Emicrania

Emicrania
Classificazione internazionale (ICD) G43.-

Nozioni di base

L'emicrania è un mal di testa grave, improvviso, pulsante o pulsante, spesso accompagnato da nausea e vomito. Il mal di testa di solito si verifica solo su un lato della testa. La durata di un attacco di emicrania può variare da quattro ore a tre giorni.

Le emicranie sono il tipo più comune di mal di testa, insieme alle cefalee di tipo tensivo. Le donne (circa il 14%) sono colpite quasi due volte più spesso degli uomini (7%). Quasi una donna su quattro soffre di emicrania almeno una volta nella vita.

Circa il cinque per cento dei bambini in età prepuberale soffrono anche di attacchi di emicrania. Le persone tra i 35 e i 45 anni sono colpite più frequentemente. Inoltre, si può osservare che i figli dei malati hanno un rischio maggiore di soffrire anche di emicrania.

Cause

Le cause esatte degli attacchi di emicrania non sono ancora del tutto note. Si presume che i fattori genetici giochino un ruolo importante, poiché l'emicrania è più comune nelle famiglie con un genitore con la malattia. Questa ipotesi è anche supportata da vari studi su fratelli e sorelle gemelli. Nell'emicrania emiplegica - una forma speciale di emicrania - il gene che causa la malattia è stato trovato sul cromosoma 19.

Anche se le cause esatte e le cause scatenanti dell'emicrania non sono conosciute, ci sono alcune teorie su come il dolore caratteristico si sviluppa:

  • Si presume che vari neurotrasmettitori (per esempio la serotonina) abbiano un ruolo importante nel meccanismo di sviluppo dell'emicrania. Questi neurotrasmettitori sono sostanze messaggere del cervello che vengono immagazzinate nelle cellule nervose e rilasciate in risposta a determinati stimoli. La loro funzione è quella di trasmettere segnali inibitori o attivatori a organi come i muscoli, i vasi sanguigni, il cuore o l'apparato digerente. Un disturbo dell'equilibrio della serotonina nel cervello potrebbe portare allo sviluppo dell'emicrania.
  • Un'altra teoria è che un'emicrania è innescata dall'attivazione di un cosiddetto "generatore di emicrania" nel tronco cerebrale. Nell'emicrania, c'è un'ipereccitabilità di certe regioni del cervello (specialmente il nucleo trigemino) e un'infiammazione locale delle fibre nervose che regolano i vasi sanguigni alla base del cervello. Il processo infiammatorio rende la parete vascolare più permeabile, permettendo a varie sostanze di uscire dai vasi sanguigni e irritare il tessuto circostante. Questo irrita anche i recettori del dolore del nervo trigemino così come il nucleo trigemino, il che intensifica l'intero processo stesso e l'attacco di emicrania aumenta di intensità.

Ci sono diversi fattori (chiamati trigger) da persona a persona che possono scatenare un attacco di emicrania:

  • Mancanza di sonno
  • Stress
  • Luce molto luminosa e abbagliante
  • Fluttuazioni ormonali durante le mestruazioni, l'assunzione di contraccettivi ormonali o la gravidanza
  • Nicotina (fumo attivo e passivo)
  • alcool
  • pesante sforzo fisico
  • In rari casi, alimenti come il vino rosso, il cioccolato e alcuni tipi di formaggio

Sintomi

Le diverse forme di emicrania possono essere distinte sulla base dei sintomi. La classificazione internazionale definisce due forme principali: Emicrania con aura ed emicrania senza aura.

L'emicrania senza aura è la forma più comune. È caratterizzato da un mal di testa pulsante che aumenta lentamente e che di solito colpisce solo un lato della testa e dura tra le quattro e le 72 ore. Le emicranie sono spesso accompagnate da nausea e vomito. Durante un attacco di emicrania, chi ne soffre è particolarmente sensibile al rumore e alla luce - sono quindi preferiti luoghi di ritiro tranquilli e bui. Lo sforzo fisico quotidiano, come salire le scale o camminare velocemente, può peggiorare il mal di testa.

Circa una persona su dieci soffre anche di sintomi neurologici chiamati emicrania con aura. I sintomi di solito non durano più di 40 minuti e precedono un attacco di mal di testa. I seguenti sintomi possono verificarsi individualmente o in combinazione:

  • Disturbi del linguaggio
  • Disturbi visivi come la perdita del campo visivo (buchi neri nel campo visivo), lampi di luce colorata o linee a zig zag attraverso il campo visivo (chiamate fortificazioni)
  • Formicolio o debolezza nelle braccia o nelle gambe
  • Problemi di equilibrio

Diversi studi dimostrano che la presenza di emicrania con aura nelle donne prima dei 40 anni può aumentare il rischio di ictus. Tuttavia, questo è solo il caso se ci sono altri fattori di rischio come il fumo, il sovrappeso o l'assunzione della pillola.

Le emicranie di solito hanno quattro fasi:

  • Fase prodromica (fase preliminare): da ore a giorni prima di un attacco di emicrania, è annunciata da vari sintomi come voglie, perdita di appetito, maggiore irritabilità o euforia.
  • Fase dell'aura: in circa il 10% dei malati, i sintomi neurologici (aura) descritti sopra si verificano poco prima della fase del dolore.
  • Fase del mal di testa: questa fase si manifesta con la comparsa del caratteristico mal di testa unilaterale e pulsante per quattro-72 ore, così come l'ipersensibilità al rumore e alla luce.
  • Fase di regressione: qui i sintomi si attenuano lentamente, ma il malato si sente ancora stanco e affaticato. Possono essere necessarie altre 12-24 ore per recuperare completamente.

Gli attacchi di emicrania possono presentarsi regolarmente a brevi intervalli o non presentarsi affatto per un periodo di tempo più lungo, da alcune settimane ad anni. Se un attacco di emicrania segue direttamente il precedente, si parla di status migraenosus.

Diagnosi

Dal momento che non ci sono test di laboratorio specifici per rilevare l'emicrania, una dettagliata storia medica in combinazione con un esame neurologico è fondamentale. In alcuni casi, ulteriori test come l'elettroencefalogramma (EEG) o l'ecografia Doppler possono essere utili per escludere la presenza di altre malattie.

Una risonanza magnetica (MRI) della zona della testa è raccomandata se sono presenti i seguenti fattori:

  • Anomalie nell'esame neurologico
  • Prima comparsa di emicrania dopo i 40 anni
  • Aumento della frequenza e dell'intensità degli attacchi di emicrania
  • Comparsa di molte aure (sintomi neurologici) a brevi intervalli
  • Cambiamento improvviso dei sintomi di accompagnamento

Quando si diagnostica l'emicrania, è anche importante distinguerla da altre forme di mal di testa, come la cefalea tensiva, la cefalea indotta da farmaci o la cefalea a grappolo. Inoltre, devono essere escluse altre malattie come tumori, infiammazioni o lesioni alla testa.

Terapia

Poiché le cause dell'emicrania non sono ben comprese, l'obiettivo principale della terapia farmacologica è il trattamento dei sintomi. Si fa una distinzione tra la terapia dell'attacco acuto di emicrania e la profilassi (prevenzione) prima degli attacchi.

A seconda della gravità dell'emicrania, sono disponibili diversi farmaci di prima linea:

  • Se gli attacchi di emicrania sono da lievi a moderati, si raccomanda l'assunzione precoce di alte dosi di analgesici (antidolorifici) e antinfiammatori non steroidei come l'acido acetilsalicilico, paracetamolo, ibuprofene o diclofenac. I preparati combinati di acido acetilsalicilico, paracetamolo e caffeina sono più efficaci dell'assunzione delle singole sostanze, secondo vari studi.
  • Negli attacchi di emicrania gravi, di solito è necessario prendere i cosiddetti triptani (agonisti dei recettori della serotonina). Queste sostanze agiscono sui recettori della serotonina, riducendo così il mal di testa e combattendo gli effetti collaterali dell'emicrania come nausea e vomito. I triptani sono più efficaci se presi all'inizio degli attacchi acuti di emicrania. Ci sono molti triptani disponibili in farmacia in diverse forme, come compresse, spray nasali, supposte e iniezioni sottocutanee. I triptani possono anche essere presi contemporaneamente ad altri antidolorifici. I triptani non devono essere presi in presenza di malattia coronarica (CHD), sindrome di Raynaud, ipertensione non trattata (pressione alta), gravi disfunzioni epatiche e renali, dopo ictus e durante la gravidanza e l'allattamento.

Gli antidolorifici non devono mai essere presi in modo incontrollato. È importante notare che il farmaco non deve essere preso più di dieci volte al mese e non per più di tre giorni consecutivi, altrimenti si può sviluppare un mal di testa indotto dal farmaco. Se il mal di testa è frequente, bisogna consultare un medico in ogni caso.

Sono disponibili anche altri farmaci per il trattamento, ma causano effetti collaterali più gravi:

  • Ergotamine (alcaloidi della segale cornuta): anche queste sono usate per controllare gli attacchi di emicrania acuta, ma causano più effetti collaterali (per esempio, sonnolenza, debolezza) dei triptani. Le Ergotamine sono quindi utilizzate solo come sostituti per attacchi di emicrania molto lunghi o quando i farmaci di prima linea per l'emicrania (FANS, triptani) sono inefficaci.
  • Antiemetici: Questi farmaci sono utili contro la nausea grave e il vomito durante gli attacchi di emicrania. Agenti raccomandati come il metoclopramide (approvato solo per gli adulti) o il domperidone (approvato anche per i bambini) hanno dimostrato di migliorare i sintomi.
  • Oppioidi (farmaci contenenti oppiacei): Poiché l'effetto di questi farmaci antidolorifici sull'emicrania non è stato dimostrato e sono altamente coinvolgenti, gli oppiacei non dovrebbero essere usati.

Oltre alla terapia farmacologica, bisogna prestare particolare attenzione a riposare e recuperare abbastanza durante un attacco di emicrania. Stare in una stanza tranquilla e buia allevia i sintomi. Anche il sonno, gli impacchi freddi o gli esercizi di rilassamento possono essere utili.

Previsione

Poiché l'emicrania è una malattia cronica, la cui causa non è ben conosciuta e non può essere trattata, gli attacchi di emicrania non possono essere completamente prevenuti. Tuttavia, con una terapia e uno stile di vita adeguati, la frequenza e l'intensità degli attacchi possono essere ridotti. Se si verificano più di tre attacchi di emicrania al mese, si raccomanda la profilassi dell'emicrania con farmaci.

In alcuni casi, gli attacchi di emicrania si verificano meno frequentemente dopo i 40 anni. Le ragioni di questo non sono note al momento. Tuttavia, c'è anche la possibilità che il mal di testa possa aumentare di intensità nel tempo. Questo può essere il risultato di mal di testa indotto da farmaci - questa forma di mal di testa è innescata dall'assunzione di antidolorifici o triptani troppo spesso.

Prevenzione

La profilassi dell'emicrania con farmaci e cambiamenti nello stile di vita può influenzare positivamente la frequenza e l'intensità degli attacchi di emicrania. Le misure di terapia comportamentale per affrontare lo stress, così come gli esercizi di rilassamento (per esempio il rilassamento muscolare progressivo secondo Jacobson o i metodi di biofeedback) e le terapie cognitive comportamentali sono metodi efficaci di profilassi dell'emicrania senza farmaci. Molti pazienti riferiscono anche l'efficacia del trattamento di agopuntura.

Poiché gli attacchi di emicrania sono spesso preceduti da fattori scatenanti come la mancanza di sonno, lo stress o la nicotina, questi fattori dovrebbero essere evitati se possibile. Con l'aiuto di un calendario del mal di testa, le abitudini di vita possono essere analizzate e i fattori scatenanti personali possono essere filtrati. Il calendario delle cefalee registra il tempo, la durata e l'intensità del mal di testa così come i sintomi che lo accompagnano, i farmaci, lo stile di vita (abitudini alimentari e di sonno) e il ciclo mestruale.

Inoltre, mangiare e bere grandi quantità la sera dovrebbe essere evitato se possibile. Il consumo di alcol dovrebbe essere notevolmente ridotto; nel migliore dei casi, l'alcol dovrebbe essere evitato del tutto. Si dovrebbe anche prestare attenzione a modelli di sonno regolari e a una durata sufficiente del sonno. Anche gli sport di resistenza come il jogging, il ciclismo o il nuoto hanno dimostrato di essere efficaci come profilassi dell'emicrania. L'attività fisica regolare aumenta il benessere e contrasta gli attacchi di emicrania.

Se i cambiamenti nello stile di vita non sono sufficienti a prevenire gli attacchi di emicrania, si può considerare la profilassi dell'emicrania con i farmaci. Questo è raccomandato se si applicano i seguenti fattori:

  • Insorgenza di tre o più attacchi di emicrania al mese.
  • Gli attacchi di emicrania persistono per più di 72 ore.
  • Interferenza significativa con la qualità della vita, il lavoro o la frequenza scolastica a causa di attacchi di emicrania. F
  • f farmaco non è efficace negli attacchi acuti di emicrania o non può essere preso a causa di intolleranza.
  • Se un infarto migratorio (persistenza dei sintomi dell'aura per più di 60 minuti, eventualmente in combinazione con un ridotto flusso di sangue al cervello) si è già verificato in passato.

I seguenti farmaci sono disponibili per la profilassi:

  • Profilattici dell'emicrania di prima scelta: qui, per esempio, sono disponibili farmaci cardiovascolari come i beta-bloccanti (propranololo, metoprololo), calcio-antagonisti (flunarizina) o antiepilettici (topiramato, acido valproico). Gli antidolorifici (naprossene) o gli antidepressivi (amitriptilina) possono anche essere utilizzati per prevenire gli attacchi di emicrania.
  • Profilattici per l'emicrania di 2a scelta: qui, per esempio, si usano sostanze attive come gabapentin, venlafaxina, acido acetilsalicilico, magnesio e riboflavina (vitamina B2). Tuttavia, l'effetto emicranico-profilattico di questi farmaci non è stato scientificamente provato per tutte le sostanze.

La profilassi può ridurre la frequenza, l'intensità e la durata degli attacchi di emicrania fino al 50%. Inoltre, il mal di testa continuo scatenato dall'uso di droghe (mal di testa indotto da droghe) può essere prevenuto. Si raccomanda di combinare la profilassi farmacologica con misure di terapia comportamentale come le procedure di biofeedback o il rilassamento muscolare progressivo.

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.