C'è una connessione tra il fumo durante la gravidanza e la rinite allergica nella prole?

Una donna incinta si siede su una panchina del parco e fuma una sigaretta.

Annuncio

Nel frattempo, ci sono molti studi che dimostrano che l'esposizione di una madre al tabacco durante un periodo di gravidanza può eventualmente influenzare la salute della prole. Secondo le statistiche, circa il 20-30% delle donne incinte in Austria fumano. A causa della mancanza di connessioni causali, i ricercatori hanno ora studiato una possibile correlazione tra il consumo di tabacco durante la gravidanza e la rinite allergica nei bambini.

Una donna incinta si siede su una panchina del parco e fuma una sigaretta.

shutterstock.com / UA-pro

Rinite allergica nella prole

La rinite allergica, conosciuta anche come rinite allergica, è una comune infiammazione cronica della mucosa nasale (cioè la rinite) ed è mediata dall'immunoglobulina E (cioè l'anticorpo responsabile delle allergie). Si stima che la rinite allergica colpisca il 10-25% della popolazione umana a livello globale. Di solito, la malattia si manifesta nella prima infanzia e può portare a decenni di compromissione della qualità della vita. I sintomi classici della malattia, che è strettamente legata all'asma, sarebbero:

  • Prurito al naso e agli occhi
  • Starnutire
  • Rinorrea e congestione nasale
  • Occhi acquosi

Non solo il fumo attivo, ma anche il fumo passivo come fattore ambientale può essere associato alla rinite allergica. Una meta-analisi pubblicata nel 2014 ha trovato un'associazione tra il fumo passivo nella popolazione generale e il rischio di rinite allergica nelle donne non incinte. Si dice che la quantità di fumo prodotta inquini l'aria circostante, aumenti gli allergeni e irriti le mucose con componenti nocivi della sigaretta come la formaldeideo l'acroleina. Successivamente, si verifica il vasospasmo (cioè la costrizione spasmodica dei vasi sanguigni) e la contrazione della rinite - che a sua volta (con l'esposizione a lungo termine) può portare alla distruzione delle cellule ciliate nel naso. Questo può causare una rinite allergica. Poiché gli studi attuali non potevano mostrare risultati chiari per quanto riguarda l'esposizione al tabacco e i suoi rischi all'interno dell'utero di una donna incinta, un team di ricercatori ha ora studiato la connessione nella prole con l'aiuto di una meta-analisi.

Collegamento epigenetico

La meta-analisi, pubblicata nel 2021 nel Journal Medicine, ha esaminato la letteratura pertinente in canali come SinoMed, PubMed e Web of Science, e ha condotto una valutazione completa della qualità, estrazione dei dati e analisi dei dati. I seguenti criteri sono stati applicati per l'inclusione o la selezione:

  1. Tipo di studio: coorte, caso-controllo o studio trasversale.
  2. L'esito primario era la rinite allergica nella prole, con diagnosi medica, prick test cutaneo (cioè gli allergeni sono gocciolati sulla pelle, poi quella zona viene grattata) o questionari International Study of Asthma and Allergy in Childhood (ISAAC).
  3. L'esposizione al tabacco era il fumo (attivo e passivo) della madre incinta.
  4. Gli studi hanno incluso abbastanza dati sulle stime di rischio con odds ratio e range di aspettativa (cioè intervalli di confidenza) o il loro calcolo.

Risultati

Un totale di 1.149.879 campioni è stato analizzato in 16 articoli e 22 serie di dati indipendenti. Lo studio ha mostrato un aumento del rischio di rinite allergica nella prole a causa dell'esposizione al tabacco durante la gravidanza di almeno il 13%. Il fumo passivo materno durante il periodo della gravidanza ha registrato il rischio più alto con il 39%. Altri studi epidemiologici hanno dimostrato che gli effetti negativi delle esposizioni ambientali indotte dal fumo si sviluppano intorno al momento del parto e sono strettamente associati allo sviluppo di asma o malattie allergiche nei neonati. Altri studi clinici hanno mostrato un'ulteriore associazione di fumo con un peso inferiore alla nascita dei neonati, che a sua volta può essere associato a un aumento del rischio di asma o di compromissione della funzione polmonare.

Conclusione

Secondo la meta-analisi pubblicata, l'esposizione al tabacco durante il periodo della gravidanza può aumentare significativamente il rischio di rinite allergica nei neonati a causa di diversi fattori. I ricercatori raccomandano di ridurre il fumo durante il periodo prima della nascita del bambino per minimizzare i fattori di rischio genetico. Inoltre, ci sono studi che dimostrano che l'allergia dei genitori da sola potrebbe aumentare genericamente il rischio di rinite allergica nella prole. In assenza di studi su questo - se c'è un'associazione tra l'esposizione al tabacco durante la gravidanza insieme all'allergia dei genitori e la rinite allergica nel bambino - sono ancora necessarie analisi per chiarire una chiara associazione tra gli effetti allergici ed epigenetici del fumo.

Fonti

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

15.11.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.