Connessione tra apnea del sonno e aumento della pressione sanguigna negli adolescenti?

Un signore anziano indossa una maschera di respirazione mentre è sdraiato su un lato del letto e cerca di addormentarsi.

Annuncio

Secondo l'International Classification System for Sleep Disorders, circa il 2-7% della popolazione adulta soffre di apnea notturna. Per i bambini è diverso, perché secondo il National Heart, Lung, and Blood Institute, quasi un bambino su 10 è affetto da apnea ostruttiva del sonno. I ricercatori negli Stati Uniti hanno ora studiato se il disturbo notturno del sonno potrebbe anche aumentare la pressione sanguigna o, a lungo termine, il rischio cardiovascolare.

Un signore anziano indossa una maschera di respirazione mentre è sdraiato su un lato del letto e cerca di addormentarsi.

shutterstock.com / sbw18

Apnea notturna:

Il russare quotidiano e l'apnea notturna appartengono ai cosiddetti disturbi respiratori legati al sonno, in breve SBAS.

Durante la fase di riposo notturno, i muscoli della bocca e della gola si rilassano. Questo fa sì che le vie respiratorie si restringano e l'ugola o il palato molle possono produrre il familiare suono del russare - dopo tutto, quasi una persona su due russa.

Con l'apnea del sonno, ci sono anche diverse brevi interruzioni della respirazione. La persona colpita non si sveglia riposata, il che significa che la qualità della vita può soffrire. Si fa una distinzione di base tra:

  • Apnea ostruttiva del sonno (OSAS):
    Als häufigste Form der Schlafapnoen erschlaffen bei diesem Syndrom die Gaumenmuskeln während der Schlafphase.
  • Apnea notturna centrale:
    Während die oberen Atemwege offenbleiben, bewegen sich die Atemmuskeln der Brust und des Zwerchfells nicht genug – Auslöser dabei kann eine Funktionsstörung des zentralen Nervensystems sein.

Si stima che la sindrome da apnea ostruttiva del sonno si verifichi in circa il 10% dei bambini in età scolare. Mentre il 50% dei bambini colpiti supera il disturbo del sonno quando raggiungono la pubertà, l'altra metà rimane con problemi cronici di sonno. Ricerche precedenti hanno correlato l'apnea del sonno con l'alta pressione sanguigna e un rischio più elevato di malattie cardiache negli adulti. Tuttavia, secondo i ricercatori, gli effetti a lungo termine sulla salute di questo disturbo del sonno nei bambini adolescenti sono stati studiati marginalmente.

Poiché i medici curanti hanno difficoltà a fare diagnosi predittive (se un bambino può superare l'apnea del sonno nell'adolescenza), un trattamento precoce sarebbe vantaggioso per la salute a lungo termine. I ricercatori della Pennsylvania, USA, hanno quindi analizzato la possibile associazione tra apnea ostruttiva del sonno e aumento della pressione sanguigna nell'adolescenza nello studio.

Studi sul sonno:

Lo studio, pubblicato nel 2021 sulla rivista JAMA Cardiology, ha esaminato la coorte Penn State Child dal 2000 al 2005, che era un gruppo randomizzato di bambini composto da 700 cinque a 12 anni dalla popolazione generale. Un totale del 60,1% di questa coorte, ovvero 421 partecipanti, sono stati seguiti tra il 2010 e il 2013 dopo 7,4 anni come adolescenti dai 12 ai 23 anni. I dati raccolti sono stati analizzati tra luglio e ottobre 2020.

I risultati sono stati ottenuti utilizzando la polisonnografia eseguita in laboratorio. In questo processo, la persona esaminata è collegata alla macchina e continuamente esaminata per diverse funzioni corporee durante la fase di sonno. Questi sono stati poi combinati in un cosiddetto indice di apnea-ipopnea. L'ipopnea è la riduzione della profondità del respiro del 50% per un periodo di almeno 10 secondi.

Altri metodi d'esame erano:

  • Pressione sanguigna misurata in posizione seduta utilizzando i criteri pediatrici raccomandati dalle linee guida statunitensi.
  • Iperattività ortostatica (cioè caduta della pressione sanguigna sistolica) mediante misurazione della pressione sanguigna in posizione supina o in piedi.
  • Tessuto adiposo viscerale misurato con la cosiddetta assorbimetria a raggi X.

Risultati:

Dei 700 bambini studiati, il 12% ha registrato un'apnea ostruttiva del sonno, o OSA in breve. Durante il follow-up, i bambini hanno mostrato miglioramenti nell'OSA ad un'età media di 16 anni. Alcuni di loro avevano rimosso il palato o le tonsille faringee, il che, secondo i ricercatori, ha risolto il disturbo del sonno in alcuni casi. Tuttavia, 21 bambini avevano ancora OSA durante il periodo di follow-up. Gli adolescenti con OSA persistente hanno mostrato un'incidenza quasi tripla di pressione sanguigna elevata. La ricerca suggerisce che gli adolescenti con pressione sanguigna elevata possono avere un rischio significativamente più elevato di avere un attacco di cuore precoce o un attacco di sonno in età adulta.

Al contrario, i bambini con apnea ostruttiva del sonno regredita non sono risultati avere una pressione sanguigna elevata. I ricercatori hanno anche notato che, soprattutto nei soggetti cromosomicamente maschi, la pressione sanguigna era spesso elevata nell'adolescenza nonostante l'OSA regredita.

I risultati dello studio di coorte suggeriscono che i problemi di sonno ostruttivo dovuti all'apnea del sonno nell'infanzia sono associati all'ipertensione nell'adolescenza se non regredisce durante l'ulteriore sviluppo puberale o adolescenziale.

Conclusione:

I risultati dello studio mostrano che l'apnea persistente del sonno è associata a una probabilità quasi tripla di pressione sanguigna elevata nell'adolescenza. La gravità dell'apnea del sonno era associata a un aumento della pressione sanguigna e all'iperattività ortostatica. I risultati dell'analisi suggeriscono che l'apnea del sonno negli adolescenti comporta un certo rischio in associazione con l'ipertensione. Secondo i ricercatori, il trattamento precoce della malattia potrebbe prevenire conseguenze cardiovascolari persistenti.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

04.10.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.