Conseguenza, causa o correlazione: COVID-19 e bassi livelli di vitamina D?

Annuncio

Al di là del 42° parallelo nord, la seguente frase è familiare a molte persone durante una stagione particolare - "l'inverno sta arrivando". Questo perché non è raro avere una carenza di vitamina D più grave durante l'inverno. Ora, si sa anche che le persone che hanno una tale carenza hanno maggiori probabilità di avere un grave decorso della malattia se contraggono la Sars-CoV-2. Al contrario, però, questo non significa che l'assunzione di vitamina D (ad esempio contenuta in Oleovit D3 gocce) protegga da un decorso grave di COVID-19.

Varietà di pillole di vitamina in cucchiai di legno su sfondo bianco con foglia verde, prodotto complementare e medico, superficie piana profana

shutterstock.com / 1989studio

Importanza e ruolo della vitamina D:

Un recente studio dell'Università di Hohenheim in Germania, pubblicato sull'NFS Journal, ha esaminato la relazione tra carenza di vitamina D e COVID-19 come malattia concomitante nei pazienti Sars-CoV-2. Secondo il ricercatore principale Prof. Hans-Konrad Biesalski, i sintomi della malattia da una carenza di vitamine influenzano il corso della malattia nei pazienti studiati. Poiché la vitamina D non è solo importante per il metabolismo delle ossa, ma gioca anche un ruolo importante nelle nostre cellule immunitarie e nelle reazioni di difesa del corpo, un malfunzionamento di questi compiti fornisce una grande superficie di attacco per il virus che si diffonde in tutto il mondo.

Inoltre, la vitamina D può anche inibire i messaggeri pro-infiammatori nella loro produzione. Questo è di grande importanza perché un'infezione da Sars-CoV-2 può essere tanto più pericolosa se sorgono complicazioni nel corso di questi processi infiammatori. Secondo il Prof. Biesalski, le conseguenze possono portare alla sindrome da distress respiratorio acuto.

Ma si consiglia cautela, perché è già stato sottolineato in passato che un basso contenuto di vitamina D, per esempio in caso di infiammazione, non è necessariamente la causa della malattia, ma forse una conseguenza dell'infiammazione, secondo uno studio pubblicato nel 2014 nell'editore scientifico Elsevier.

Secondo gli studi dell'Università di Hohenheim, una carenza di vitamina D può essere rilevata con una frequenza superiore alla media nelle malattie e circostanze di vita che aumentano il rischio COVID-19. Come esempio, viene menzionata un'età più alta, così come l'obesità (cioè la grassezza) o il diabete mellito di tipo 2.

Osservazione:

Poiché le raccomandazioni di vitamina D per prevenire l'infezione da SARS-CoV-2 continuano ad apparire nei social media, è importante ribadire qui che lo studio non conclude dai risultati che l'assunzione di vitamina D può prevenire tale infezione.

Va notato, tuttavia, che i livelli di vitamina D possono spesso riflettere lo stato di salute del paziente, poiché la carenza della vitamina e altre condizioni preesistenti possono spesso verificarsi insieme.

Conclusione:

Di conseguenza, non è possibile chiarire del tutto un favore di corsi COVID-19 gravi da parte di una carenza di vitamine. Tuttavia, secondo lo studio, il livello di vitamina D potrebbe servire come indicazione se c'è un rischio maggiore per un caso di Covid-19 con un decorso grave.

Il ricercatore Prof. Biesalski raccomanda che i livelli di vitamina D dovrebbero sempre essere determinati nei casi di malattia Covid-19. Nel corso di questo, un eventuale deficit dovrebbe essere corretto rapidamente al fine di alleviare il corso della malattia, se possibile.

Troppo di una cosa buona:

Al contrario, c'è anche la possibilità di prendere troppa vitamina D. Questo può anche essere pericoloso, perché un dosaggio troppo alto può ridurre l'efficacia del sistema immunitario. Inoltre, la vitamina D può anche far salire i livelli di calcio nel corpo. Secondo il Robert Koch Institute, troppo calcio può causare effetti collaterali sotto forma di crampi addominali, vomito o persino danni ai reni. Ecco perché è importante assicurarsi di assumere la giusta quantità di vitamina D.

Dove posso trovare la vitamina D?

Come è già noto, è possibile produrre la vitamina D nel proprio corpo con l'aiuto della luce solare (luce UV). Vari alimenti, come il pesce grasso, l'avocado o i funghi porcini, forniscono anche livelli più alti di vitamina D. In alternativa, la vitamina è ora commercializzata anche in forma concentrata come compresse, gocce, ecc, ad esempio Divisun, Oleovit D3 drops.

Fonti

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

01.12.2020

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.