Sindrome di Willebrand-Jürgens (sindrome di Von Willebrand)

Sindrome di Willebrand-Jürgens (sindrome di Von Willebrand)
Classificazione internazionale (ICD) D68.-

Nozioni di base

La sindrome di Willebrand-Jürgens (chiamata anche sindrome di Von Willebrand o angioemofilia) è il più comune disordine congenito della coagulazione del sangue, che porta a una maggiore tendenza a sanguinare. Si distinguono diversi tipi di sindrome di Willebrand-Jürgens, che hanno in comune una deviazione qualitativa o di disturbo del fattore Von Willebrand nel sangue. Il fattore Von Willebrand gioca un ruolo importante nella coagulazione del sangue. In molti casi, le persone colpite vivono senza alcun danno significativo alla salute e senza sapere di avere la malattia.

La sindrome di Willebrand-Jürgens è il più comune disordine di sanguinamento congenito. Si stima che circa 800 persone su 100.000 abbiano la malattia, con solo circa 12 su 100.000 che soffrono di sintomi significativi. Un decorso grave della sindrome di Willebrand-Jürgens è estremamente raro e colpisce in media meno di 0,3 persone su 100.000. La malattia è ereditata in modo autosomico dominante, ma le varianti gravi della malattia sono ereditate in modo autosomico recessivo. Le donne e gli uomini sono colpiti dall'angioemofilia circa con la stessa frequenza.

Il disturbo della coagulazione del sangue prende il nome dal medico finlandese Erik Adolf von Willebrand (dal 1870 al 1949) e dal medico tedesco Rudolf Jürgens (dal 1898 al 1961).

Cause

La causa della sindrome di Willebrand-Jürgens è un disturbo qualitativo o quantitativo del fattore Von Willebrand nel sangue. Il fattore Von Willebrand è un'importante proteina portatrice e protettiva del fattore VIII di coagulazione del sangue. Una carenza del fattore Von Willebrand causa quindi un disturbo della normale coagulazione del sangue, che porta a sintomi simili all'emofilia A (carenza del fattore VIII di coagulazione) e quindi a una maggiore tendenza a sanguinare.

Oltre alle forme ereditarie della malattia, esistono anche varianti acquisite, ma queste sono estremamente rare. Le forme acquisite si verificano principalmente nel contesto di alcune malattie autoimmuni (per esempio, la Purpura Schönlein-Henoch), nei difetti delle valvole cardiache (principalmente nella stenosi aortica) o nella terapia con valproato (farmaco antiepilettico).

Si distinguono tre forme di sindrome ereditaria di Willebrand-Jürgens:

  • Tipo 1: In questa forma, la persona colpita ha una carenza quantitativa del fattore Von Willebrand nel sangue. Circa il 60-80% dei casi sono classificati come tipo 1. La maggior parte delle persone colpite soffre solo di sintomi lievi, per cui è possibile una vita quasi normale. Tuttavia, i pazienti possono avere la tendenza a sanguinare per periodi di tempo più lunghi della media e a sanguinare dopo le operazioni, per esempio. Il tipo 1 è ereditato in modo autosomico dominante.
  • Tipo 2: le persone colpite soffrono di un difetto qualitativo del fattore Von Willebrand. Circa il 15% di tutti i casi di sindrome di Willebrand-Jürgens sono di tipo 2. Si distinguono cinque diversi sottotipi di tipo 2 (A, B, C, M, N). Il modo di eredità è autosomico-dominante.
  • Tipo 3: Questa è la più rara, ma anche la variante più grave della sindrome di Willebrand-Jürgens, in cui il fattore Von Willebrand nel sangue è completamente assente o ridotto a meno del cinque per cento della sua concentrazione normale. La modalità di eredità nel tipo 3 è autosomica recessiva.

Sintomi

La presentazione clinica differisce da paziente a paziente. I seguenti sintomi possono indicare la presenza della sindrome di Willebrand-Jürgens:

  • Aumento della tendenza al sanguinamento
  • epistassi gravi e ricorrenti
  • sanguinamento prolungato dopo ferite minori o interventi chirurgici
  • Mestruazioni prolungate
  • Sanguinamento nelle articolazioni
  • Tendenza a sviluppare grandi ematomi

Diagnosi

Una diagnosi affidabile della sindrome di Willebrand-Jürgens può essere fatta solo con test di laboratorio. Poiché gli esami standard per i disturbi della coagulazione del sangue, come il valore rapido (INR) o l'emocromo, sono normali in quasi tutti i casi, l'attività del fattore VIII della coagulazione del sangue e l'antigene del fattore Von Willebrand, tra le altre cose, devono essere determinati con l'aiuto di procedure di esame speciali.

Per distinguere i diversi tipi di sindrome di Willebrand-Jürgens, è necessario effettuare test qualitativi e quantitativi del fattore Von Willebrand. Alcuni metodi come l'ELISA, l'analisi dei multimeri o l'elettroforesi sono utilizzati.

Questi esami possono anche distinguere la malattia da altri disturbi della coagulazione del sangue come l'emofilia A.

Terapia

Poiché la sindrome di Willebrand-Jürgens spesso causa solo sintomi lievi, la terapia a lungo termine di solito non è necessaria. Tuttavia, i farmaci contenenti acido acetilsalicilico (come l'aspirina) dovrebbero essere evitati perché inibiscono la funzione delle piastrine, il che aumenta temporaneamente la tendenza a sanguinare.

Il sanguinamento mestruale eccessivo può essere controllato usando contraccettivi ormonali con un alto contenuto di progestinici.

La somministrazione profilattica di desmopressina è raccomandata prima dell'intervento. La desmopressina provoca un aumento della concentrazione del fattore Von Willebrand nel sangue fino a cinque volte il suo valore originale, che può ridurre il rischio di sanguinamento.

Tuttavia, la desmopressina non ha alcun effetto sulla sindrome di Willebrand-Jürgens di tipo 2B - in questi casi si usano concentrati di fattori.

Previsione

Poiché la sindrome di Willebrand-Jürgens è abbastanza lieve nella maggior parte dei casi, la maggior parte delle persone colpite vive senza alcuna restrizione significativa della salute e senza sapere di avere la malattia. Nelle forme gravi della malattia, tuttavia, le persone colpite devono astenersi da sforzi fisici estremi e da sport come la boxe, gli sport invernali o l'atletica.

Prima delle operazioni, un'eccessiva emorragia post-operatoria può essere prevenuta somministrando il principio attivo desmopressina.

Prevenzione

Poiché la sindrome di Willebrand-Jürgens è un disturbo della coagulazione del sangue ereditato geneticamente, la malattia non può essere prevenuta.

Principi editoriali

Tutte le informazioni utilizzate per i contenuti provengono da fonti verificate (istituzioni riconosciute, esperti, studi di università rinomate). Attribuiamo grande importanza alle qualifiche degli autori e alla base scientifica delle informazioni. Questo garantisce che la nostra ricerca sia basata su risultati scientifici.

Danilo Glisic

Danilo Glisic
Autore

Studente di biologia e matematica, si dedica con passione alla stesura di articoli di riviste su argomenti medici di attualità. Grazie alla sua affinità con i numeri, i dati e i fatti, si concentra sulla descrizione dei risultati di studi clinici rilevanti.

Il tuo assistente personale per i medicinali

afgis-Qualitätslogo mit Ablauf Jahr/Monat: Mit einem Klick auf das Logo öffnet sich ein neues Bildschirmfenster mit Informationen über Medikamio GmbH & Co KG und sein/ihr Internet-Angebot: medikamio.com/ This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.
Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.