Aumento del rischio di malattie autoimmuni a causa della neurodermite

Prurito alla pelle arrossata - Una donna si gratta il braccio

Annuncio

Mentre negli anni '60 solo il 2-3% dei bambini era affetto da una malattia della pelle, oggi tra il 10 e il 15% dei giovani soffre di neurodermite. La dermatosi può aumentare la suscettibilità alle allergie, ma se c'è un collegamento con le malattie autoimmuni è stato ora indagato in un recente studio dalla Svezia.

Prurito alla pelle arrossata - Una donna si gratta il braccio

shutterstock.com / Astrid Gast

Neurodermite definita:

La neurodermite, chiamata anche dermatite atopica, è una malattia della pelle cronica o cronico-recidivante (cioè, recidivante) ereditaria. La dermatite infiammatoria si presenta spesso nella prima infanzia. Grave prurito, pelle secca e/o eczema (cioè cambiamenti infiammatori della pelle) sono i sintomi più comuni. Mentre la causa esatta è ancora sconosciuta, diversi fattori possono essere responsabili dello sviluppo della malattia - tra cui una barriera cutanea disturbata o l'ereditarietà. I flare-up sono di solito innescati da alcuni fattori (cioè trigger) come cibi specifici o condizioni atmosferiche. I sintomi possono variare molto - mentre in alcuni pazienti la malattia della pelle ha un decorso lieve, altri possono soffrire di sintomi gravi.

La dermatite atopica può essere trattata con vari farmaci come il cortisone e il tacrolimus, o nelle forme gravi con la ciclosporina. Lo studio, pubblicato nell'ottobre 2020, ha indagato un'associazione tra la dermatite atopica e una malattia autoimmune nella popolazione svedese.

Cos'è una malattia autoimmune?

In una malattia autoimmune, i meccanismi di difesa del corpo attaccano i propri tessuti attraverso una differenziazione "sbagliata" delle cellule del corpo. Questa tolleranza alterata del sistema immunitario può essere limitata a un organo specifico o interessare diversi sistemi di organi. Anche qui, le cause non sono ancora chiare, anche se le infezioni o la gravidanza potrebbero avere un'influenza sullo sviluppo. Se la malattia viene diagnosticata tramite il rilevamento di autoanticorpi (cioè anticorpi che legano un antigene endogeno), possono essere utilizzati i cosiddetti immunosoppressori. Tali sostanze riducono le funzioni del sistema immunitario.

Lo studio, pubblicato nel British Journal of Dermatology, ha identificato le malattie autoimmuni nei pazienti utilizzando i codici ICD (cioè la classificazione internazionale delle malattie). La Classificazione Internazionale delle Malattie è un sistema di classificazione globalmente riconosciuto per le diagnosi mediche pubblicato dall'OMS.

Disegno di studio svedese:

I registri sanitari nazionali svedesi sono stati utilizzati per questo studio caso-controllo, con la popolazione di 15 anni e più dal 1968 al 2016 come riferimento. I casi sono stati abbinati per sesso ed età. In questo studio, 104.832 pazienti con diagnosi di dermatite atopica in una clinica o da uno specialista sono stati abbinati e studiati con 10 persone selezionate a caso della stessa età e sesso.

Risultati:

I risultati hanno mostrato che i pazienti con dermatite atopica avevano, in media, il doppio delle probabilità di avere una malattia autoimmune. L'odds ratio, cioè la forza dell'associazione tra queste due caratteristiche, era statisticamente significativa con un valore calcolato di 1,97. Le associazioni più forti sono state registrate in pazienti con malattie autoimmuni multiple della pelle. I pazienti affetti da neurodermite avevano fino a dieci volte più probabilità di sviluppare la dermatite erpetiforme (cioè una dermatosi autoimmune con vesciche) e mostravano un rischio cinque volte maggiore di alopecia areata (cioè perdita di capelli) e orticaria cronica (cioè orticaria).

Inoltre, i pazienti con dermatite atopica avevano maggiori probabilità di sviluppare disturbi gastrointestinali con malattie autoimmuni come la celiachia (cioè la malattia del piccolo intestino causata dall'intolleranza al glutine), il morbo di Crohn (cioè la malattia infiammatoria cronica dell'intestino), o la colite ulcerosa (cioè la malattia intestinale del retto). Anche le malattie del tessuto connettivo come l'artrite reumatoide (cioè la malattia delle articolazioni) sono state notate più frequentemente negli studiati.

Nel complesso, queste associazioni erano leggermente più pronunciate negli uomini che nelle donne. Tuttavia, questa associazione sesso-specifica era significativa solo per le malattie articolari e le malattie del piccolo intestino.

Conclusione:

Questo studio basato sulla popolazione ha mostrato un'associazione significativa tra la dermatite atopica e l'aumento del rischio di malattie autoimmuni. Rispetto a una sola malattia autoimmune, i pazienti con più malattie autoimmuni mostrano un'associazione più forte con la dermatite atopica. Così, questo studio offre nuove intuizioni significative relative alla malattia della pelle dermatite atopica.


Principi attivi:

    Autore

    Danilo Glisic

    Ultimo aggiornamento

    01.02.2021

    Annuncio

    Share

    Annuncio

    Il tuo assistente personale per i medicinali

    Farmaci

    Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

    Sostanze

    Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

    Malattie

    Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

    Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

    This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.