Infezione fungina vaginale (micosi vaginale)

Infezione fungina vaginale (micosi vaginale)
Classificazione internazionale (ICD) B37.-

Nozioni di base

Le micosi vaginali sono infezioni genitali causate da funghi, che colpiscono moltissime donne nel corso della loro vita. Anche in uno stato di salute, la vagina è colonizzata da batteri e alcuni funghi, ma c'è un equilibrio tra questi germi. Se c'è un cambiamento nell'ambiente vaginale e l'equilibrio tra batteri e funghi cambia, si può sviluppare un'infezione fungina vaginale.

Gli ormoni sessuali femminili hanno una grande influenza sull'ambiente specifico della vagina, e la loro concentrazione può cambiare durante il ciclo mensile e con l'età. Questa influenza ormonale spiega anche il diverso milieu vaginale tra le ragazze prima e dopo la pubertà, le donne anziane durante la menopausa e dopo la menopausa.

Nelle donne sane, la mucosa della vagina è ampiamente colonizzata da batteri dell'acido lattico (noti anche come lattobacilli o piccoli batteri). Questi batteri sono innocui per la donna e producono acido lattico dallo zucchero che ottengono dalle cellule della mucosa. Questo acido lattico crea un ambiente vaginale acido nella vagina, che sopprime la moltiplicazione di altri batteri o funghi e quindi protegge la donna dalle infezioni.

Cause

Gli agenti patogeni

Come suggerisce il nome, un'infezione vaginale da lievito è causata da funghi. L'agente patogeno più comune è un fungo del lievito, cioè la Candida albicans. Questo fungo è un rappresentante del gruppo Candida, che può essere riconosciuto al microscopio per le sue grandi cellule bianche e rotonde. È tipico dei funghi del lievito che possono moltiplicarsi molto bene a 37 gradi Celsius. Così, la temperatura del corpo offre alla Candida albicans le migliori condizioni per prosperare nella membrana mucosa della vagina. Se si diagnostica un'infezione da Candida albicans prendendo uno striscio ed esaminandolo al microscopio, si possono vedere i fili (ife) tipici dei funghi del lievito. Tuttavia, alcune donne possono anche portare cellule isolate di Candida senza sviluppare sintomi.

Normalmente, la vagina è colonizzata da funghi molto tempo prima dell'infezione, ma la malattia non si verifica perché i funghi sono soppressi dall'ambiente acido della vagina. La colonizzazione fungina della vagina può avvenire molto prima della comparsa dei primi sintomi, per esempio alla nascita. Tuttavia, la malattia scoppia solo quando il rapporto tra batteri e funghi si squilibra e il fungo può diffondersi facilmente.

Anche i rapporti sessuali possono essere la causa scatenante della micosi vaginale; i rapporti anali in particolare possono promuovere un'infezione da micosi vaginale. Questo può essere spiegato dal fatto che la mucosa del tratto gastrointestinale, compreso il retto, è colonizzata da Candida albicans e questa può essere trasferita alla vagina durante il rapporto anale.

Anche la condivisione di articoli per l'igiene, asciugamani e biancheria può contribuire alla comparsa di un'infezione fungina vaginale. Le infezioni fungine possono essere trasmesse anche nelle piscine pubbliche. Tuttavia, il fungo non può sopravvivere in acqua clorata, quindi non c'è rischio di trasmissione nelle piscine clorate.

Fattori favorevoli

Un ambiente vaginale disturbato può favorire lo sviluppo di un'infezione fungina vaginale. Per esempio, se l'equilibrio tra batteri e funghi viene cambiato a favore dei funghi dalla terapia antibatterica, questo può promuovere un'infezione fungina. Oltre all'ambiente vaginale acido, anche il sistema immunitario gioca un ruolo importante nella protezione contro la micosi vaginale. Anche i farmaci immunosoppressori o i farmaci usati nella terapia del cancro possono promuovere un'infezione. Inoltre, altre malattie esistenti come il diabete o i cambiamenti nell'equilibrio ormonale possono contribuire alla diffusione del fungo. Inoltre, il rischio di contrarre la micosi vaginale aumenta anche durante la gravidanza, il che si spiega con i cambiamenti nei livelli di zucchero e di ormoni. Le generazioni precedenti di preparati per pillole possono anche essere inquietanti per l'ambiente vaginale a causa di un più alto livello di ormoni sessuali. In questi casi, è consigliabile passare a preparati più recenti con un contenuto ormonale inferiore.

Anche se un certo grado di igiene è raccomandato per evitare infezioni fungine vaginali, il lavaggio eccessivo della zona genitale può favorire la proliferazione dei funghi perché può disturbare l'ambiente vaginale. Pertanto, l'uso di gel e lozioni speciali per il lavaggio non è raccomandato. I funghi hanno bisogno di umidità e calore per prosperare. Pertanto, ci si dovrebbe astenere dall'indossare abiti troppo stretti e sintetici. Spesso, lo scoppio di un'infezione fungina vaginale è anche dovuto allo stress o a situazioni stressanti.

Sintomi

Nel caso di un'infezione fungina della vagina, i sintomi più comuni sono i seguenti:

- Grave prurito

- Dolore bruciante

- Arrossamento

- Edema (gonfiore)

- Dolore durante la minzione Alcune donne riferiscono anche dolore di vari gradi durante il rapporto sessuale. Uno scarico bianco e friabile è anche comune con un'infezione vaginale da lievito. Quando si esaminano le pareti vaginali, si può trovare anche un rivestimento biancastro. Dopo che questo rivestimento è stato rimosso, la membrana mucosa ora visibile della vagina appare di solito gonfia e arrossata. Anche piccole emorragie dopo la rimozione del rivestimento non sono rare.

Soprattutto se le donne hanno già sperimentato la micosi vaginale, di solito possono riconoscere abbastanza rapidamente la comparsa dei sintomi tipici come un'indicazione di una nuova infezione fungina. Soprattutto i sintomi cardinali di prurito e bruciore in combinazione con le tipiche scariche fanno sì che molte donne facciano l'autodiagnosi di micosi vaginale.

Tuttavia, un quadro clinico simile può essere causato anche da altri agenti patogeni, motivo per cui non è consigliabile trattarlo da soli ed è meglio farlo controllare da un ginecologo. In ogni caso, si dovrebbe vedere un ginecologo se i sintomi persistono, si ripetono a brevi intervalli, ma anche in caso di micosi vaginale durante la gravidanza. La febbre e il dolore all'addome possono essere un'indicazione di gravi infezioni del basso ventre e devono essere chiariti.

Diagnosi

Un'infezione fungina vaginale può essere diagnosticata dalla storia medica, da un esame ginecologico e da uno striscio vaginale.

A volte non è possibile rilevare un'infezione fungina al microscopio o distinguerla dalle infezioni batteriche. In questo caso, prendere una coltura fungina è spesso molto utile. Soprattutto nel caso di micosi vaginali ripetute, è molto importante accertare alcuni fattori di rischio come farmaci, altre malattie o abitudini igieniche che possono favorire lo sviluppo di un'infezione fungina.

Terapia

Antimicotici

Gli antimicotici sono usati per trattare la micosi vaginale in varie forme, come compresse vaginali, unguenti o supposte. Gli antimicotici tipici includono clotrimazolo, ketoconazolo o fenticonazolo. La maggior parte degli antimicotici sono usati per la terapia topica della micosi vaginale, ma in alcuni casi è utile anche il trattamento sistemico con compresse. Tuttavia, questo tipo di terapia, in cui le compresse sono prese per via orale, non dovrebbe essere usato durante la gravidanza. Non ci sono obiezioni al trattamento topico con unguenti o supposte, ma la terapia dovrebbe comunque essere monitorata da un medico. I rapporti sessuali devono essere evitati durante la terapia, e l'uso almeno temporaneo di preservativi è raccomandato dopo il completamento del trattamento.

Auto-misure

Se sospetti di avere un'infezione vaginale da lievito, una delle misure che puoi prendere da sola è quella di somministrare localmente dello yogurt arricchito di batteri lattici. Questo può ripristinare o sostenere l'ambiente vaginale acido, che inibisce la diffusione dei funghi. Tuttavia, il successo di questa misura varia da donna a donna.

Un altro metodo per contrastare la progressione di un'infezione vaginale da lievito incipiente è lasciare che la vagina si asciughi per qualche ora. Per esempio, si può usare un tampone per rimuovere l'umidità dai funghi, di cui gli agenti patogeni hanno bisogno per moltiplicarsi. Tuttavia, asciugare la vagina per troppo tempo può portare a ulteriori danni.

Previsione

Le micosi vaginali hanno di solito una buona prognosi. Il 90% delle micosi vaginali risponde bene alla terapia e guarisce. Tuttavia, una nuova infezione da micosi vaginale (recidiva) può verificarsi dopo poco tempo, che nella maggior parte dei casi è dovuta a uno squilibrio tra batteri e funghi. Incolpare la terapia per l'unico successo di guarigione di breve durata non è quindi giustificato nella maggior parte dei casi. Piuttosto, la recidiva della micosi vaginale dovrebbe essere trattata anche con antimicotici.

In contrasto con le ipotesi precedenti che il rischio di recidiva delle infezioni fungine potrebbe essere ridotto trattando il partner allo stesso tempo, molti studi hanno purtroppo dimostrato poco successo in questo senso. In alcuni casi, tuttavia, ha ancora senso esaminare il partner e includerlo nella terapia.

Se la persona colpita soffre di micosi vaginale più di quattro volte all'anno, si deve fare un'indagine precisa sui fattori che possono favorire un'infezione fungina. In molti casi, la prescrizione di un preparato con un contenuto di estrogeni più basso ha dimostrato di essere efficace nelle donne che prendono la pillola. Può anche essere necessario trattare con antimicotici orali per un periodo che va da diversi mesi a metà anno. Sfortunatamente, il trattamento permanente ha successo a lungo termine solo per circa il cinquanta per cento.

Prevenzione

La persona colpita può prendere diverse misure per contrastare il verificarsi di un'infezione:

- Per esempio, non si dovrebbe indossare biancheria intima sintetica aderente alla pelle.

- Per alcune donne, indossare assorbenti può anche portare alla micosi vaginale. Soprattutto, però, i salvaslip con un rivestimento in plastica non sono consigliabili perché possono creare umidità e calore, che a loro volta favoriscono la crescita di funghi.

- Anche i costumi da bagno umidi dovrebbero essere cambiati il prima possibile.

- Non bisogna lavare eccessivamente la zona genitale con il sapone e nel migliore dei casi usare sapone con un valore di pH acido.

- I funghi hanno bisogno di zucchero per prosperare. Quindi si possono prevenire in qualche modo le infezioni fungine mangiando una dieta il più possibile povera di carboidrati.

- Se la micosi vaginale è già avvenuta, è importante cambiare tutti gli asciugamani, le lenzuola e i vestiti e lavarli con detergenti speciali disponibili in farmacia.

- Per prevenire la diffusione di germi dalla zona anale, si dovrebbe sempre pulire la zona intima da davanti a dietro dopo aver usato il bagno.

- Si raccomanda anche l'uso di preparati per costruire l'ambiente acido vaginale, come le colture di batteri lattici.

- A volte l'uso del preservativo può proteggere da nuove infezioni. Questo perché i funghi possono moltiplicarsi sotto il prepuzio del membro maschile ed essere trasmessi durante il rapporto sessuale. Questo accade molto meno spesso con gli uomini circoncisi.

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.