Gli integratori multivitaminici e gli estratti di cacao migliorano le capacità cognitive degli anziani?

Capsule di frutta e vitamine in primo piano

La malattia di Alzheimer e le demenze correlate colpiscono più di 46 milioni di persone in tutto il mondo. La demenza è difficile da trattare, quindi garantire strategie accessibili ed efficaci dal punto di vista dei costi per preservare le funzioni cognitive è molto importante per la salute pubblica. Lo studio COSMOS-Mind, pubblicato di recente, analizza gli integratori multivitaminici e gli estratti di cacao in relazione ai loro effetti sulle capacità cognitive.

Capsule di frutta e vitamine in primo piano

/ Marina Tikhonova / iStock

Che cos'è la demenza?

La demenza è il termine che racchiude vari quadri clinici del cervello, caratterizzati da un declino delle capacità mentali e da una progressiva perdita di memoria. La capacità di ricordare e di concentrarsi diminuisce, e soprattutto la memoria a lungo termine e le abilità acquisite diminuiscono con il progredire della malattia. Per suddividere le cause, si distingue tra demenza primaria e secondaria:

  • Nella demenza primaria, il cervello è l'organo principale colpito. I sintomi sono causati da un danno alle cellule nervose. Il tipo di demenza più comune è la demenza di Alzheimer. Anche un disturbo circolatorio del cervello può essere una causa della diminuzione delle prestazioni cognitive, nel qual caso si parla di demenza vascolare.
  • La demenza secondaria si sviluppa come conseguenza di un'altra malattia esistente. Questo può accadere, ad esempio, in caso di disturbi da dipendenza, disturbi della tiroide o dopo una lesione cerebrale traumatica. Allo stesso modo, i farmaci e la mancanza di nutrienti e vitamine possono causare l'insorgere di una demenza secondaria. Questa forma di demenza può anche regredire se si pone rimedio alla causa, come la mancanza di nutrienti o il trattamento della malattia di base.

La terapia della demenza è difficile

A seconda dello stadio della demenza, può essere piuttosto complicato alleviare i sintomi. Se c'è una malattia di base, questa deve sempre essere trattata in modo completo. Se necessario, i singoli reparti devono collaborare in modo coordinato. Le misure di terapia comportamentale possono essere utilizzate soprattutto nei casi di ritiro sociale o di cambiamenti del carattere. Spesso i sintomi possono essere alleviati di conseguenza. I farmaci possono essere utili contro gli stati depressivi, dietro consiglio del medico. Per mantenere le capacità cognitive esistenti, ci sono varie possibilità da utilizzare per allenarle e svilupparle: esercizi di memoria (ad esempio, puzzle, indovinare proverbi o canzoni), esercizi di mindfulness o esercizi di coordinazione (ginnastica, danza) sono adatti a questo scopo. Grazie all'esercizio fisico, si possono formare connessioni neuronali.

Inoltre, per la terapia vengono utilizzati innumerevoli farmaci e integratori alimentari. Poiché soprattutto la mancanza di micronutrienti rappresenta un rischio maggiore per lo sviluppo della demenza, questi sono ripetutamente oggetto di ricerche sul loro effetto sulla conservazione delle funzioni cognitive.

Il multivitaminico migliora le capacità cognitive

La rivista Alzheimer's & Dementia ha recentemente pubblicato i risultati di uno studio condotto dai ricercatori della Wake Forest University School of Medicine in North Carolina. Lo studio COSMOS-Mind (COcoa Supplement and Multivitamin Outcomes Study of the Mind) ha esaminato se l'estratto di cacao migliora le capacità cognitive negli adulti più anziani rispetto a un multivitaminico minerale (MVM) disponibile in commercio. Nella sua forma non trasformata, la fava di cacao è ricca di flavanoli. I loro effetti di miglioramento della cognizione sono stati supportati in passato da diversi studi epidemiologici e clinici di piccole dimensioni. Gli studi sull'importanza di singoli micronutrienti, come l'acido folico e la vitamina D, hanno mostrato risultati contrastanti, ma le revisioni meta-analitiche hanno concluso che le prove sono insufficienti per una raccomandazione.

Primo piano di fave di cacao e polvere di cacao

/ Milan Krasula / iStock

Disegno dello studio

Lo studio COSMOS-Mind ha coinvolto 2262 soggetti con un'età media di 73 anni, di cui circa il 60% erano donne. Circa il 92% si è sottoposto all'esame di base e agli esami di follow-up annuali successivi. I partecipanti soffrivano di fattori di rischio legati all'età, come ipertensione, diabete di tipo 2 e obesità. Sono stati inclusi solo se non avevano una storia di infarto o ictus, ma sono state ammesse altre malattie cardiovascolari (attacco ischemico transitorio, insufficienza cardiaca scompensata, innesto di bypass aorto-coronarico, angioplastica e stenting). Un altro criterio di selezione è stato quello di non aver avuto un tumore negli ultimi due anni.

I soggetti sono stati divisi in gruppi in cui hanno ricevuto un preparato multivitaminico-minerale (MVM), un preparato a base di cacao con 500 mg di flavanoli o un placebo. L'assegnazione è stata effettuata con un disegno randomizzato 2x2, il che significa che tutti i fattori (MVM, preparazione al cacao, placebo MVM e placebo cacao) sono stati combinati. In totale sono stati studiati quattro gruppi e confrontati tra loro.

Nel corso di questo, le capacità cognitive dei soggetti sono state valutate telefonicamente all'inizio dello studio, una volta all'anno e alla fine dello studio per un periodo di 3 anni. Sono stati testati la fluidità verbale, il ricordo di storie e il rapporto con i numeri.

Donna anziana al telefono con un biglietto in mano, uomo anziano sullo sfondo

/ Wavebreakmedia / iStock

Risultati dello studio

L'assunzione giornaliera di 500 mg di flavanoli non ha mostrato alcuna correlazione positiva con le prestazioni cognitive dei soggetti, mentre l'assunzione giornaliera di MVM si è dimostrata efficace sulle capacità cognitive dei soggetti. Soprattutto la cognizione globale e la memoria episodica sono migliorate fortemente, ma anche le funzioni esecutive (funzioni mentali con cui le persone controllano il proprio comportamento in considerazione dell'ambiente) si sono sviluppate positivamente. Il beneficio significativo è stato statisticamente dimostrato rispetto al placebo, nonostante un basso z-score di 0,07 con un intervallo di confidenza del 95% compreso tra 0,02 e 0,12 in caso di assunzione di multivitaminici. Nei partecipanti con malattie cardiovascolari, questo effetto è stato ancora più pronunciato, con uno z-score di 0,14, ma con un intervallo di confidenza più ampio, da -0,02 a 0,31. Questo risultato è altamente significativo, poiché questi pazienti sono comunque predisposti a un declino più rapido delle prestazioni cognitive.

Secondo la ricercatrice Laura D. Baker, l'assunzione di un multivitaminico quotidiano ha comunque ridotto la degenerazione cognitiva generale del 60%, il che corrisponde a un rallentamento di circa 1,8 anni.

Conclusione

La demenza è una malattia lentamente progressiva che spesso viene diagnosticata in ritardo. Non solo il decorso della malattia e i suoi sintomi, ma anche le cause della demenza sono così diverse che la malattia deve essere diagnosticata individualmente per ogni paziente e trattata in modo interdisciplinare. Il ritiro sociale deve essere evitato a tutti i costi per prevenire ulteriori problemi. Tuttavia, le capacità cognitive possono essere allenate e supportate a qualsiasi età, ad esempio eseguendo regolarmente esercizi di memoria per rafforzare le connessioni neuronali. Anche una dieta sana e un sufficiente esercizio fisico sono importanti per mantenere le capacità cognitive.

Lo studio COSMOS-Mind è stato il primo studio su larga scala, controllato con placebo e a lungo termine, con risultati positivi, che suggeriscono che l'integrazione quotidiana di un multivitaminico minerale può effettivamente migliorare le capacità cognitive degli anziani. L'estratto di cacao, invece, non ha mostrato alcun miglioramento della cognizione mentale nemmeno dopo tre anni. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i benefici di questi risultati e per formulare raccomandazioni concrete. Ciononostante, questo studio è di grande importanza per la salute pubblica per la definizione di standard per proteggere e migliorare le funzioni cognitive negli anziani.

Autore

Olivia Sophie Malvani

Ultimo aggiornamento

15.11.2022

Share

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.