Encefalite (infiammazione del cervello)

Encefalite (infiammazione del cervello)

Nozioni di base

L'encefalite è un'infiammazione del cervello. Nella maggior parte dei casi, è scatenata da un'infezione virale. Se non solo il cervello stesso ma anche le meningi sono colpite, si parla di meningoencefalite.

C'è anche la possibilità di un'infiammazione non infettiva del cervello, come l'encefalomielite acuta disseminata non febbrile (ADEM). Questo è probabilmente causato da una reazione difettosa del sistema immunitario del corpo. Le infiammazioni cerebrali devono essere distinte dalla meningite pura.

Cause

L'encefalite è solitamente scatenata da un'infezione virale. Si distingue tra due forme:

  • Nella forma primaria, i virus causano direttamente l'infiammazione del cervello.
  • Nella forma parainfettiva, il sistema immunitario del corpo va fuori controllo e attacca il cervello stesso (reazione autoimmune). Questa reazione difettosa si basa sul fatto che durante un'infiammazione si sono formati anticorpi contro componenti cellulari del cervello (autoanticorpi), per cui il sistema immunitario ora attacca le strutture proprie del corpo nel cervello.

L'infiammazione del cervello può essere innescata dai seguenti virus, tra gli altri:

  • Virus del morbillo
  • Virus dell'herpes
  • Virus della parotite
  • Virus di Epstein-Barr
  • Virus dell'influenza
  • Virus della varicella zoster
  • I virus TBE (virus della meningoencefalite di inizio estate, che possono essere trasmessi dal morso di una zecca).

Inoltre, i batteri (per esempio, i batteri della borrelia o della tubercolosi), i funghi, i parassiti, i protozoi (tripanosomi) o certe malattie autoimmuni possono anche portare all'encefalite.

I bambini, i giovani adulti e le persone con un sistema immunitario indebolito (per esempio, a causa di un'infezione da HIV o di una terapia immunosoppressiva) hanno un rischio maggiore di contrarre l'encefalite.

Sintomi

I sintomi dell'encefalite dipendono fortemente dai rispettivi fattori scatenanti dell'infiammazione, poiché molti agenti patogeni colpiscono solo alcune regioni del cervello. I sintomi variano a seconda della regione del cervello colpita.

L'encefalite virale inizia con sintomi generali simili all'influenza, come affaticamento, mal di testa, febbre e nausea. Con il progredire della malattia, diversi sintomi specifici diventano evidenti oltre alla febbre alta:

  • Improvviso deterioramento della capacità di concentrazione e della memoria
  • incoscienza, confusione
  • Cambiamenti comportamentali come sbalzi d'umore, deliri persecutori, allucinazioni o disorientamento
  • Deficit neurologici, per esempio disturbi del linguaggio o paralisi di singole estremità o dei muscoli dell'occhio.
  • Se anche le meningi sono irritate, rigidità e dolore al collo e alla schiena (segni di meningismo).
  • Attacchi epilettici

Diagnosi

Per diagnosticare l'encefalite, i sintomi e l'anamnesi sono prima presi in una consultazione medica (anamnesi). Dettagli come precedenti malattie generali, infezioni virali o morsi di zecche sono particolarmente importanti. Sono importanti anche i viaggi recenti in vacanza e il contatto con animali da fattoria o con altre persone affette da encefalite. Se necessario, un ulteriore tentativo è fatto per ottenere una seconda descrizione da un parente o un amico del paziente, poiché le persone con encefalite sono spesso limitate nel loro pensiero, nella percezione e nella capacità di comunicare.

In seguito, viene effettuato un dettagliato esame fisico (corporeo) e neurologico. Oltre ai sintomi descritti sopra, a volte vengono rilevati sintomi cutanei o disturbi dell'equilibrio idrico.

Se si sospetta un'encefalite, un campione di liquido cerebrospinale (CSF) viene prelevato tramite puntura lombare ed esaminato in laboratorio per la presenza di agenti patogeni o segni di infiammazione. Il tipo esatto di patogeno può essere determinato con l'aiuto di una reazione a catena della polimerasi (PCR), poiché anche le più piccole quantità di particelle di virus sono sufficienti per determinare la causa della malattia. Tuttavia, poiché gli agenti patogeni dell'encefalite sono spesso rilevabili solo dopo un lungo periodo di tempo e il liquido cerebrospinale è ancora privo di agenti patogeni nella fase acuta dell'infiammazione cerebrale, in molti casi la diagnosi "encefalite" viene fatta sulla base dei sintomi caratteristici. Solo in una fase successiva la diagnosi è confermata dalla diagnostica di laboratorio.

Normalmente, se si sospetta un'encefalite, si esegue anche una tomografia computerizzata (TAC) per escludere altre malattie del cervello come un'emorragia cerebrale. Può essere utilizzata anche la risonanza magnetica (MRI). Un'elettroencefalografia (EEG) viene spesso eseguita per visualizzare meglio le conseguenze dell'infiammazione sulla funzione cerebrale nelle prime fasi della malattia.

Terapia

Poiché l'encefalite è una malattia grave con un alto rischio di complicazioni, i pazienti devono sempre essere trattati e osservati come pazienti ricoverati in ospedale. Le complicazioni pericolose per la vita possono essere riconosciute e trattate più rapidamente in questo modo. La terapia effettiva varia a seconda della causa dell'encefalite.

In caso di encefalite, è particolarmente importante iniziare il trattamento immediatamente per evitare che il cervello subisca danni dall'infiammazione. Dato che il tipo esatto di patogeno spesso non è ancora noto al momento della diagnosi, all'inizio della terapia viene somministrata una combinazione di diversi antibiotici (farmaci contro i batteri) e virustatici (farmaci contro i virus). Se, dopo qualche tempo, è stato possibile determinare l'esatto patogeno in laboratorio, i farmaci inefficaci vengono interrotti e si continua il trattamento con i farmaci più efficaci.

Se l'infiammazione del cervello è causata da un'infezione virale, si usano farmaci virali. Per esempio, il principio attivo aciclovir sarebbe efficace per l'encefalite da herpes o da varicella, e una combinazione di ganciclovir e forscamet potrebbe essere usata per l'encefalite da citomegalovirus. Gli antimicotici (antifungini) sono usati per le infezioni fungine. Prima vengono somministrati i farmaci, migliore è la prognosi.

I farmaci antiepilettici (farmaci contro le crisi epilettiche) sono prescritti se necessario per abbassare la pressione cerebrale. Possono essere necessari anche farmaci antipiretici o antidolorifici.

Previsione

La prognosi dell'encefalite dipende fortemente dalla gravità della malattia e dal tipo di patogeno. Se la malattia viene diagnosticata e trattata presto, le possibilità di recupero sono di solito abbastanza buone.

Anche l'encefalite molto grave causata dai virus dell'herpes simplex può oggi essere trattata bene con i farmaci, tanto che più dell'80% delle persone che si ammalano guariscono. In alcuni casi, tuttavia, rimangono danni irreversibili al sistema nervoso. Poiché il momento in cui si inizia il trattamento è decisivo per una prognosi favorevole, indicazioni come la comparsa improvvisa di febbre alta o disturbi della coscienza devono essere prese seriamente e chiarite dal medico immediatamente.

Prevenzione

Un metodo sicuro per prevenire l'encefalite che si verifica nel contesto di morbillo, parotite, rosolia o polio è una vaccinazione contro i rispettivi virus. Ci sono anche vaccinazioni per altri agenti patogeni, che sono particolarmente utili per le persone che vivono in zone a rischio o che vogliono viaggiarvi. Esempi di questo sarebbero le vaccinazioni contro il virus TBE (virus della meningoencefalite di inizio estate) nelle zone di zecche o le vaccinazioni contro l'encefalite giapponese B, che è comune nelle zone rurali del sud-est asiatico.

In alcuni casi, la somministrazione di anticorpi (immunoglobuline) può anche essere utile per ridurre la gravità dell'infiammazione cerebrale. Anche se la persona colpita è già stata esposta all'agente patogeno, il trattamento con anticorpi può essere molto efficace - ma la terapia dovrebbe essere iniziata il più presto possibile.

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.