Farmaci per quattro zampe

Donna che pensa che una pillola sia un cane.

Annuncio

Quando il vostro animale domestico soffre di mal di stomaco o di febbre nel cuore della notte, la farmacia più vicina è spesso chiusa per molto tempo. Ci si chiede se una rapida presa di paracetamolo o ibuprofene potrebbe risolvere il problema. Con cautela, perché i farmaci per gli esseri umani possono diventare molto tossici per animali come cani o gatti.

Donna che pensa che una pillola sia un cane.

shutterstock.com / A-photographyy

A cosa fare attenzione:

Gli animali di solito richiedono un dosaggio diverso di un farmaco rispetto agli esseri umani, ed è per questo che i farmaci auto-somministrati possono essere molto pericolosi. Come profani, è molto facile interpretare male i sintomi che il nostro animale domestico mostra e fare una diagnosi sbagliata a causa della mancanza di comunicazione.

Paracetamolo e Ibuprofene:

Sia per il cane che per il gatto, l'acetaminofene è un potenziale tossico. Nei cani, un'assunzione di 200mg/kg del principio attivo è sufficiente per rilevare chiari sintomi di avvelenamento. Nei gatti, la quantità è molto più bassa, solo 60mg/kg di paracetamolo.

Normalmente, la maggior parte degli antidolorifici dovrebbe essere scomposta nel fegato in sostanze non tossiche. Questi verrebbero poi escreti attraverso la bile e l'urina.

Entro 30 minuti dall'ingestione, la dose tossica è nel flusso sanguigno dell'animale e inibisce l'ossigeno dal combinarsi con gli eritrociti (cioè i globuli rossi) e gli epatociti (cioè le cellule del fegato). L'emoglobina, cioè le proteine dei globuli rossi, può svolgere la funzione di trasporto dell'ossigeno solo se il ferro in essa contenuto è presente in forma bivalente. Il paracetamolo, invece, fa sì che il ferro rimanga nella sua forma ossidata e non sia quindi in grado di trasportare ossigeno. Distress respiratorio e membrane mucose bluastre possono essere visti nell'animale domestico dopo 1 a 4 ore. Le ragioni dell'ingestione dei principi attivi nei cani e nei gatti possono essere sia l'auto ingestione di compresse facilmente accessibili, sia la somministrazione da parte degli stessi proprietari degli animali.

L'ibuprofene può anche essere tossico per entrambi i quadrupedi se ingerito. La somministrazione orale permette al farmaco di entrare nelle mucose degli animali, dove può causare gravi irritazioni. Vomito sanguinolento o diarrea sanguinolenta sono corsi possibili. Dosi più elevate possono causare l'abbassamento della temperatura corporea dell'animale con shock. Le palpitazioni cardiache e l'incoscienza sono il risultato.

In entrambi i casi, un veterinario dovrebbe essere cercato il più presto possibile o potrebbero svilupparsi conseguenze più gravi.

Altri agenti tossici:

Molto spesso, l'avvelenamento si verifica anche a causa di cibo e stimolanti, che sono considerati innocui per l'uomo. Queste includono le sostanze caffeina e teofillina o teobromina, che si trovano nel caffè (fino a 200 mg di caffeina per tazza), nel tè (fino a 100 mg di caffeina per tazza), nel cacao (14-20 mg di teobromina per grammo) e nel cioccolato (1,5-15 mg di teobromina per grammo). Anche poche centinaia di milligrammi di queste sostanze possono essere letali per gli animali domestici.

Vari derivati della cumarina, che vengono aggiunti a profumi, prodotti del tabacco e cosmetici, possono anche causare effetti tossici.

Conservare correttamente i farmaci:

È particolarmente importante conservare i farmaci in un luogo sicuro, come descritto in quasi tutti i foglietti illustrativi. Altrimenti, c'è il rischio che il proprio animale domestico, senza la supervisione del proprietario, lo identifichi come cibo e lo mangi. Per questo motivo, le confezioni devono essere tenute ben chiuse in luoghi non facilmente accessibili e non devono essere mangiate nelle immediate vicinanze dell'animale stesso.

Visita tempestiva al veterinario:

In ogni caso, bisogna sempre consultare un veterinario, perché il consiglio corretto, la diagnosi, il dosaggio e la somministrazione di un farmaco sono lasciati all'esperto professionista. Se una situazione acuta si presenta al di fuori dell'orario di apertura dello studio veterinario, si deve visitare il servizio di emergenza.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

08.12.2020

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.