Effetti del consumo di cannabis quando si cerca di rimanere incinta

Medikamio Hero Image

Annuncio

Con il progresso globale dell'uso medico e personale, l'industria della cannabis continua ad espandersi. Nonostante il discorso sulla possibile legalizzazione nei paesi europei, i dati sulla sicurezza del consumo di cannabis prima e durante la gravidanza sono limitati. Pertanto, i ricercatori hanno recentemente studiato una possibile correlazione tra il consumo di cannabis e i potenziali rischi per la gravidanza nelle donne.

I medici tengono e offrono ai pazienti marijuana medica e olio. Prescrizione di cannabis per uso personale, rimedio legale per farmaci leggeri, rimedio alternativo o medicina, concezione medica.

shutterstock.com / ElRoi

Come funziona la cannabis?

La cannabis appartiene alle cosiddette piante di canapa, per cui l'effetto intossicante è dovuto principalmente al THC (cioè al delta-9-tetraidrocannabinolo). Il THC ha un effetto psicotropo e può quindi influenzare il sistema nervoso centrale e la psiche. Si usano i fiori secchi e le foglie quasi fiorite della pianta di cannabis femmina (cioè la cannabis sativa). Ulteriori studi indicano che i cannabinoidi possono inibire il rilascio del neurotrasmettitore gonadoliberina, che è prodotto nell'ipotalamo. Questo è coinvolto, tra le altre cose, nella ricettività dell'utero umano e nell'impianto. La ricerca epidemiologica sul tema della cannabis e della riproduzione si è finora concentrata soprattutto sugli effetti sui neonati.

Pertanto, l'attuale studio americano ha esaminato l'associazione dell'uso di cannabis durante la fase sensibile della gravidanza (cioè nell'embriogenesi e nel primo periodo fetale), incluso prima del concepimento (cioè prima di provare a concepire) e all'inizio della gravidanza, con la fertilità, il parto vivo e la perdita della gravidanza. Il consumo è stato valutato utilizzando i valori delle urine in diversi punti temporali, compresi gli auto-rapporti. È stata anche analizzata una possibile correlazione con gli ormoni riproduttivi e l'ovulazione.

Nota: Rispetto all'Europa, il quadro legale per l'uso della cannabis è attualmente diverso negli USA.

Lo studio prospettico di coorte ha arruolato 1228 donne che sono state seguite per un massimo di sei cicli durante il concepimento e durante la gravidanza (se sono rimaste incinte) dal 2006 al 2012.

Analisi prospettica:

Qui i ricercatori hanno analizzato i risultati dello studio EAGeR(Effects of Aspirin in Gestation and Reproduction), uno studio clinico multicentrico, randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo. Questo ha studiato basse dosi di aspirina prima del periodo di concepimento nel 2006-2012. Le partecipanti avevano da 18 a 40 anni, cercavano attivamente di rimanere incinta e avevano avuto da una a due perdite di gravidanza. I criteri di esclusione per lo studio erano l'abuso di alcol o droghe illecite, una diagnosi psichiatrica significativa auto-riferita che includeva il disturbo bipolare, la schizofrenia, la depressione incontrollata, il disturbo d'ansia e una diagnosi di infertilità.

L'uso di cannabis è stato misurato prima del concepimento, oltre ai livelli di THC urinario durante la gravidanza e all'inizio della gravidanza: al basale, dopo sei mesi di follow-up o all'inizio del ciclo di concepimento, e a 4 e 8 settimane di gravidanza.

L'ormone hCG (cioè la gonadotropina corionica umana), che viene prodotto durante la gravidanza ed è importante per il mantenimento della gravidanza, è stato misurato prospetticamente nello studio - oltre all'incidenza dei nati vivi e delle perdite.

C'è una correlazione?

Secondo le misurazioni delle urine e gli auto-rapporti, l'uso di cannabis prima del tentativo di gravidanza era del 5%. Un totale dell'1,3% delle donne ha usato cannabis durante le prime 8 settimane di gravidanza (secondo la misurazione delle urine). Il gruppo con uso di cannabis prima del concepimento ha registrato una ridotta possibilità di gravidanza del 41% in ogni ciclo mensile, rispetto ai non consumatori - anche se la frequenza dei rapporti sessuali per ciclo era più alta che nel gruppo di controllo. Il 42% delle partecipanti che hanno usato in qualsiasi momento prima del concepimento sono rimaste incinte - circa il 66% delle donne che non hanno usato sono rimaste incinte.

Non sono state trovate correlazioni tra l'uso prima di provare a concepire e la perdita di gravidanza. Tuttavia, a causa delle piccole dimensioni del campione, i ricercatori non hanno potuto misurare una correlazione tra l'uso di cannabis durante l'inizio della gravidanza e la perdita della gravidanza.

Conclusione:

L'uso di cannabis prima del concepimento è stato associato a una minore fertilità nelle donne con precedenti perdite di gravidanza e a una maggiore frequenza di rapporti sessuali con l'obiettivo della gravidanza, secondo i risultati dello studio. A causa del piccolo numero di utenti nello studio, c'erano limitate possibilità di trarre conclusioni anche per i nati vivi e le perdite di gravidanza.

L'analisi fornisce una possibile associazione tra l'uso di cannabis e i potenziali rischi per la fertilità nelle donne con una storia di perdita di gravidanza. In tal modo, esso avvalora ulteriormente la necessità di ulteriori studi prenatali sull'uso di cannabis e la gravidanza.

    Autore

    Danilo Glisic

    Ultimo aggiornamento

    13.09.2021

    Annuncio

    Share

    Annuncio

    Il tuo assistente personale per i medicinali

    Farmaci

    Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

    Sostanze

    Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

    Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

    This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.