Cancro alla prostata (carcinoma della prostata, tumore della prostata)

Cancro alla prostata (carcinoma della prostata, tumore della prostata)
Classificazione internazionale (ICD) C61

Nozioni di base

Il cancro alla prostata (PCA) è un tumore maligno della ghiandola prostatica maschile. La prostata è circa la dimensione e la forma di una castagna. Si trova direttamente sotto la vescica e circonda la parte superiore dell'uretra in un anello. La funzione principale della prostata è quella di produrre una secrezione che si mescola al liquido seminale durante l'eiaculazione (eiaculazione).

Quando il cancro alla prostata progredisce, l'uretra può restringersi, causando problemi di svuotamento della vescica. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, i problemi di minzione sono dovuti ad altre cause, come l'iperplasia prostatica benigna (ingrandimento della prostata) causata da un adenoma (tumore benigno). Inoltre, la prostatite o un'infezione del tratto urinario può causare sintomi simili.

Il cancro alla prostata è il cancro più comune negli uomini in Germania. Secondo le stime, circa 60.000 uomini in Germania ricevono ogni anno una nuova diagnosi di cancro alla prostata. L'età media di insorgenza è intorno ai 70 anni. I casi di cancro alla prostata prima dei 50 anni sono molto rari.

Poiché la prognosi è tanto migliore quanto più precocemente viene diagnosticato e trattato il cancro alla prostata, si raccomanda agli uomini di età superiore ai 45 anni di fare un controllo annuale con un urologo. Tuttavia, il cancro è spesso diagnosticato in ritardo perché il cancro alla prostata non causa sintomi fino a quando non è in uno stadio avanzato e pochi uomini completano lo screening del cancro raccomandato. In un caso su tre di cancro alla prostata, il cancro viene diagnosticato così tardi che ci sono poche o nessuna possibilità di cura.

Cause

La causa esatta del cancro alla prostata non è nota. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che sono sospettati di favorire lo sviluppo del cancro alla prostata:

  • Età: L'età è il più grande fattore di rischio per lo sviluppo del cancro alla prostata. Più dell'80% di tutti i pazienti con cancro alla prostata hanno più di 60 anni al momento della diagnosi.
  • Disposizione genetica (predisposizione): anche i fattorigenetici giocano un ruolo nello sviluppo del cancro. Il rischio che i parenti di primo grado dei malati di cancro alla prostata sviluppino anch'essi il cancro è almeno due volte più alto che nella popolazione media. Se due o più parenti stretti hanno il cancro alla prostata, il rischio aumenta di molte volte.
  • Ormoni: gli ormoni hanno una grande influenza sullo sviluppo del cancro alla prostata, ma il loro ruolo esatto non è ancora completamente compreso. È certo che l'ormone sessuale maschile testosterone influenza lo sviluppo del cancro stimolando la crescita delle cellule tumorali. Il testosterone è prodotto principalmente nei testicoli ed è necessario per la funzione della prostata. Senza l'influenza del testosterone, il cancro alla prostata non può svilupparsi.
  • Fattori etnici: il rischio di cancro alla prostata differisce notevolmente tra i diversi gruppi etnici. Per esempio, i tumori alla prostata si verificano meno spesso nella popolazione bianca degli Stati Uniti che in quella di colore. A livello globale, gli uomini provenienti dalla Scandinavia sono più propensi a soffrire di cancro alla prostata, mentre gli asiatici sono meno propensi.
  • Abitudini alimentari: Si pensa che una dieta ricca di grassi e calorie e povera di fibre aumenti la probabilità di sviluppare il cancro alla prostata. Poiché il cancro alla prostata è molto meno comune tra gli asiatici e i vegetariani, si può supporre che il consumo frequente di verdure, cereali e prodotti di soia abbia un effetto preventivo.
  • Fattori di rischio professionale: è molto probabile che l'esposizione a radiazioni e metalli pesanti, così come la carenza di vitamina D, aumentino il rischio di cancro alla prostata.

Sintomi

Poiché il carcinoma della prostata si sviluppa per lo più nello strato esterno della prostata, non causa alcun sintomo nella fase iniziale di sviluppo. Solo quando il cancro è progredito così tanto che l'uretra è costretta, possono verificarsi i seguenti disturbi:

  • Pollakiuria: minzione frequente con piccole quantità di urina - la quantità totale di urina non è aumentata.
  • Disuria: difficoltà a svuotare la vescica quando si cerca di farlo
  • Alguria: dolore durante la minzione
  • Disfunzione erettile
  • Forte desiderio di urinare
  • In rari casi, il sangue può essere presente nel liquido seminale o nelle urine.

Solo molto raramente un tumore alla prostata si sviluppa nella zona interna della ghiandola prostatica, restringendo l'uretra in una fase molto precoce della malattia.

Se si formano metastasi (tumori figli), i linfonodi della pelvi sono di solito colpiti per primi. Il cancro può poi diffondersi ulteriormente nel corpo - preferibilmente nelle ossa del bacino e della colonna lombare. La distruzione delle ossa può causare un dolore molto forte. Inoltre, a causa della ridotta stabilità ossea, anche le lesioni minori possono portare a fratture ossee. Inoltre, le metastasi possono formarsi nel fegato o nel tessuto polmonare.

Il coinvolgimento dei linfonodi nell'area inguinale e pelvica può portare allo sviluppo di edema (ritenzione di liquidi) nello scroto e nelle gambe. Inoltre, in molti casi ci sono sintomi generali del cancro, come sudorazione notturna, febbre, affaticamento, perdita di peso indesiderata e prestazioni ridotte.

L'ingrossamento benigno della prostata (iperplasia prostatica benigna) si sviluppa nello strato interno della prostata. Poiché l'uretra si restringe molto rapidamente, questa malattia, a differenza del carcinoma della prostata, provoca disturbi di svuotamento della vescica già nelle prime fasi di sviluppo.

Diagnosi

Rilevamento precoce

Poiché la prognosi del cancro alla prostata è significativamente migliore quanto più precocemente il cancro viene diagnosticato e trattato, gli uomini dovrebbero sottoporsi a regolari esami di screening del cancro dal loro medico generico o, preferibilmente, da un urologo. Lo screening annuale del cancro è raccomandato per tutti gli uomini di età superiore ai 45 anni. Gli uomini con parenti di sangue che hanno il cancro alla prostata dovrebbero essere sottoposti a screening prima.

Palpazione

La palpazione rettale della prostata (chiamata palpazione) è il primo esame per rilevare il cancro alla prostata. Questo comporta la palpazione della prostata attraverso il retto con un dito, che permette al medico di rilevare qualsiasi ingrossamento della prostata e qualsiasi indurimento nodulare nelle prime fasi del cancro. In molti casi, tuttavia, il cancro alla prostata ha già penetrato la capsula della prostata, quindi non è più incapsulato nodularmente. I tumori della prostata che si trovano di lato o verso la parete addominale non possono essere palpati. L'esame rettale può suggerire un sospetto di cancro alla prostata, ma non è possibile fare una diagnosi definitiva.

Test PSA

L'antigene prostatico specifico (PSA) è una proteina prodotta nella ghiandola prostatica. Non è un marcatore tumorale specifico perché il livello di PSA può essere generalmente elevato in qualsiasi malattia della prostata. Inoltre, il valore può aumentare quando la prostata viene massaggiata - per esempio, durante la palpazione rettale, la bicicletta o il sesso. Il valore del PSA può quindi essere elevato fino a 24 ore.

A differenza della Germania, il test del PSA fa parte dello screening urologico in Austria. Si determina il valore dell'antigene prostatico specifico nel sangue. Tuttavia, il test non garantisce una diagnosi esatta, poiché il test del PSA può essere negativo nonostante il carcinoma della prostata o può essere positivo a causa di un'altra malattia della prostata.

Biopsia (rimozione del tessuto) ed esame ecografico

Una diagnosi affidabile di cancro alla prostata può essere fatta solo con una biopsia. Durante una biopsia, diversi campioni di tessuto vengono prelevati dalla prostata utilizzando un ago sottile. I campioni vengono prelevati sotto guida ecografica attraverso il retto (ecografia transrettale). I campioni di tessuto sono poi esaminati in laboratorio al microscopio per la presenza di cellule tumorali. Inoltre, è possibile determinare l'aggressività del tumore alla prostata, il che rende più facile pianificare la terapia successiva.

La biopsia è una procedura di esame sicura in cui non c'è rischio di diffusione delle cellule tumorali. Il campione di tessuto può essere prelevato in anestesia locale.

Controllare la diffusione del tumore

Dopo una diagnosi positiva, vengono eseguiti ulteriori esami per individuare, ad esempio, metastasi esistenti (tumori figli):

  • Un esame ad ultrasuoni può mostrare se il tumore sta ostruendo il flusso di urina dai reni.
  • Un'urografia escretoria (esame a raggi X del tratto urinario) mostra se parti dell'uretra, della vescica o dell'uretere sono colpite dal cancro. Al giorno d'oggi, tuttavia, questa procedura d'esame viene eseguita solo raramente, per esempio nel caso di un reperto ecografico anormale.
  • Una radiografia del torace (raggi X del petto) può rilevare metastasi del cancro alla prostata nei polmoni.
  • Una scintigrafia scheletrica può essere usata per determinare se il cancro si è già diffuso alle ossa.
  • Una risonanza magnetica(MRI) o una tomografia computerizzata(CT) viene eseguita per rilevare ulteriori metastasi. Inoltre, i risultati di queste procedure di imaging aiutano a decidere se la chirurgia è consigliabile.

Test aggiuntivi

Poiché non tutte le parti della prostata vengono raggiunte quando il tessuto viene rimosso con un ago da biopsia, in alcuni casi i risultati possono essere negativi, anche se il cancro alla prostata è presente. Se si sospetta che la persona abbia comunque un cancro alla prostata, può essere necessario ripetere la biopsia.

Per evitare questo problema, si stanno sviluppando metodi diagnostici completamente nuovi. Con l'aiuto di un'analisi delle proteine, per esempio, si possono rilevare composizioni alterate di alcune proteine nelle urine, che possono indicare un carcinoma della prostata. Tuttavia, questa non è ancora una procedura di routine consolidata.

Terapia

Il tipo di trattamento per un carcinoma della prostata dipende fortemente da quanto il cancro è già progredito. Inoltre, il tasso di crescita del tumore così come le condizioni generali, l'età e il rischio chirurgico della persona colpita giocano un ruolo importante. Ci sono diverse opzioni di trattamento disponibili, che possono anche essere usate in combinazione tra loro. È quindi consigliabile ottenere un secondo parere da un altro medico prima di iniziare la terapia.

Fondamentalmente, sono disponibili i seguenti approcci di trattamento:

  • Chirurgia
  • Chemioterapia
  • Terapia ormonale
  • Radioterapia

Fasi del cancro alla prostata

Le opzioni di trattamento e le prospettive di cura variano molto a seconda dello stadio del cancro alla prostata:

Cancro alla prostata limitato

In questo stadio del cancro alla prostata, il tumore è ancora localizzato esclusivamente nel tessuto prostatico. La terapia con le migliori possibilità di cura è la rimozione chirurgica completa della prostata. Se il tumore è ancora piccolo, la radioterapia può essere eseguita in alternativa alla chirurgia.

Nei pazienti di età superiore ai 75 anni o nelle persone con tumori piccoli e poco aggressivi, si dovrebbe considerare la possibilità di non effettuare alcun trattamento all'inizio e di osservare la rapidità con cui il cancro progredisce. Altrimenti, la terapia del cancro potrebbe causare un disagio molto più grande del cancro stesso.

Cancro alla prostata avanzato

A questo stadio, il tumore della prostata ha già sfondato la capsula della prostata e si sta infiltrando nel tessuto circostante. Poiché in molti casi il tessuto canceroso non può più essere completamente rimosso dalla chirurgia, una cura per il cancro alla prostata è possibile solo in misura limitata.

Come trattamento aggiuntivo dopo la chirurgia, si può tentare di uccidere qualsiasi cellula tumorale rimanente con l'aiuto della radioterapia. È anche possibile inibire la crescita delle cellule cancerose rimanenti ritirando l'ormone che favorisce la crescita, il testosterone, dalle cellule.

Metastasi

Se il cancro alla prostata ha metastatizzato ad altri organi, come i polmoni o le ossa, di solito non è più possibile curare il paziente. Si esegue una cosiddetta terapia palliativa, in cui l'obiettivo del trattamento è quello di migliorare la qualità della vita del paziente oncologico. L'ulteriore crescita del tumore alla prostata è inibita dalla sospensione radicale degli ormoni. Inoltre, si cerca di distruggere le cellule delle metastasi con farmaci citostatici.

Opzioni di terapia a colpo d'occhio

Osservazione attiva

Se il tumore alla prostata è piccolo e cresce molto lentamente, la terapia può essere rimandata, se necessario. Questa opzione dovrebbe essere presa in considerazione, specialmente nei pazienti più anziani di 75 anni o in quelli che sono in cattive condizioni di salute. Altrimenti, la terapia del cancro potrebbe causare un disagio molto più grande del cancro stesso. L'ulteriore sviluppo del carcinoma della prostata viene regolarmente esaminato e monitorato da vicino.

Chirurgia

La prostatectomia radicale (rimozione completa della prostata) è la procedura raccomandata se la diffusione del tumore è limitata alla ghiandola prostatica e il tessuto circostante non è stato infiltrato. A questo stadio del cancro, la chirurgia offre la più alta possibilità di guarigione. Oltre alla prostata, le ghiandole vescicolari sotto la prostata e, in alcuni casi, i linfonodi vicini vengono rimossi chirurgicamente.

Se il cancro ha già colpito il tessuto circostante, l'operazione allevierà almeno i sintomi. Oltre alla prostata e alle ghiandole vescicolari, tutti i linfonodi vicini devono essere rimossi.

Nella procedura chirurgica convenzionale, la prostata viene rimossa attraverso un'incisione addominale di circa 12 centimetri sopra l'attaccatura del pube. La procedura mininvasiva laparoscopica è un metodo alternativo in cui il dispositivo chirurgico viene inserito nell'addome attraverso cinque incisioni lunghe circa 1,5 centimetri. Qui non è necessaria un'apertura completa della parete addominale - l'operazione avviene con l'aiuto di una videocamera inserita nella cavità addominale. Secondo gli studi, tuttavia, la procedura laparoscopica non è necessariamente più dolce per il paziente. Il dolore della ferita, il tempo di recupero e gli effetti tardivi come i problemi di continenza (la capacità di trattenere l'urina) e la funzione erettile non sono sempre inferiori a quelli della chirurgia convenzionale. La ragione è che i disturbi postoperatori dipendono meno dalla via d'accesso che dalle circostanze chirurgiche individuali e dalle abilità del chirurgo.

Una frequente conseguenza tardiva della rimozione chirurgica della prostata è la perdita di potenza. Poiché alcuni nervi importanti per l'erezione corrono direttamente lungo la capsula della prostata, c'è un grande rischio che questi nervi siano danneggiati durante l'operazione. Nonostante le procedure chirurgiche che risparmiano i nervi, circa l'80% degli uomini soffre di problemi di erezione dopo l'operazione. L'incontinenza da sforzo si verifica in circa il 3-5% dei casi. Questo può accadere quando si tossisce, si starnutisce o si ride.

Radioterapia

La radioterapia può essere somministrata a un tumore della prostata sia dall'esterno (radioterapia percutanea) che direttamente dall'interno (impianto di radionuclidi, brachiterapia):

  • Radioterapia dall'esterno: Come regola, cinque sessioni di radiazioni sono date a settimana per un periodo di circa otto settimane. Una singola sessione di radiazioni dura circa 15 minuti.
  • La radioterapia dall'interno: In una procedura una tantum, grani radioattivi delle dimensioni di chicchi di riso sono collocati nella prostata. Queste particelle radioattive emettono continuamente radiazioni a pochi millimetri di profondità nel tessuto prostatico circostante per un periodo di circa un anno. La successiva rimozione dei grani non è necessaria.

Proprio come la chirurgia, anche la radioterapia interna o esterna può causare disfunzioni erettili. La ragione è che le radiazioni radioattive possono anche danneggiare i tessuti necessari per l'erezione. Circa il 50% delle persone colpite soffre di problemi di erezione dopo la radioterapia. La frequenza degli effetti tardivi del trattamento, come la riduzione della potenza o dell'erezione, è simile per la chirurgia che risparmia i nervi e la radioterapia - le differenze sono principalmente il risultato delle circostanze individuali e delle abilità del medico che tratta il paziente.

Le radiazioni radioattive possono anche danneggiare l'intestino e l'uretra, motivo per cui alcuni pazienti hanno problemi di minzione o di digestione (per esempio diarrea).

Crioterapia

La crioterapia comporta il congelamento del tessuto prostatico sopra l'intestino, che poi lo fa morire. Tuttavia, le prove attuali suggeriscono che la crioterapia è meno efficace di altri trattamenti stabiliti, quindi non è un'alternativa equivalente nel trattamento del cancro alla prostata.

Privazione ormonale

In molti tumori della prostata, l'ormone sessuale maschile testosterone promuove la crescita e la diffusione del cancro. In circa l'80% dei casi, inibire la produzione di testosterone può rallentare la crescita del tumore e alleviare il dolore causato dal tumore. Tuttavia, la misura in cui i carcinomi della prostata rispondono alla sospensione ormonale varia da paziente a paziente. Inoltre, la terapia perde efficacia nel tempo e il cancro può crescere indipendentemente dal testosterone, il che rende il trattamento più difficile in seguito.

La completa inibizione farmacologica del testosterone ha gli stessi effetti sul corpo della castrazione. Il paziente soffre di impotenza, diminuzione della libido (desiderio sessuale), vampate di calore, aumento di peso, ingrandimento del seno e una maggiore perdita di massa ossea e muscolare, che porta ad un aumento del rischio di osteoporosi. La densità ossea dovrebbe quindi essere misurata regolarmente come parte della terapia di sospensione ormonale, e potrebbe essere necessario iniziare una terapia per l'osteoporosi.

Terapia ormonale

Gli analoghi del LHRH e del GnRH possono essere usati per abbassare i livelli di testosterone. L'effetto si basa sul fatto che le sostanze attive corrispondono agli ormoni del corpo, che hanno l'effetto di ridurre la produzione di testosterone.

Gliantiandrogeni , invece, proteggono il carcinoma della prostata dall'ormone testosterone senza influenzarne la produzione. I preparati causano significativamente meno effetti collaterali perché il livello di testosterone nel sangue non viene abbassato. Tuttavia, gli antiandrogeni sono meno efficaci dei bloccanti del testosterone.

Gli estrogeni (ormoni sessuali femminili) possono abbassare il livello di testosterone nel sangue entro sette giorni. Tuttavia, causano effetti collaterali molto più gravi negli uomini rispetto ai bloccanti del testosterone. Inoltre, non devono essere usati in pazienti con malattie cardiovascolari.

Rimozione dei testicoli

Poiché la maggior parte della produzione di testosterone avviene nei testicoli, la loro rimozione può fornire un rapido sollievo dal dolore nel cancro alla prostata in fase avanzata abbassando i livelli di testosterone. Poiché la rimozione dei testicoli non può essere invertita ed è quindi una procedura psicologicamente molto stressante per il paziente, questa procedura è ora raramente eseguita per i tumori della prostata.

Chemioterapia

Se il cancro alla prostata non risponde o non risponde più al ritiro del testosterone, viene somministrata una chemioterapia per uccidere le cellule tumorali. Tuttavia, i farmaci citostatici (farmaci per il cancro) possono essere utilizzati principalmente per danneggiare le cellule tumorali in rapida crescita. Poiché un tumore alla prostata a volte cresce molto lentamente, la chemioterapia per il cancro alla prostata è difficile. Un effetto di prolungamento della vita della terapia citostatica è stato dimostrato solo per le forme di cancro alla prostata a crescita rapida. Poiché i farmaci citostatici uccidono non solo le cellule tumorali, ma tutte le cellule che si dividono rapidamente nel corpo (per esempio, le cellule intestinali o le cellule della radice dei capelli), la chemioterapia causa gravi effetti collaterali.

Terapia palliativa

In molti casi di un tumore alla prostata avanzato e metastatico, le persone colpite soffrono di forti dolori. Dal momento che una cura di solito non può più essere raggiunta, il controllo efficace del dolore è un importante obiettivo terapeutico.

Il cancro alla prostata all'ultimo stadio porta spesso alla formazione di metastasi nel tessuto osseo, che possono causare forti dolori e fratture ossee. Il rischio di fratture ossee può essere ridotto dalla radioterapia. Inoltre, possono essere somministrati alcuni farmaci come i bifosfonati, che inibiscono la degradazione della sostanza ossea.

Misure proprie

Poiché c'è solo una possibilità di cura se il cancro alla prostata viene diagnosticato precocemente, lo screening annuale del cancro per gli uomini di età superiore ai 45 anni è molto importante. Se ci sono stati casi di cancro alla prostata in famiglia, gli esami di screening dovrebbero essere effettuati prima.

Previsione

La velocità di crescita del tumore alla prostata può variare molto da persona a persona. In alcuni casi, il cancro cresce molto lentamente durante un periodo di anni, così che il trattamento può non essere necessario. Tuttavia, ci sono anche forme di cancro alla prostata in cui il cancro cresce rapidamente e aggressivamente e può portare alla morte in un tempo relativamente breve. Le ragioni esatte per cui alcuni tumori della prostata crescono rapidamente o lentamente non sono note.

Al momento della diagnosi, il corso della malattia non può essere stimato con precisione in molti casi, rendendo difficile decidere quale terapia dovrebbe essere effettuata. Pertanto, il cancro alla prostata dovrebbe essere monitorato e trattato regolarmente da un urologo esperto.

La prognosi del cancro alla prostata dipende molto dallo stadio in cui il tumore viene diagnosticato. In generale, comunque, la prognosi è abbastanza favorevole. Se il cancro alla prostata si diffonde al tessuto circostante, e soprattutto se il tumore metastatizza, le possibilità di guarigione diminuiscono rapidamente. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per il cancro alla prostata è di circa l'87%.

Prevenzione

Uno stile di vita sano può ridurre il rischio di cancro alla prostata. Un peso corporeo normale, una dieta sana e varia e un'attività fisica regolare sono importanti. L'alcol dovrebbe essere consumato solo con moderazione. I seguenti punti dovrebbero essere osservati:

  • Peso corporeo normale: un peso corporeo sano può essere mantenuto o raggiunto con l'aiuto di una dieta sana e moderata e una sufficiente attività fisica. Un modo efficace e sano per ridurre l'assunzione di calorie è quello di ridurre i dolci, lo zucchero, i grassi e l'alcol. Tutti questi alimenti sono molto ricchi di calorie e forniscono poco nutrimento essenziale al corpo, come vitamine, fibre o minerali.
  • Esercizio fisico regolare: L'attività fisica può ridurre il rischio di malattie. Da mezz'ora a un'ora di esercizio leggero almeno cinque giorni alla settimana ti manterrà in forma.
  • Dieta sana: Frutta e verdura dovrebbero essere consumate ogni giorno, se possibile, ma i prodotti a base di carne (specialmente la carne rossa) dovrebbero essere consumati solo con moderazione.
  • Consumo moderato di alcol: si raccomanda che gli uomini non consumino più di due bevande alcoliche al giorno. Un drink corrisponde, per esempio, a una birra piccola, un bicchierino di grappa o un ottavo di vino.
  • Diagnosi precoce: quanto prima il cancro alla prostata viene diagnosticato e trattato, tanto maggiori sono le possibilità di guarigione. Gli uomini dovrebbero quindi fare uno screening annuale del cancro a partire dall'età di 45 anni. Se ci sono già stati casi di cancro alla prostata in famiglia, lo screening dovrebbe essere iniziato prima.