Schizofrenia

Schizofrenia
Classificazione internazionale (ICD) F20.-

Nozioni di base

La schizofrenia è una grave malattia mentale che altera il pensiero, il comportamento e la percezione di chi ne è affetto. In particolare, è spesso molto difficile per chi ne soffre distinguere tra realtà e deliri. Inoltre, molte persone che soffrono di schizofrenia riportano voci nella loro testa e forti deliri di persecuzione.

Contrariamente alla credenza diffusa che la schizofrenia provochi una scissione della personalità, questo disturbo non comporta la formazione di personalità multiple. Lo sviluppo della schizofrenia è in gran parte basato su una predisposizione genetica ed è quindi annoverato tra le psicosi endogene.

Circa l'1% di tutte le persone soffrono di questa malattia mentale almeno una volta nella loro vita, quindi la schizofrenia non è così rara. Il picco della malattia è tra i 18 e i 35 anni, con circa lo stesso numero di donne e uomini colpiti dalla malattia. Tuttavia, in media, la schizofrenia appare qualche anno prima nei maschi. Così, il picco di età maschile è tra il 15° e il 30° anno di vita e il picco di età femminile è tra il 25° e il 35° anno di vita.

Con un trattamento intensivo, la schizofrenia può essere messa sotto controllo e si possono creare condizioni di vita relativamente stabili per la maggior parte delle persone colpite. Alcune persone possono anche tornare al lavoro. Tuttavia, solo un quinto di tutti i malati guarisce completamente.

Cause

La causa esatta della schizofrenia non è stata ancora completamente spiegata, ma si sa che alcuni neurotrasmettitori, cioè molecole di segnalazione chimica nel cervello, contribuiscono allo sviluppo della malattia. La teoria che un aumento della produzione del trasmettitore dopamina è responsabile della schizofrenia ha dovuto essere scartata, poiché si è scoperto che la sovrapproduzione di dopamina da sola non può causare la malattia.

Inoltre, alcune parti del cervello sono ristrutturate nella schizofrenia. Per esempio, in molte persone con schizofrenia c'è un'espansione dei ventricoli, che sono cavità piene di liquido nel cervello, e una riduzione delle dimensioni di un'area del cervello chiamata ippocampo.

Componente genetica

È considerato chiaro che la costellazione genetica gioca un ruolo importante nello sviluppo della schizofrenia. La probabilità di sviluppare la schizofrenia da soli se uno dei nonni soffre della malattia è del 3%. Se un genitore è affetto dalla malattia, il rischio di sviluppare la malattia è di circa il 10%. Tuttavia, la schizofrenia è una malattia multifattoriale, cioè si sviluppa attraverso una combinazione di predisposizione genetica e fattori ambientali. Questo è il motivo per cui solo il 40-60% delle coppie di gemelli ha entrambi i fratelli affetti.

Teoria della vulnerabilità-stress-coping

Eventi stressanti possono promuovere lo sviluppo della schizofrenia. Per esempio, complicazioni alla nascita, gravi malattie croniche o un'infanzia stressante possono contribuire allo sviluppo della malattia mentale. Inoltre, lo stress sul lavoro o situazioni stressanti in famiglia possono diventare un fattore scatenante di episodi schizofrenici. In circa la metà dei casi, lo stress o gli eventi stressanti possono essere collegati all'insorgenza della malattia.

La capacità di affrontare situazioni stressanti e angoscianti varia molto da persona a persona. Per esempio, le persone che sono più sensibili allo stress hanno un potenziale di coping dello stress inferiore. Pertanto, il rafforzamento del potenziale di coping dello stress nella terapia della schizofrenia è una delle strategie di trattamento di base della psicoterapia.

Sintomi

I sintomi della schizofrenia possono essere molto diversi, poiché le funzioni più varie della psiche possono essere colpite. Inoltre, l'estensione e il corso dei sintomi possono variare notevolmente, in modo che diverse funzioni mentali possono cambiare allo stesso tempo e causare un reclamo combinato (sindrome). Nella schizofrenia, i sintomi di base devono essere distinti dai sintomi aggiuntivi.

Sintomi di base

I reclami di base sono i sintomi che derivano dai cambiamenti mentali di base:

- Nella schizofrenia, il pensiero e il linguaggio sono disturbati. Il modo di pensare è molto erratico, illogico e confuso, le frasi o i pensieri si interrompono bruscamente. Inoltre, le persone colpite usano parole con un significato diverso o mischiano due parole in una.

- Inoltre, disturbi affettivi e svogliatezza si verificano nella schizofrenia. Si nota che l'umore delle persone schizofreniche spesso non corrisponde alla situazione attuale. Inoltre, diversi sentimenti contrari possono essere presenti allo stesso tempo, per esempio, chi ne soffre può piangere e ridere allo stesso tempo.

- In genere, le persone colpite perdono anche il contatto con la realtà e vivono nel loro mondo.

- Nella maggior parte dei casi, gli schizofrenici hanno disturbi della percezione di sé. Si vedono come estranei e divisi. Anche la loro stessa persona non è sempre vista come reale.

Sintomi aggiuntivi

I sintomi aggiuntivi possono verificarsi come risultato dell'elaborazione di ciò che hanno vissuto o cercando di venire a patti con la malattia, poiché le persone schizofreniche non sono in grado di elaborare adeguatamente ciò che hanno percepito a causa della loro malattia:

- Anche i cambiamenti di pensiero possono avvenire qui. Così, molte persone colpite credono che pensieri estranei siano messi nelle loro teste e che i loro stessi pensieri siano stati rubati.

- Quando si tratta di cambiamenti nel mondo emotivo, la paura è predominante. Lo stato emotivo è tipicamente abbastanza depressivo con impotenza e bisogno di affetto, ma in alcuni casi possono essere dominanti anche emozioni eccessive, disinibizione e un umore esuberante. Inoltre, gli schizofrenici hanno un aumentato rischio di suicidio.

- Molti pazienti riportano massicci deliri di persecuzione. Pensano di essere costantemente perseguitati e che il resto del mondo sia contro di loro. Può anche arrivare a pensare che gli altri vogliano fargli del male o addirittura ucciderli. Anche con una buona persuasione, di solito è quasi impossibile dissuadere gli schizofrenici dai loro pensieri deliranti.

- Inoltre, molti schizofrenici soffrono di allucinazioni. Sentono voci, odorano cose che gli altri non sentono, o vedono cose che non sono reali. Le allucinazioni possono aggiungersi alla costante sensazione dello schizofrenico di essere seguito e minacciato. Anche in questo caso, il ragionamento logico può difficilmente rassicurare il malato.

- Di tanto in tanto, la schizofrenia può anche portare a una limitazione delle capacità motorie. I pazienti possono allora muoversi solo molto lentamente e in modo limitato e diventano completamente rigidi (stupor). Questo può arrivare al punto che le persone schizofreniche non si muovono più affatto o assumono posizioni dall'aspetto molto agonizzante. Se alle posture scomode si aggiunge la febbre, si parla di catalessi perniciosa, che può essere pericolosa per la vita. In situazioni in cui la persona colpita è molto agitata e irrequieta, si può spesso osservare una ripetizione costante e continua di un certo movimento. Molto spesso, chi ne soffre può essere visto gettare le mani sopra la testa, camminare nervosamente o fare esercizi ginnici.

Lento o acuto

La malattia può essere graduale o acuta. Se la schizofrenia è graduale e insidiosa, la persona colpita si ritira sempre più dai suoi circoli sociali e dalla famiglia, sembra sempre più svogliata, fino a quando finalmente smette di perseguire il suo lavoro o gli hobby. Possono verificarsi anche altri sintomi come problemi di sonno, concentrazione ridotta, indecisione e improvvisi sbalzi d'umore.

Il decorso acuto è inteso come un riacutizzarsi della malattia, che di solito avviene molto bruscamente ed è accompagnato da forti allucinazioni e deliri.

Solo in alcuni casi il sintomo schizofrenico è sempre completamente sviluppato; la malattia di solito progredisce in fasi con episodi schizofrenici. Tra gli episodi, la persona colpita non mostra quasi nessun sintomo, ma l'elaborazione degli episodi schizofrenici può a sua volta causare gravi cambiamenti nella personalità.

Diagnosi

Storia medica

La misura più importante per diagnosticare la schizofrenia è un'intervista medica intensiva e approfondita. La diagnosi di schizofrenia è solitamente determinata da una serie di criteri che sono definiti in modo molto uniforme in tutto il mondo. Tuttavia, un questionario standardizzato può essere utilizzato anche per l'anamnesi, che ha lo scopo di facilitare la conferma della diagnosi attraverso domande specifiche.

Esclusione di altre malattie

Anche se c'è un forte sospetto di schizofrenia, il medico che cura il paziente dovrebbe sempre controllare se altre cause potrebbero essere responsabili dei sintomi schizofrenici. Per esempio, il consumo di farmaci o droghe, tumori cerebrali o altre malattie del sistema nervoso possono causare disturbi simili.

Per escludere le cause di cui sopra, di solito si eseguono i seguenti esami:

- Un esame fisico di base e un controllo completo di molte funzioni del sistema nervoso, un test psicologico, così come un test delle capacità cognitive superiori del cervello, come la capacità di pensiero, la memoria e l'attenzione.

- Un prelievo di sangue con esame dei parametri infiammatori e metabolici.

- Un test del sangue e delle urine per alcuni farmaci o droghe.

- Procedure di imaging come CT o MRI per mostrare eventuali cambiamenti nel cervello.

- Se si sospetta che ci sia una meningite, si deve effettuare una puntura lombare con esame del liquido cerebrospinale.

Terapia

Un rapporto di fiducia tra medico e paziente è cruciale per un buon successo del trattamento, che spesso può rivelarsi molto difficile a causa dei forti deliri persecutori di molti schizofrenici.

La terapia della schizofrenia è molto ampia e il concetto di trattamento dovrebbe essere determinato in consultazione con la persona colpita, poiché ignorare il paziente può solo rendere la situazione più difficile. I passi importanti del trattamento includono l'informazione del malato sulla schizofrenia, una terapia farmacologica, così come diverse forme di psicoterapia, terapie di gruppo con la famiglia o i partner. Un concetto di riabilitazione per ripristinare una vita quotidiana relativamente normale con risocializzazione della persona colpita è anche una parte importante del trattamento.

Terapia farmacologica

Neurolettici

Molti neurolettici funzionano analizzando il neurotrasmettitore dopamina nel sistema nervoso centrale. Questa modalità d'azione è usata nel trattamento della schizofrenia. Soprattutto, i sintomi come deliri e allucinazioni sono migliorati da questo gruppo di farmaci, che dà loro anche il nome di antipsicotici.

I neurolettici sono spesso usati nelle prime fasi della schizofrenia per trattare i sintomi di base. Tuttavia, hanno una vasta gamma di effetti collaterali, come disturbi motori (tremore, rigidità muscolare) e contrazioni. Inoltre, hanno un effetto molto deprimente, portano alla stanchezza, all'aumento del peso corporeo e alla svogliatezza.

I rappresentanti più moderni del gruppo dei neurolettici sono adatti non solo per il trattamento dei sintomi di base ma anche per la terapia dei sintomi aggiuntivi, e hanno anche meno effetti collaterali.

Il dosaggio è determinato principalmente dai sintomi e dall'entità dei sintomi, se c'è attualmente una ricaduta della malattia o se la terapia farmacologica è usata per prevenire una nuova ricaduta.

La maggior parte dei pazienti tollera abbastanza bene i neurolettici, anche se possono avere molti effetti collaterali. Gli effetti collaterali spesso migliorano alcuni giorni dopo l'interruzione del farmaco, ad eccezione di una forma di contrazione muscolare, che di solito non va via.

Antidepressivi

Gli antidepressivi migliorano l'umore di base degli schizofrenici e riducono la loro svogliatezza. Sono usati principalmente nella schizofrenia in aggiunta ai neurolettici per gli umori depressi.

Sedativi

Questo gruppo di farmaci è usato principalmente per trattare l'ansia e rilassare il paziente. Tuttavia, i tranquillanti non sono adatti per una terapia a lungo termine perché hanno un alto sviluppo di tolleranza e il loro potenziale di dipendenza è molto alto.

Psicoterapie

I cambiamenti psicologici di base e i sintomi di base della schizofrenia difficilmente possono essere controllati dalla sola psicoterapia. Tuttavia, una psicoterapia efficace può migliorare l'elaborazione delle percezioni vissute come minacciose e quindi intervenire positivamente nel processo della malattia.

Importanti pilastri della psicoterapia per la schizofrenia sono:

- promuovere la fiducia in se stessi

- Aumentare l'iniziativa propria del paziente

- Rafforzare la capacità di concentrazione

- Sviluppo di strategie di coping individuali

- possibile reintegrazione nella vita lavorativa

- contrastare la segregazione sociale

Nel contesto della psicoterapia, si dovrebbe anche cercare un concetto di come la persona colpita possa essere trattata il più vicino possibile alla famiglia.

Previsione

Nella maggior parte dei casi, la schizofrenia ha un decorso prolungato e pone un pesante fardello su tutte le persone coinvolte e sui loro parenti. Tuttavia, se guardiamo i risultati di vari studi, vediamo che la prognosi della malattia è migliore di quanto molti pensino.

Un quinto degli schizofrenici può essere completamente guarito dalla malattia. Gli intervalli in cui e la frequenza con cui gli episodi schizofrenici si verificano nei restanti quattro quinti possono essere molto variabili. In alcuni casi, la malattia può anche avere un decorso più grave ed essere permanentemente accompagnata da sintomi.

I fattori prognostici positivi sono un esordio brusco e fattori scatenanti riconoscibili della malattia.

Prognosi individuale

Il corso della malattia è anche fortemente influenzato dal potenziale di coping dell'individuo. Tuttavia, l'influenza più importante sulla prognosi è una terapia farmacologica coerente e ben controllata, anche nei periodi tra gli episodi schizofrenici. Questo può ridurre il rischio di ricaduta al 30%.

Un terzo di tutti i pazienti con schizofrenia cronica mostrano un decorso lieve della malattia in termini di sintomi e solo raramente hanno episodi schizofrenici. In alcuni casi, tuttavia, la malattia prende un corso più grave e può anche portare a cambiamenti di personalità.

Più del 50% di coloro che hanno la malattia possono essere trattati nella misura in cui sono in grado di lavorare di nuovo e possono essere integrati nel loro ambiente sociale.

Tuttavia, la schizofrenia deve essere considerata come una grave malattia mentale che può rendere molte persone incapaci di lavorare o addirittura di vivere.

I decorsi più gravi della malattia sono spesso accompagnati da una ridotta aspettativa di vita. Questo è causato principalmente da un aumento del tasso di incidenti con una concentrazione ridotta e un aumento del tasso di suicidio.

Suggerimenti

È molto importante che gli stessi schizofrenici, ma anche i loro parenti, si occupino intensamente della schizofrenia, delle sue possibilità di trattamento e delle sue cause. Più si conosce la malattia, meglio si possono prendere decisioni difficili che sono in sospeso con la schizofrenia. Inoltre, le persone colpite e i loro parenti possono prendere loro stessi delle misure per contrastare un nuovo scoppio della malattia.

Inoltre, l'assunzione rigorosa e corretta dei farmaci prescritti, l'evitamento dei fattori di stress e l'astensione dalle droghe dovrebbero essere presi in considerazione per ridurre il tasso di ricaduta.

Di solito spetta anche ai parenti riconoscere tempestivamente una ricaduta imminente, perché spesso non viene riconosciuta dalla persona colpita stessa a causa della malattia, in modo da prendere in tempo le misure adeguate.

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.