Il consumo di caffè aiuta contro il cancro al fegato?

Una donna afferra dolorosamente la regione del fegato nello sfondo bianco.

Annuncio

La maggior parte del caffè viene consumato nelle latitudini settentrionali dell'Europa. In cima alla lista globale ci sono Lussemburgo, Paesi Bassi e Finlandia, dove ogni anno si consumano in media 9,43 kg di caffè pro capite. Si pensa che il chicco abbia anche dei benefici per la salute, dato che si pensa che il consumo di caffè riduca il rischio di carcinoma epatocellulare del fegato. Gli scienziati hanno ora indagato questo con l'aiuto di meta-analisi di studi epidemiologici.

Una donna afferra dolorosamente la regione del fegato nello sfondo bianco.

shutterstock.com / mi_viri

Caffè per la salute?

Ci sono ora molti studi che forniscono la prova che bere caffè potrebbe ridurre il rischio di carcinoma epatocellulare del fegato, o HCC in breve. Un cosiddetto HCC è un tumore maligno che ha origine dagli epatociti, il tessuto funzionale del fegato, ed è promosso da malattie come la cirrosi epatica o l'epatite B e C. Allo stesso tempo, altri studi riportano un effetto contrario.

Allo stesso tempo, altri studi riportano un'associazione inversa con il consumo di caffè, mentre altri studi suggeriscono anche che diverse tazze di caffè al giorno o più di 2 al giorno riducono il rischio di HCC. Anche il numero di dosi di caffè è controverso. Il caffè contiene più di mille sostanze, e molte di queste sostanze sono già state studiate per gli effetti protettivi. I composti chimici cafestol e kahweol contenuti nel caffè si dice che possano avere effetti antiossidanti, e la ben nota caffeina si dice che contrasti la fibrosi epatica in vitro attraverso la via metabolica del TGF-beta.

Il programma di linee guida AWMF (cioè Arbeitsgemeinschaft der Wissenschaftlichen Medizinischen Fachgesellschaften e. V.) in oncologia sul carcinoma epatocellulare e il carcinoma biliare da giugno 2021 raccomanda anche il consumo di caffè per i pazienti con malattie epatiche croniche. Al fine di rivedere sistematicamente questi numerosi dati, gli scienziati hanno pubblicato meta-analisi nel 2013 e 2020 di tutti gli studi che sono stati condotti in associazione con il consumo di caffè e il rischio di HCC e carcinoma epatico, rispettivamente. Hanno valutato l'associazione tra caffè ed espressione HCC e la dose di caffè necessaria per ridurre tali rischi di cancro al fegato.

Le meta-analisi indagano il possibile effetto

L'analisi dello studio, pubblicato nel 2013 in American Gastroenterological Association (aga in breve), ha esaminato tutti gli studi pertinenti in lingua inglese tra 1966 e 2012 che sono stati collegati al consumo di caffè e HCC. Il rischio relativo per qualsiasi, basso e alto consumo di caffè è stato confrontato con nessun consumo di caffè. Il limite di tolleranza è stato fissato a un massimo di 3 tazze al giorno in 9 studi e una tazza al giorno in 5 studi.

La meta-analisi pubblicata nel Journal of gastrointestinal and liver diseases nel 2020 ha anche esaminato studi di controllo, di coorte e prospettici in inglese tra il 1996 e il 2019, indagando una correlazione tra il consumo di caffè e il cancro al fegato o HCC e calcolando il rischio relativo di entrambe le malattie (modello a effetto casuale secondo: DerSimonian e Laird con ponderazione della varianza inversa). Un totale di 20 studi sono stati esaminati e messi in prospettiva su una tazza di caffè al giorno.

Risultati

Il rischio relativo per qualsiasi consumo di caffè rispetto a nessun consumo era 0.60 (con un intervallo di confidenza del 95% di 0.50 - 0.71), indipendente dal sesso, consumo di alcol e storia di epatite o malattia del fegato. Ciò significa che il rischio calcolato di HCC è inferiore del 40% in tutti i bevitori di caffè rispetto a quelli che non bevono affatto caffè. Confrontando il gruppo senza consumo di caffè con il resto dei gruppi, i valori RR erano i seguenti: 0.72 per il basso consumo di caffè, 0.44 per il consumo elevato. In sintesi, il valore RR era 0,80 per una tazza di caffè al giorno (cioè il 20% di rischio in meno).

Lo studio del 2020 ha mostrato un valore complessivo di rischio relativo di 0,69, ma i ricercatori hanno detto che c'erano differenze significative tra gli studi. Un'analisi per sottogruppi è stata poi condotta con la gradazione di una tazza di caffè come quantità. La meta-analisi ha mostrato che maggiori quantità di caffè erano correlate con una riduzione significativa del rischio di HCC o cancro al fegato.

Conclusione

Secondo la meta-analisi del 2013, c'era una riduzione del 40% del rischio di HCC con qualsiasi consumo di caffè rispetto a nessun consumo di caffè. I ricercatori hanno anche sottolineato una possibile correlazione opposta, come i pazienti con malattie del fegato o dell'apparato digerente possono anche aver ridotto il loro consumo di caffè. Tuttavia, la meta-analisi nota anche che altri studi mostrano che il caffè può influenzare gli enzimi epatici e lo sviluppo della cirrosi epatica, e quindi può anche essere protettivo contro lo sviluppo del cancro al fegato. Tuttavia, l'ulteriore dipendenza dalla dose trovata per tazza di caffè al giorno fornisce la prova di un effetto causale per la riduzione del rischio del 20% (cioè il valore RR di 0,80).
Auch die systematische Meta-Analyse des Fachjournals gastrointestinal and liver diseases legt eine Risikoreduktion für die Leberkarzinome und HCC nahe. Dabei haben auch größere Mengen an Kaffee einen größeren Nutzfaktor in Bezug auf die Reduktion.

Per poter determinare o capire l'effetto esatto del consumo di caffè, tuttavia, sono necessari ulteriori studi biologici ed epidemiologici che analizzino anche alcuni sottogruppi (ad esempio: HCC in associazione con l'epatite C).

Fonti

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

08.11.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.