Esiste un legame tra la fibrillazione cardiaca e il consumo di alcol?

L'anatomia del cuore umano forma linee e triangoli, maglia di collegamento dei punti su sfondo blu. Illustrazione vettoriale

Annuncio

Anche in piccole quantità, una bevanda alcolica potrebbe aumentare il rischio di fibrillazione atriale. Mentre circa 300.000 persone solo in Germania hanno il disturbo del ritmo cardiaco, circa il 70% dei pazienti non notano questi attacchi. Uno studio pubblicato di recente ha esaminato un possibile legame tra il consumo di alcol e la fibrillazione atriale.

L'anatomia del cuore umano forma linee e triangoli, maglia di collegamento dei punti su sfondo blu. Illustrazione vettoriale

shutterstock.com / Illus_man

La fibrillazione atriale spiegata:

Per pompare il sangue nel corpo, il nostro cuore umano batte circa 60-100 volte al minuto. Durante questo processo, il cuore si contrae ripetutamente (contrazione). Queste contrazioni sono guidate da quello che si chiama un elettrocatetere di eccitazione, che sono cellule cardiache speciali. Le cellule trasmettono segnali elettrici ai ventricoli umani in una sequenza specifica, causando così un intervallo regolare. È proprio questa sequenza di conduzione dell'eccitazione che è disturbata nella fibrillazione atriale, poiché i segnali elettrici non possono essere trasmessi correttamente, ma semplicemente indugiano negli atri. A causa di questa contrazione incompleta, le camere del cuore non possono pompare il sangue in modo efficace. Di conseguenza, la quantità di sangue trasportata ai singoli vasi sanguigni per battito cardiaco diminuisce in media del 15%.

Questa aritmia cardiaca non è direttamente pericolosa per la vita, ma se non trattata può portare a gravi conseguenze come ictus o insufficienza cardiaca. Le possibili cause potrebbero includere pressione alta, età, malattia coronarica, diabete o ipertiroidismo. In alcuni casi, la fibrillazione atriale può anche verificarsi senza una ragione immediatamente apparente in pazienti con un cuore sano. Un consumo eccessivo di alcol potrebbe anche essere potenzialmente correlato alla causa dell'aritmia. Questa correlazione è stata ora indagata dallo studio pubblicato nel gennaio 2021.

Disegno e metodi dello studio:

Lo studio, pubblicato sull'European Heart Journal, ha incluso cinque coorti di 107.845 persone provenienti da Danimarca, Finlandia, Italia, Norvegia e Svezia. Al basale, i partecipanti sono stati sottoposti a screening medico al momento dell'ingresso tra il 1982 e il 2010, fornendo informazioni sulla loro storia medica, lo stile di vita (compreso l'uso di alcol e tabacco), l'occupazione e il livello di istruzione. Circa il 93% dei partecipanti non aveva aritmia cardiaca al basale e l'età media era di 48 anni, di cui il 48,3% era maschio.

Valutazione dei fattori di rischio utilizzando il progetto MORGAM:

Le informazioni sui fattori di rischio erano disponibili dalle visite di riferimento, al basale. Tra le altre cose, i dati sull'indice di massa corporea (BMI), ipertensione, diabete, farmaci antipertensivi e storia di infarto del miocardio sono stati misurati localmente. I risultati sono stati centralizzati e analizzati dal cosiddetto progetto MORGAM. Questo progetto è uno studio collaborativo multinazionale finanziato dalla Commissione Europea che indaga la relazione tra lo sviluppo delle malattie cardiovascolari, i loro fattori di rischio classici e genetici e i biomarcatori (cioè parametri misurabili dei processi biologici).

Il consumo medio di alcol è stato valutato in grammi al giorno e classificato secondo le categorie di consumo di alcol dell'OMS. Per calcolare la quantità di alcol, si è supposto che 120ml di vino, 330ml di birra o 40ml di alcolici contenessero circa 12g di etanolo.

I risultati aumentano con il consumo di alcol:

Di tutti i partecipanti allo studio, 5854 hanno sviluppato una fibrillazione atriale durante il periodo di osservazione di 14 anni. Per tutti i tipi di bevande alcoliche e per uomini e donne, le associazioni tra consumo di alcol e rischio di fibrillazione atriale erano simili. Il rischio di aritmia è stato aumentato del 16% per le persone che consumavano solo una bevanda alcolica al giorno rispetto a quelle che erano astinenti dall'alcol. I ricercatori hanno quindi concluso che un aumento del rischio potrebbe essere associato all'aumento del consumo di alcol. Fino a due bicchieri al giorno hanno portato a un aumento del rischio del 28%, mentre più di quattro bicchieri di alcol significava un aumento fino al 47%. È stata dimostrata un'associazione a partire da un consumo medio di alcol di 3g al giorno. Tuttavia, per il rischio di insufficienza cardiaca cronica è stato valutato che qui un consumo giornaliero di 20g al giorno, o 1,6 bevande, ha mostrato i valori più bassi. Tuttavia, le persone che bevevano meno o più alcol avevano più probabilità di sviluppare un'insufficienza cardiaca cronica.

Nessuna associazione statisticamente significativa è stata trovata tra gli ex bevitori, i bevitori occasionali o le persone che bevevano fino a un drink al giorno. Anche i modelli di consumo non sono risultati significativi.

Limitazione di questo studio:

Le limitazioni dello studio includono il fatto che i partecipanti allo studio hanno riferito il tipo e la quantità di alcol che hanno bevuto e questo può portare a una segnalazione distorta.

Inoltre, le informazioni disponibili non hanno permesso ai ricercatori di esaminare gli effetti del binge drinking. Poiché la fibrillazione atriale può verificarsi anche in modo asintomatico, è possibile che alcuni episodi non siano stati riportati.

Nota: poiché lo studio era osservazionale, può solo mostrare un'associazione tra consumo di alcol e fibrillazione atriale e non che l'alcol causa la fibrillazione atriale.

Tuttavia, i risultati di questo studio erano coerenti con gli studi precedenti, poiché due bevande al giorno erano associate a un rischio significativamente aumentato di fibrillazione atriale in uno studio sulla salute delle donne pubblicato nel 2008. Un metastudio pubblicato nel 2014 nel Journal oft he American College of Cardiology ha anche trovato un aumento dell'8% del rischio per ogni drink giornaliero.

Conclusione:

A differenza di altre malattie cardiovascolari, anche un basso consumo di alcol di 1,2 bevande al giorno è stato associato a un aumento del rischio di fibrillazione atriale. Dati i risultati di studi recenti che anche un basso consumo di alcol comporta un rischio, lo studio suggerisce che ci può essere un'associazione a questo proposito.

Fonti

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

13.02.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.