COPD (malattia polmonare ostruttiva cronica)

COPD (malattia polmonare ostruttiva cronica)
Classificazione internazionale (ICD) J44.-

Nozioni di base

Descrizione

L'abbreviazione COPD sta per malattia polmonare ostruttiva cronica. È una malattia cronica dei polmoni causata da infiammazioni e, come l'asma, da un restringimento permanente delle vie respiratorie. A differenza dell'asma, i farmaci non possono allargare completamente, ma solo parzialmente, le vie respiratorie.

La BPCO si sviluppa dalla bronchite cronica e/o dall'enfisema (gonfiore polmonare) con sintomi come espettorato, tosse cronica o mancanza di respiro.

La causa più comune è il fumo. Circa il 90% dei pazienti sono (ex) fumatori. Per i fumatori di lunga data, il rischio di sviluppare la malattia è del 20%, che non deve essere sottovalutato.

Tra le cause di morte più frequenti, la BPCO è al 4° posto. Nel mondo, circa 210 milioni di persone hanno la malattia e circa 5 milioni ne muoiono ogni anno.

La tendenza è in aumento, dato che sempre più persone diventeranno fumatori nei prossimi anni.

Tra tutte le persone colpite, gli uomini hanno più probabilità di essere colpiti rispetto alle donne.

Cause

La bronchite cronica è la base della BPCO. Le ciglia, che sono normalmente responsabili del trasporto del muco e dello sporco fuori dai polmoni, si paralizzano. Inoltre, i polmoni producono quantità eccessive di muco. Questo porta a sintomi come tosse ed espettorato frequenti. Se la causa della bronchite cronica viene eliminata in questo momento (per esempio il fumo), c'è una buona probabilità che tutti i cambiamenti tornino alla normalità.

Se questo non è il caso, la malattia polmonare ostruttiva cronica può svilupparsi nel tempo. Le ciglia sono completamente distrutte e la mucosa bronchiale si ispessisce, restringendo le vie respiratorie.

In una fase successiva, la membrana mucosa dei bronchi si ritira, questo è chiamato atrofia (atrofia dei tessuti).

Questo a sua volta fa sì che la parete degli alveoli si assottigli, diventi instabile (soprattutto quando si respira) e collassi. Una volta che questo accade, non si può tornare indietro, con conseguente affanno e scarso rendimento.

La BPCO può peggiorare se i setti alveolari (pareti dei sacchi d'aria) vengono distrutti, facendo sì che i polmoni perdano elasticità e si gonfino troppo, come un palloncino. Gli esperti lo chiamano enfisema.

La causa principale indiscussa della BPCO è il fumo di tabacco. La gravità e lo sviluppo della malattia dipendono in gran parte da quanto e per quanto tempo si è fumato. Non bisogna dimenticare che anche il fumo passivo danneggia i polmoni.

Oltre al fumo, il rischio di malattia è aumentato dall'inquinamento atmosferico generale e dalle frequenti infezioni respiratorie nell'infanzia. Studi recenti hanno anche dimostrato che vivere vicino a una strada trafficata, con i suoi alti livelli di particolato, è anche legato allo sviluppo di malattie.

Un altro fattore è l'ambiente di lavoro. Le persone esposte ad alti livelli di inquinamento atmosferico, come i minatori, hanno maggiori probabilità di ammalarsi.

Le cause più rare della BPCO sono i difetti congeniti. Questi possono includere una mancanza di anticorpi (sindrome da carenza di anticorpi) o una carenza enzimatica, ad esempio la carenza di alfa-1 antitripsina.

Sintomi

Segni di malattia polmonare ostruttiva cronica:

  • Respiro corto (inizialmente solo sullo sforzo, poi anche a riposo).
  • Tosse (peggiora progressivamente, soprattutto al mattino)
  • Espettorato (diventa sempre più denso e difficile da tossire)
  • Perdita di peso (possibilmente)

I medici parlano anche dei cosiddetti sintomi AHA (respiro corto, tosse, espettorato).

Nelle ultime fasi della malattia, può svilupparsi il cor pulmonale. In questo caso, la metà destra del cuore si allarga e diventa sempre più debole. Questa debolezza del cuore destro porta all'edema (ritenzione idrica) nelle gambe e all'ascite nell'addome.

I disturbi possono peggiorare acutamente in qualsiasi momento (esacerbazione). Cause:

  • infezioni virali o batteriche
  • Inquinamento dell'aria, per esempio smog, polveri sottili
  • tempo umido e freddo
  • Incidenti che feriscono il petto
  • Farmaci

Un aggravamento dei sintomi è evidente attraverso

  • aumento della mancanza di respiro
  • Aumento della tosse
  • Aumento dell'espettorato
  • Cambiamento del colore dell'espettorato, ad esempio giallo-verdastro nelle infezioni batteriche
  • Strettezza del torace
  • Sensazione di malessere, stanchezza
  • Febbre

Se soffri di BPCO e hai i sintomi di cui sopra, dovresti consultare urgentemente il tuo medico!

La broncopneumopatia cronica ostruttiva può essere classificata in diversi gradi di gravità. Il criterio principale è la funzione polmonare (capacità di un secondo; il volume che può essere espirato entro 1 secondo dopo la massima inspirazione):

Gravità Sintomi Capacità di un secondo (FEV1)
0 - gruppo di rischio Tosse cronica ed espettorato poco appariscente
1 - mite possibilmente sintomi cronici: tosse, espettorato, mancanza di respiro durante l'esercizio faticoso poco appariscente (> 80 % del valore obiettivo)
2 - moderato Possibili sintomi cronici: Tosse, espettorato, respiro corto limitato (50 - 80 % del valore obiettivo)
3 - grave possibilmente sintomi cronici: Tosse, espettorato, respiro corto limitato (30 - 80 % del valore target)
4 - molto grave Sottoalimentazione cronica di ossigeno gravemente limitato (< 30 % del valore target)

Una distinzione può essere fatta anche secondo l'aspetto esterno del malato, le transizioni sono fluide:

"soffietto rosa"

Il cosiddetto "wheezer rosa" ha come sintomo principale l'enfisema. È magro, con pochi muscoli e soffre di una grave mancanza di respiro. La tosse irritativa è anche un sintomo occasionale. La sua causa di morte più comune è l'insufficienza respiratoria.

"Blue Bloater"

La cosiddetta "tosse blu" ha come sintomi principali la tosse e l'espettorato. Di solito è in sovrappeso e presenta cianosi (decolorazione bluastra delle labbra e delle unghie dovuta alla mancanza di ossigeno). Anche se soffre di carenza di ossigeno, raramente sperimenta distress respiratorio. La sua causa di morte più comune è l'insufficienza cardiaca destra.

Diagnosi

All'inizio, il medico curante fa un'anamnesi (storia medica). Bisogna rispondere alle seguenti domande:

  • Da quanto tempo ha la tosse? Quanto spesso?
  • Tossisce muco più frequentemente (al mattino)? Se sì, di che colore è il muco?
  • Soffre di mancanza di respiro? Se sì, solo durante lo sforzo o anche a riposo?
  • Fuma? Ha mai fumato? Se sì, per quanto tempo e quante sigarette al giorno?
  • Qual è la sua professione? Sei esposto a sostanze nocive?
  • Il suo rendimento è diminuito?
  • Hai perso peso?
  • Soffre di altre malattie?
  • Ha altri sintomi, per esempio edema (ritenzione idrica) alle gambe?

Se hai la BPCO, il medico sentirà dei rumori (respiro sibilante, ronzio) quando ascolterà i tuoi polmoni. Cercheranno anche segni di carenza di ossigeno (cianosi, labbra o unghie blu), o di insufficienza cardiaca (edema, ritenzione idrica nelle gambe).

Un test di funzionalità polmonare misura la resistenza delle vie aeree e la capacità dei polmoni per differenziare la BPCO dall'asma, il che è molto importante.

I livelli di gas nel sangue possono essere utilizzati per rilevare la carenza di ossigeno. Cerchiamo anche la carenza di alfa-1 antitripsina (una proteina) nei pazienti sopra i 45 anni.

Poiché alcune malattie polmonari e cardiache possono causare sintomi simili, spesso sono necessari raggi X, ECG (elettrocardiogramma) e ulteriori esami del sangue per confermare la diagnosi. Altri possibili metodi di esame includono un test da sforzo e un questionario, ad esempio SGRQ, che è specifico per la malattia.

Esacerbazione - deterioramento acuto

Se c'è un peggioramento acuto della condizione, un'analisi dei gas sanguigni è essenziale per valutare meglio la gravità.

Le indicazioni di una grave esacerbazione sono valori di flusso di picco < 100 l/min o una capacità di un secondo < 1 l.

Inoltre, cerchiamo indicazioni di un'infezione. I segni nell'emocromo sarebbero, per esempio, un aumento delle cellule infiammatorie (leucocitosi) o un aumento dei valori di CRP (proteina C-reattiva, un parametro dell'infiammazione). Se è presente uno stress respiratorio acuto, sono consigliabili una radiografia del torace e un ECG.

Terapia

Obiettivi della terapia della BPCO:

  • Aumentare la capacità di esercizio
  • Alleviamento dei sintomi
  • Prevenire le esacerbazioni
  • Migliorare la qualità della vita
  • Evitare le complicazioni

Smettere di fumare

La prima priorità nel trattamento della BPCO è smettere di fumare. Questo può essere fatto con l'aiuto di farmaci e supporto psicosociale. Dopo aver smesso di fumare, i sintomi sono significativamente ridotti, la funzione polmonare migliora e i tassi di mortalità diminuiscono. Limitare l'uso del tabacco da solo non è sufficiente per ottenere questi cambiamenti.

Le vaccinazioni contro l'influenza o lo pneumococco sono consigliabili, poiché chi soffre di BPCO ha spesso delle infezioni, indipendentemente dalla gravità della malattia. Inoltre, qualsiasi esposizione alla polvere (fine) dovrebbe essere evitata.

Ci sono corsi di formazione speciali in cui si può non solo imparare di più sulla malattia, ma anche tecniche speciali di respirazione (ad esempio il blocco delle labbra, la respirazione con le labbra chiuse) e la corretta tecnica di inalazione.

Farmaci

Generalmente, si raccomanda una terapia graduale, che varia a seconda della gravità e dei sintomi.

Fase Farmaci
I Broncodilatatori ad azione rapida se necessario (beta-2-simpaticomimetici come il salbutamolo e/o anticolinergici come l'ipratropio).
II Broncodilatatori ad azione rapida secondo necessità (beta-2-simpaticomimetici come il salbutamolo e/o anticolinergici come l'ipratropio E uno o più broncodilatatori ad azione lunga come terapia continua (beta-2-simpaticomimetici come il formoterolo e/o anticolinergici come il tiotropio)
III Broncodilatatori ad azione rapida secondo necessità (beta-2-simpaticomimetici come il salbutamolo e/o anticolinergici come l'ipratropio E uno o più broncodilatatori ad azione lunga come terapia continua (beta-2-simpaticomimetici come il formoterolo e/o anticolinergici come il tiotropio) E cortisone inalato (specialmente nelle esacerbazioni)
IV Terapia come nello stadio III ed eventualmente ossigenoterapia (a lungo termine) o intervento chirurgico

Beta-2 simpaticomimetici

I muscoli delle vie respiratorie sono rilassati e i tubi bronchiali dilatati. Questo migliora l'espettorato, la tosse e la mancanza di respiro. I preparati a breve durata d'azione sono usati nei casi acuti; i preparati a lunga durata d'azione sono disponibili per la terapia a lungo termine. Il loro effetto è più lento, ma dura molte volte di più.

Anticolinergici

Rilassano anche i muscoli delle vie respiratorie e dilatano i bronchi. In contrasto con i beta-2 simpaticomimetici, hanno un effetto più debole e ci vuole più tempo perché l'effetto si manifesti.

Cortisone

Sopprime l'infiammazione delle vie aeree e quindi previene le esacerbazioni. Gli inalatori di cortisone sono particolarmente raccomandati perché permettono al cortisone di andare direttamente nei polmoni e lavorare. Si ottengono buoni risultati già con basse dosi e quindi pochi effetti collaterali. Le compresse contenenti cortisone non sono adatte per una terapia a lungo termine.

Teofillina

Un principio attivo per la dilatazione a lungo termine dei bronchi. Tuttavia, è più un farmaco di riserva nel caso in cui la terapia convenzionale non funzioni. La ragione è l'alto tasso di effetti collaterali causati da un livello fluttuante del principio attivo. Pertanto, quando viene somministrata la teofillina, è necessario un monitoraggio regolare del livello ematico del principio attivo da parte di un medico.

I farmaci mucolitici (espettoranti, micolitici) non sono necessariamente raccomandati, ma vengono utilizzati solo in caso di muco eccessivo o di infezioni acute. Anche le inalazioni con soluzioni saline possono aiutare a sciogliere il muco. Se c'è un'infezione batterica, gli antibiotici sono solitamente necessari.

Altre terapie

Terapia fisica

Questo supporta il trattamento con le medicine. La tosse è aiutata dai massaggi con le dita e gli esercizi di respirazione migliorano le prestazioni.

Gli esercizi di respirazione aiutano a migliorare la tecnica di respirazione, la ventilazione polmonare (aerazione) per fornire ossigeno al corpo. La respirazione ideale aiuta anche a ridurre la suscettibilità alle infezioni. La terapia respiratoria serve per imparare tecniche di respirazione speciali che danno fiducia in se stessi, allenano i muscoli addominali e aumentano le prestazioni. Insegna a chi soffre come aiutare se stesso.

Seduta da cocchiere: appoggia le braccia sulle cosce o su un tavolo per facilitare l'espirazione. Chiudi gli occhi e respira con calma e in modo uniforme.

Freno delle labbra: chiudere le labbra in modo sciolto. Ora espira attraverso la bocca il più lentamente possibile. Le guance si gonfieranno un po' mentre lo fai. Questa tecnica rallenta il flusso del respiro e aiuta a mantenere i bronchi aperti.

Esercizio fisico

L'esercizio fisico è parte integrante della terapia a lungo termine della BPCO. L'esercizio regolare migliora la qualità della vita, aumenta la tolleranza all'esercizio e riduce la frequenza delle esacerbazioni.

Terapia a lungo termine con ossigeno

Nella BPCO grave, specialmente nello scompenso cardiaco destro (insufficienza cardiaca), l'ossigenoterapia ha senso. L'ossigeno viene inalato dalle bottiglie attraverso un tubo nasale per 16-18 ore al giorno. Questo previene la mancanza di respiro stabilizzando la saturazione di ossigeno del sangue.

Operazione

I pazienti che hanno già sviluppato un enfisema (gonfiore polmonare) a volte hanno la possibilità di sottoporsi a un intervento chirurgico. Questo comporta la rimozione del tessuto dai bronchi dilatati che non è più coinvolto nello scambio di gas. Questa è chiamata chirurgia di riduzione del volume polmonare, che può migliorare la funzione polmonare in alcune persone.

Dieta e peso

La perdita di peso indesiderata può indicare un peggioramento della condizione. Pertanto, il peso dovrebbe essere monitorato regolarmente. In alcuni casi, la terapia nutrizionale può essere necessaria per recuperare il peso perso.

Tuttavia, ci può essere anche un improvviso aumento di peso. Di solito è un'indicazione di insufficienza cardiaca destra. Questo significa che la capacità del cuore non è più sufficiente per mantenere la normale circolazione del sangue. Questo porta alla stasi del sangue, che si traduce in edema (ritenzione idrica), soprattutto nelle gambe.

Aiuti

Quando la BPCO è grave, molte persone non possono più gestire la loro vita quotidiana da sole. Piccoli aiuti possono aiutarli ad essere indipendenti. Questi possono essere estensioni di calzari o rollator (ausili mobili per la deambulazione).

Esacerbazione

Quando le infezioni o il tempo freddo e umido colpiscono la BPCO, la condizione può peggiorare acutamente. I medici chiamano questo un'esacerbazione. In speciali corsi di formazione, le persone possono imparare a riconoscerli e trattarli precocemente.

Le esacerbazioni sono divise in 3 gradi di gravità: lieve, moderata e grave.

A seconda della gravità e dei sintomi, la cura può essere fornita su base ambulatoriale o stazionaria.

A volte può essere sufficiente aumentare la dose del farmaco. Se i sintomi come l'espettorato, la tosse e la mancanza di respiro aumentano ancora, bisogna consultare un medico. Sono allarmanti anche la febbre o l'espettorato giallo-verdastro, che indicano un'infezione batterica. Se c'è davvero un'infezione, viene trattata con antibiotici. Se non c'è miglioramento, è necessario un trattamento in ricovero.

Nel caso di una grave esacerbazione, è necessario anche un trattamento in ricovero:

  • grave mancanza di respiro
  • Capacità di un secondo < 30
  • Rapido deterioramento della condizione
  • età avanzata
  • altre malattie

Previsione

La prognosi della BPCO dipende in gran parte dalla possibilità di fermare la progressione della malattia. Il primo passo è rinunciare al consumo di tabacco. Se questo è il caso, tutti i sintomi migliorano, la funzione polmonare migliora e l'aspettativa di vita aumenta.

Anche i farmaci possono migliorare la condizione. Tuttavia, il tessuto polmonare danneggiato e non funzionante non può essere salvato. L'aspettativa di vita delle persone con la malattia è ridotta da complicazioni come le esacerbazioni.

Poiché la BPCO è una malattia cronica e progressiva, sono necessari controlli regolari da parte di un medico. Se siete per lo più senza sintomi, i controlli annuali sono sufficienti. Tuttavia, se le sue condizioni peggiorano (aumento dell'espettorato, tosse o mancanza di respiro), l'unico modo per individuare e trattare uno sviluppo negativo della BPCO è quello di vedere il suo medico il più presto possibile.

Possibili complicazioni:

  • frequenti infezioni bronchiali, polmonite
  • Funzione polmonare compromessa, con conseguente mancanza di respiro
  • Cianosi (decolorazione blu delle labbra e delle unghie dovuta alla mancanza di ossigeno)
  • Enfisema polmonare (distensione dei polmoni) dovuto alla distruzione dei tessuti nei polmoni
  • Cor pulmonale (insufficienza cardiaca destra), con conseguente edema (ritenzione idrica) nelle gambe
  • Esacerbazioni ripetute (peggioramento acuto)
  • Insufficienza cardiaca e insufficienza dei muscoli respiratori - pericolo di vita!

Prevenzione

La misura più importante per prevenire la BPCO è smettere di fumare o (non iniziare). Circa il 90% dei pazienti ha fumato a lungo o non ha ancora smesso.

Fate attenzione a non essere esposti a condizioni ambientali nocive come l'aria polverosa, fredda o fortemente inquinata (stanze fumose!) più a lungo di quanto sia assolutamente necessario. Questo vale sia per il lavoro che per il tempo libero.

Le vaccinazioni contro l'influenza e gli pneumococchi sono raccomandate.

Se soffrite già di broncopneumopatia cronica ostruttiva, potete fare quanto segue per evitare un'esacerbazione (peggioramento acuto):

  • Se state ancora fumando, smettete. La sua condizione migliorerà e il rischio di un'esacerbazione diminuirà significativamente.
  • Frequentare i corsi di educazione del paziente, che possono aiutare a minimizzare l'ospedalizzazione. Avrete l'opportunità di imparare a gestire correttamente la vostra condizione. Imparerete anche il corretto dosaggio dei farmaci in caso di esacerbazione.
  • Fare esercizio fisico regolare e adeguato.
  • Si faccia vaccinare contro l'influenza e lo pneumococco.
  • Usare esercizi di respirazione. Questo migliora la tecnica di respirazione, la ventilazione polmonare e quindi l'apporto di ossigeno al corpo. Riduce anche il rischio di infezioni respiratorie acute. Gli esercizi sono, ad esempio, il sedile della carrozza, il freno a labbro.
  • Sottoporsi a massaggi di spillatura. Aiutano a tossire il muco.
  • Evitare le stanze molto fumose, così come i luoghi con forte inquinamento dell'aria (polvere, fumo).
  • Presti particolare attenzione alla sua dieta e al suo peso. Ogni chilo di peso superfluo mette a dura prova il tuo corpo, così come essere sottopeso peggiora la tua prognosi.
  • Bere molti liquidi (acqua!) e inalare soluzioni saline. Questo rende più facile tossire il muco.
  • Se si è esposti ad alti livelli di inquinanti sul posto di lavoro, si deve contattare il medico aziendale e cercare immediatamente un trattamento.
  • Sostieni il tuo sistema immunitario. Per fare questo, mangiare una dieta sana (molta verdura e frutta fresca, liquidi sufficienti) ed evitare lo stress e altri fattori dannosi simili.

Suggerimenti

BPCO e sport

Con l'aiuto della fisioterapia e dell'allenamento respiratorio, è possibile combattere la mancanza di respiro e aumentare la resistenza e le prestazioni.

Oltre ai benefici fisici, l'esercizio riduce l'ansia e la depressione.

Un altro effetto collaterale positivo è il miglioramento dei livelli di lipidi nel sangue, della pressione alta o di altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

I programmi di formazione sono parte integrante della terapia. Lì si imparano le tecniche corrette di inalazione e le misure di primo soccorso in caso di distress respiratorio acuto.

Molte persone che ne soffrono limitano le loro prestazioni fisiche al minimo per paura. Tuttavia, risparmiare il corpo porta a una diminuzione delle prestazioni e quindi a un calo della qualità della vita, all'isolamento e alla depressione. Inizia un circolo vizioso. Per evitare che questo ti accada, dovresti fare regolarmente e sufficientemente esercizio nella tua vita quotidiana.

I pazienti con sintomi lievi, in particolare, dovrebbero mantenere o aumentare le loro prestazioni in modo da non rimanere senza fiato così rapidamente durante lo sforzo.

Una buona pianificazione delle attività sportive è necessaria perché le prestazioni fisiche sono limitate dalla BPCO. In generale, si può praticare qualsiasi tipo di sport, ma bisogna chiarire prima con il medico quali tipi di sport sono più appropriati o adatti.

È particolarmente importante non aumentare troppo rapidamente la durata e l'intensità dell'allenamento. Altrimenti, c'è il rischio di sforzarsi troppo e di perdere il divertimento dell'esercizio.

Aumentare l'intensità degli esercizi lentamente ma continuamente:

Inizia con qualche minuto di esercizio, più volte al giorno. Anche se avete lievi lamentele o poca motivazione. Prima e dopo l'allenamento (eventualmente anche durante) si dovrebbe misurare il picco di flusso (forza del flusso respiratorio).

L'esercizio fisico è sempre più divertente se fatto in compagnia. Molti luoghi hanno i loro gruppi di sport polmonari che si allenano insieme in modo mirato.

L'allenamento dovrebbe sempre iniziare con una breve fase di riscaldamento (stretching, camminata lenta). Questo stimola il metabolismo e i muscoli respiratori sovraccarichi si rilassano notevolmente.

Usa il "freno a labbro" durante l'allenamento per evitare l'affanno o per mantenerlo entro un range tollerabile. Espirare il più lentamente possibile con le labbra sciolte. Le tue guance si gonfieranno leggermente. Questa tecnica di respirazione rallenta la respirazione e mantiene i bronchi aperti.

Dopo aver finito l'esercizio, gli esercizi di stretching aiutano a prevenire i crampi.

Sport particolarmente adatti:

  • Cyclette
  • Ciclismo
  • Jogging leggero, camminata nordica
  • Arrampicata "terapeutica" sulle scale
  • Allenamento dei muscoli inspiratori (allenamento speciale per i muscoli respiratori)
  • allenamento speciale di forza con una fascia ginnica per i muscoli respiratori

Alcuni studi danno ragione di credere che l'allenamento della forza abbia un effetto particolarmente positivo sulla BPCO. Tuttavia, questa ipotesi deve ancora essere testata ulteriormente.

Le persone con BPCO traggono beneficio dall'esercizio, e la loro qualità di vita migliora perché la respirazione diventa più facile e ci sono meno episodi di dispnea.

Per essere sicuri di quanto l'esercizio fisico sia salutare per voi, dovreste prima consultare un medico.

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.