmente colpite dall'AIDS è l'Africa meridionale. A sud del Sahara, ci sono circa 22,5 milioni di persone che devono convivere con un'infezione da HIV. Questo significa che circa il 5% di tutti gli adulti sono infettati dal virus.

Anche i numeri tra i bambini sono devastanti. Soprattutto i neonati e i bambini piccoli sono spesso colpiti, perché con le situazioni di vita povere è difficilmente possibile evitare che il virus venga trasmesso da madre a figlio.

Il numero di persone che muoiono di AIDS in questa regione ogni anno è particolarmente allarmante. Nel 2009, questo numero era di 1,9 milioni.

AIDS in Europa occidentale e centrale

Le cifre dell'Europa occidentale e centrale sono molto più positive di quelle del Sudafrica. Tuttavia, è spaventoso quante persone sono colpite dalla malattia. Circa lo 0,2% di tutti gli adulti sono infettati dall'HIV. Espresso in cifre, si tratta di 820.000 persone.

Il numero di nuove persone infettate è relativamente stabile e nel 2009 era di 31.000 nuove persone infettate dall'HIV. Nello stesso anno, 8.500 persone sono morte di AIDS - anche se l'assistenza medica qui può essere descritta come molto buona.

La situazione in Germania

Solo in Germania, ci sono circa 70.000 persone infettate dall'HIV. La maggior parte di loro sono uomini. Scioccamente, 200 bambini sotto i 15 anni sono anche infettati dall'HIV.

Nel 2009, un totale di circa 550 persone sono morte di AIDS. Il numero di nuove infezioni è abbastanza costante e nel 2010 ha colpito circa 3.000 persone. Di quelli infettati, 760 persone hanno contratto l'AIDS nello stesso anno, lo stadio finale dell'infezione da HIV che porta inevitabilmente alla morte. Tra loro c'erano anche cinque bambini.

Cause

Una volta che si ha l'AIDS, non si può più curare. Si può tentare di gestire e alleviare al meglio i sintomi, ma prima o poi questi porteranno alla morte. Inoltre, la qualità della vita è drasticamente ridotta dall'inizio dell'AIDS.

La malattia dell'AIDS è preceduta da un'infezione con il virus HI. Questa infezione progredisce in diversi stadi, di cui l'AIDS può essere considerato lo stadio finale.

Il virus HI

L'abbreviazione HIV sta per il virus dell'immunodeficienza umana. Una volta entrato nel corpo, danneggia e distrugge le cosiddette cellule CD4. Si tratta di globuli bianchi che sono assolutamente necessari per innescare una reazione di difesa. Le cellule CD4 organizzano e coordinano la difesa contro gli agenti patogeni che sono entrati nel corpo.

Più cellule CD4 sono state distrutte, meno il corpo è in grado di difendersi da batteri, virus o funghi. Anche se ci sono ancora abbastanza fagociti e altre cellule di difesa, non possono più svolgere i loro compiti perché la reazione di difesa non è più coordinata.

Questo porta anche ad agenti patogeni innocui che causano infezioni persistenti. Queste sono poi chiamate infezioni opportunistiche perché non si verificano in persone con un sistema di difesa sano. Inoltre, si favorisce anche l'insorgenza di alcuni carcinomi, nei quali giocano un ruolo virus e batteri.

La moltiplicazione del virus HI

Il virus HI in realtà non è interessato a compromettere il sistema immunitario della persona infettata. È interessato solo a sopravvivere a se stesso. Per questo, ha assolutamente bisogno delle cellule CD4. Una volta che li ha infettati, entra nella cellula e vi si moltiplica. Dopo la moltiplicazione, i nuovi virus vengono fatti uscire dalla cellula e la cellula viene distrutta.

I nuovi virus infettano poi le cellule vicine e continuano a moltiplicarsi lì. In questo modo, più di dieci miliardi di nuovi virus possono essere formati e rilasciati nel corpo ogni giorno. Per combattere questo, il corpo crea circa due miliardi di nuove cellule CD4 ogni giorno. Tuttavia, poiché i virus sono più numerosi delle cellule, il numero di cellule CD4 diminuisce continuamente, si sviluppa una massiccia carenza immunitaria e gli agenti patogeni invasori non possono più essere combattuti.

La trasmissione dell'HIV

Puoi proteggerti dal virus HI solo se sai come si trasmette. Pertanto, ha senso scoprire quali contatti sono potenzialmente pericolosi e quali possono essere ammessi senza esitazione.

Contatto sessuale

Il virus HI può essere trasmesso attraverso un rapporto sessuale vaginale, anale o orale. Il virus è contenuto sia nello sperma che nelle secrezioni vaginali e può entrare nell'organismo del partner sessuale attraverso piccole lesioni che si verificano quasi ogni volta che avviene un rapporto sessuale. Le malattie veneree esistenti facilitano la trasmissione del virus, ed è per questo che bisogna prestare particolare attenzione.

Nei paesi industrializzati, il contatto sessuale è di gran lunga la via di trasmissione più comune. Sia il contatto omosessuale che quello eterosessuale giocano un ruolo. Nei rapporti eterosessuali, sono soprattutto le donne che si infettano, mentre il rischio di infezione per gli uomini è relativamente basso.

Sangue infetto

Alcuni anni fa, ci sono state diverse segnalazioni che l'HIV è stato trasmesso attraverso prodotti di sangue e donazioni di organi. Questo è stato certamente il caso più volte, perché i metodi di test per il virus HI non erano ancora completamente sviluppati. Oggi, semplici test che vengono eseguiti come standard possono prevenire la contaminazione del sangue e degli organi.

Il percorso attraverso il sangue gioca un ruolo importante soprattutto nei tossicodipendenti. Spesso, le siringhe e gli aghi sono usati da diversi tossicodipendenti contemporaneamente. E anche la piccola quantità di sangue in un ago è sufficiente per scatenare un'infezione.

Particolare attenzione deve essere prestata dal personale medico che entra ripetutamente in contatto con il sangue. Non solo le ferite da aghi, ma anche toccare ferite aperte o schizzi di sangue sono potenziali vie di trasmissione. Tuttavia, severe misure precauzionali hanno ridotto drasticamente la trasmissione nella pratica medica quotidiana.

Infezione verticale da madre a figlio

Il pericolo di trasmettere l'HIV al proprio figlio è particolarmente alto durante il parto. Durante il parto, ci sono spesso piccole lesioni che causano il passaggio di sangue dalla madre all'organismo del bambino. Dopo la nascita, il latte della madre gioca un ruolo importante, in cui il virus HI può essere rilevato.

Il rischio per il bambino è drasticamente ridotto se la madre è trattata con farmaci antiretrovirali durante la gravidanza. Si tratta di diversi farmaci che hanno lo scopo di impedire al virus di moltiplicarsi. Il parto con taglio cesareo riduce anche il rischio di infezione. Dopo la nascita, l'allattamento al seno dovrebbe logicamente essere evitato.

Nessuna trasmissione attraverso i contatti quotidiani

Non è possibile trasmettere l'HIV attraverso il normale contatto quotidiano. Per esempio, si può tranquillamente stringere la mano a persone infette e avere uno stretto contatto fisico con gli altri. La trasmissione non è anche possibile attraverso la saliva di una persona infetta a causa della bassa carica virale.

Anche gli insetti non sono adatti come via di trasmissione, anche se ingeriscono il sangue di una persona infetta e poi pungono un'altra persona. Le quantità di sangue trasferite non sono semplicemente sufficienti per introdurre abbastanza virus nell'organismo.

Sintomi

I sintomi di un'infezione da HIV non sono direttamente dovuti al virus. Non provoca alcun sintomo. Tuttavia, distrugge sempre più il sistema immunitario, il che significa che non è più in grado di difendersi dagli agenti patogeni. Questo è il motivo per cui si verificano più infezioni e si diffondono senza controllo attraverso il corpo.

Stabilizzazione CDC

Il Center of Disease Control ha diviso l'infezione da HIV in tre categorie cliniche (categorie da A a C) e tre intervalli di conta delle cellule CD4. Combinando le categorie A, B e C con le tre gamme di conta delle cellule CD4, si creano nove sottogruppi.

La classificazione esatta utilizzando lo schema CDC aiuta a determinare il momento giusto per la terapia. Dopo tutto, la terapia aggressiva non deve sempre essere iniziata immediatamente per tenere a bada l'infezione. Spesso è più ragionevole che il corso naturale dell'infezione da HIV sia prima strettamente monitorato e osservato.

CDC Categoria A

La categoria A include sia l'infezione da HIV sintomatica acuta, che si verifica poco dopo l'infezione, sia la fase asintomatica dell'infezione da HIV.

L'infezione sintomatica acuta da HIV si verifica in circa la metà delle persone appena infettate. In un periodo che va da una settimana a sei settimane dopo l'infezione, le persone colpite sviluppano sintomi simili all'influenza, come febbre, mal di testa, mal di gola, linfonodi gonfi e un'eruzione discreta sul tronco del corpo.

L'infezione da HIV asintomatica era chiamata fase di latenza. È una fase senza sintomi che può durare alcuni mesi o molti anni, a seconda della gravità dell'infezione e della salute della persona infetta. Anche se non si nota nulla, il virus continua a moltiplicarsi durante questo periodo e distrugge sempre più cellule CD4, la cui diminuzione può essere rilevata tramite test.

CDC Categoria B

Nella categoria B, i primi sintomi che indicano un'infezione da HIV compaiono lentamente. Le infezioni causate da un sistema immunitario indebolito sono chiamate infezioni opportunistiche.

Questi sintomi includono le seguenti malattie e sintomi:

  • aumento permanente della temperatura corporea
  • diarrea cronica
  • infezioni fungine ricorrenti o resistenti alla terapia
  • Tendenza a sviluppare carcinomi
  • rivestimenti bianchi e pulibili sul lato della lingua
  • Infestazione estesa o ricorrente di zoster
  • Infezioni da herpes
  • Disturbi del sistema nervoso (neuropatie periferiche)

CDC categoria C

In questa fase, l'AIDS scoppia come stadio finale dell'infezione da HIV. Perché questo accada, devono verificarsi i cosiddetti sintomi che definiscono l'AIDS, che indicano che il sistema immunitario è stato gravemente danneggiato.

Questi includono:

  • Infezioni fungine nell'esofago, trachea, bronchi e polmoni.
  • Infiammazione del cervello associata all'HIV
  • Infezione cronica da herpes
  • Sarcoma di Kaposi
  • Formazione di linfomi
  • Tubercolosi
  • polmonite ripetuta
  • infezioni ripetute e gravi da salmonella
  • Toxoplasmosi del cervello
  • Sindrome da deperimento: grave perdita di peso indesiderata con diarrea persistente e affaticamento
  • carcinomi cervicali invasivi
  • Infezioni generalizzate da citomegalovirus

Diagnosi

Prima di iniziare una terapia, deve essere disponibile una diagnosi affidabile e dettagliata. Solo quando il progresso dell'infezione è stato determinato, si può scegliere la terapia giusta.

Storia medica

Come per qualsiasi altra malattia, l'anamnesi è una componente principale della diagnosi. Se si sospetta un'infezione da HIV, vi verranno poste domande in particolare sui seguenti argomenti:

  • Precedenti di viaggio: ci sono stati viaggi negli Stati Uniti, in Asia o in Africa?
  • Malattie precedenti: Ci sono infezioni in corso? Quali malattie infettive ha già avuto? Ci sono altre malattie sottostanti?
  • Storia sessuale: quali contatti ci sono stati con quanti e quali partner? Ci sono già state malattie sessualmente trasmissibili?
  • Anamnesi di rischio: sono state usate droghe o c'è stato contatto con sangue estraneo?

Esame clinico

Nell'esame clinico, si esamina se ci sono indicazioni di infezione da HIV. Inoltre, lo stato fisico, compreso un esame neurologico di base, deve essere fatto per determinare lo stato di salute. Questo ha un impatto sulla terapia e sulla prognosi.

Test di laboratorio

L'infezione da HIV può essere rilevata in laboratorio con vari metodi. Il metodo più semplice ed economico è il cosiddetto test ELISA (enzyme-linked immunosorbent assay). Se il test ELISA è positivo, un altro test degli anticorpi HIV viene fatto per confermare la diagnosi. Se anche questo test è positivo, viene effettuato un terzo test, il cosiddetto test Western blot. Solo quando tutti e tre i test sono positivi viene fatta la diagnosi "HIV positivo". Questo dovrebbe evitare che un falso risultato positivo venga trasmesso.

Aspetti legali del test HIV

A differenza degli altri test di laboratorio, il test HIV è consentito solo se avete dato il vostro consenso. Il risultato del test è naturalmente soggetto al segreto medico, che può essere rotto solo se c'è un'emergenza giustificabile. Inoltre, una volta che si è stati diagnosticati come sieropositivi, nessuna terapia può essere imposta.

Il risultato del test HIV

Se il test HIV è positivo, significa che l'HIV è presente nel sangue. Tuttavia, questo non significa che avete l'AIDS. Tuttavia, è possibile trasmettere la malattia a un'altra persona in qualsiasi momento, poiché i virus si diffondono in tutto l'organismo. Una prognosi sul decorso della malattia non è possibile con un risultato positivo del test. Per questo, la carica virale e la conta delle cellule CD4 devono prima essere determinate.

Se il test HIV è negativo, un'infezione da HIV può essere ancora presente. I virus hanno bisogno di almeno tre-dodici settimane per moltiplicarsi a tal punto da poter essere rilevati dai test. Un risultato negativo significa quindi solo che non avevi l'HIV nel sangue almeno tre mesi fa.

Se il test HIV è positivo

Un risultato positivo al test è probabilmente scioccante per tutti, anche se avete già considerato la possibilità. È facile da dire, ma difficilmente realizzabile, ma dovresti cercare di non lasciarti abbattere dalla diagnosi. Prenditi il tuo tempo e fai al medico tutte le domande che ti vengono in mente. Spesso è più facile farlo se si prende un altro appuntamento tra qualche giorno per chiarire qualsiasi domanda senza risposta e discutere su come procedere.

Oltre alle cure fornite dal medico, ci sono anche una serie di centri di consulenza e altre istituzioni che possono fornire ulteriore aiuto se ti viene diagnosticata la sieropositività. L'aiuto è disponibile anche su Internet sotto forma di siti d'informazione e piattaforme di scambio.

Anche la propria rete sociale dovrebbe essere usata in modo solidale, se possibile. Parlare con il proprio partner può essere difficile, ma è sicuramente consigliabile. Tanto più che anche il partner dovrebbe essere testato per escludere un'infezione o per permettere una terapia precoce.

Terapia

Negli ultimi anni, sono stati fatti rapidi progressi nella ricerca sull'infezione da HIV, che hanno portato a molti nuovi farmaci attualmente introdotti sul mercato. Questi non solo sono più efficaci, ma hanno anche meno effetti collaterali. Tuttavia, non esiste ancora un farmaco che possa curare l'AIDS. La terapia antiretrovirale può tuttavia prolungare enormemente la vita e, soprattutto, migliorarne la qualità.

Quale farmaco dovrebbe essere usato per la terapia deve essere determinato individualmente per ogni caso. Non solo la modalità d'azione gioca un ruolo, ma soprattutto come il farmaco deve essere preso e quali effetti collaterali possono verificarsi.

Tra azione efficace e forti effetti collaterali

Tutti i farmaci utilizzati per la terapia antiretrovirale sono farmaci molto potenti, ma non solo hanno un forte effetto, ma producono anche forti effetti collaterali. Quando si sceglie il farmaco giusto, si deve quindi sempre cercare di trovare il giusto equilibrio tra effetto ed effetto collaterale.

Anche il progresso della malattia gioca un ruolo importante. Se l'infezione progredisce rapidamente o se i sintomi sono già presenti, è indicato un trattamento più aggressivo perché gli effetti collaterali sono ancora sopportabili rispetto ai sintomi dell'infezione.

Non importa quale cocktail di farmaci viene scelto insieme a un esperto, entro poche settimane i primi effetti positivi dovrebbero già essere visibili nei test di laboratorio. La carica virale dovrebbe scendere significativamente e, idealmente, anche le cellule CD4 dovrebbero recuperare presto.

Gruppi di farmaci per la terapia dell'infezione da HIV

Attualmente, un totale di tre gruppi di farmaci sono disponibili per trattare l'infezione da HIV. Lo scopo della terapia è quello di ridurre la carica virale a tal punto che il virus non possa più essere rilevato. Questo non solo rallenta la progressione dell'infezione, ma rende anche più difficile la sua trasmissione.

Una panoramica dei gruppi di sostanze attive utilizzate:

  • Inibitori della fusione: il virus non può più penetrare nella cellula e quindi non si riproduce più.
  • Inibitori della trascrittasi inversa: i virus che sono nella cellula non possono più riprodursi.
  • Inibitori delle proteasi: I virus appena formati nella cellula non possono più essere rilasciati e infettare le cellule vicine.

Con tutti e tre i gruppi di sostanze attive, bisogna tener conto del fatto che non tutte le cellule possono essere protette. Così, non si può mai impedire completamente che il virus continui a moltiplicarsi.

Indicazione per la terapia antiretrovirale

La sfida è trovare il momento giusto per iniziare la terapia. Ci sono voci a favore dell'inizio il più presto possibile, così come esperti che pensano che la terapia dovrebbe essere iniziata il più tardi possibile. Un'importante indicazione sul momento giusto per iniziare la terapia è data dalla conta delle cellule CD4 e dalla carica virale.

Oltre alla terapia antiretrovirale, anche i sintomi che si presentano a causa dell'infezione da HIV devono ovviamente essere trattati in modo efficace. Inoltre, devono essere prese misure per prevenire ulteriori infezioni.

Misure di supporto per l'infezione da HIV

Anche se la terapia farmacologica è la base della terapia dell'AIDS, le persone dovrebbero agire da sole per prevenire la progressione dell'infezione.

Questo inizia con la ricerca di uno specialista dell'AIDS comprensivo. Solo allora si può garantire una buona cooperazione duratura. Anche le istruzioni ricevute dallo specialista devono essere seguite alla lettera. La terapia antiretrovirale è molto stressante nella vita quotidiana, perché molti farmaci con forti effetti collaterali devono essere presi esattamente in determinati momenti. Né l'ora di assunzione né il dosaggio possono essere modificati indipendentemente.

Per prevenire ulteriori infezioni, si dovrebbe non solo essere vaccinati contro possibili agenti patogeni, ma anche ridurre al minimo il contatto con gli agenti patogeni. Questo include evitare cibi crudi (pesce, carne, uova) e latticini non pastorizzati, ma anche fare molta attenzione quando si maneggiano animali domestici. Lavarsi le mani frequentemente può anche ridurre drasticamente il tasso di infezione.

Uno stile di vita sano può rafforzare il sistema immunitario e quindi anche prevenire le infezioni. Questo include una dieta sufficiente ed equilibrata, un'adeguata attività fisica e l'astensione da droghe e nicotina. Inoltre, sono necessari un sonno sufficiente e fasi di rilassamento in cui il corpo può recuperare. Lo sport può non solo rafforzare il sistema immunitario, ma anche ridurre la depressione, che spesso si verifica nel contesto dell'infezione da HIV.

Naturalmente, è necessaria una cautela speciale quando si ha un contatto intimo con il proprio compagno di vita. Un preservativo dovrebbe sempre essere usato per ridurre l'infezione. Una volta che il preservativo si è rotto, la chemioterapia profilattica deve essere iniziata immediatamente. Questo funziona meglio se si inizia entro due ore dalla possibile infezione. È quindi meglio parlarne in anticipo con il suo medico.

Previsione

I grandi progressi nella terapia antiretrovirale portano ad un'alta qualità di vita e ad una fase di latenza senza sintomi molto estesa. Naturalmente, questo è vero solo se la terapia viene effettuata regolarmente e con attenzione, nonostante i forti effetti collaterali dei farmaci.

Tuttavia, poiché la terapia è molto costosa e richiede tempo, solo le persone nelle aree industrializzate possono beneficiare di questo trattamento altamente efficace. Le aree più povere del mondo devono ancora convivere con il fatto che l'HIV è un'infezione che porta inevitabilmente a una morte dolorosa e prolungata.

Prevenzione

I ricercatori stanno lavorando diligentemente per sviluppare un vaccino che prevenga l'infezione con il virus HI. Ma finora non sono stati sviluppati preparati efficaci. Non è ancora prevedibile quando un vaccino contro l'HIV sarà introdotto sul mercato.

Attraverso varie campagne di infezione, il numero di nuove infezioni è stato drasticamente ridotto dalla scoperta della malattia. Recentemente, tuttavia, è diventato sempre più evidente che la generazione più giovane non è così consapevole del pericolo dell'AIDS e non si protegge adeguatamente dall'infezione.

Misure di autoprotezione

Il modo migliore per proteggersi è praticare il sesso sicuro. Questo significa usare sempre il preservativo sia per i rapporti vaginali che per quelli anali. Durante il sesso orale, devi assicurarti che nessuno sperma o sangue (ad esempio sangue mestruale) entri nella tua bocca o negli occhi.

La convivenza con una persona infetta e lo stretto contatto fisico non possono portare all'infezione. È quindi sicuro condividere asciugamani, abbracciare e baciare.

Principi editoriali

Tutte le informazioni utilizzate per i contenuti provengono da fonti verificate (istituzioni riconosciute, esperti, studi di università rinomate). Attribuiamo grande importanza alle qualifiche degli autori e alla base scientifica delle informazioni. Questo garantisce che la nostra ricerca sia basata su risultati scientifici.

Danilo Glisic

Danilo Glisic
Autore

Studente di biologia e matematica, si dedica con passione alla stesura di articoli di riviste su argomenti medici di attualità. Grazie alla sua affinità con i numeri, i dati e i fatti, si concentra sulla descrizione dei risultati di studi clinici rilevanti.

Il tuo assistente personale per i medicinali

afgis-Qualitätslogo mit Ablauf Jahr/Monat: Mit einem Klick auf das Logo öffnet sich ein neues Bildschirmfenster mit Informationen über Medikamio GmbH & Co KG und sein/ihr Internet-Angebot: medikamio.com/ This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.
Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.