Il metodo del canguro aiuta il tasso di sopravvivenza delle nascite premature?

Una madre è sdraiata e tiene il suo bambino appena nato sul petto in un ospedale, sorridendo con gli occhi chiusi.

Annuncio

Ogni anno, più di 500.000 bambini nascono prematuramente in Europa - questo corrisponde a circa il 7,1% di tutte le nascite in Europa. Le nascite premature sono responsabili di circa il 70% di tutte le morti neonatali. Per poter ridurre questi numeri a lungo termine, i ricercatori hanno ora studiato il metodo del canguro, che mira a ridurre il tasso di mortalità delle nascite premature.

Una madre è sdraiata e tiene il suo bambino appena nato sul petto in un ospedale, sorridendo con gli occhi chiusi.

shutterstock.com / Natalia Deriabina

Nascita prematura:

Un bambino è detto prematuro se nasce prima della 37a settimana di gravidanza completata. I progressi medici hanno reso possibile mantenere in vita e curare i bambini a partire da un peso alla nascita di 500 grammi, che corrisponde a circa 24 settimane complete di gravidanza.

Il cosiddetto metodo del canguro o kangaroo mother care è il contatto continuo e diretto della pelle del neonato con il seno nudo della madre o del padre. Questo comporta che il bambino senta il proprio calore, il battito cardiaco, la respirazione e l'odore per diverse ore al giorno mentre giace coperto da un panno caldo. Inoltre, il bambino viene nutrito esclusivamente con l'allattamento al seno con il latte della madre. Questa percezione sensoriale da parte dei genitori è una delle misure più efficaci per prevenire la mortalità nei neonati di basso peso alla nascita. Il metodo è stato originariamente mirato nei paesi economicamente più deboli alla fine degli anni '70 per compensare la mancanza di incubatrici disponibili per la cura dei bambini prematuri. Dopo qualche tempo, questo metodo è stato anche "riscoperto" in alcuni paesi industrializzati - tuttavia, in questi paesi, questo metodo è utilizzato solo dopo che il bambino è stato stabilizzato.

L'OMS consiglia l'introduzione di sessioni di canguro più brevi e intermittenti non appena le condizioni del bambino prematuro si sono stabilizzate e la cura del canguro continua non appena il bambino è completamente stabilizzato. In pratica, questo ritarda l'inizio del metodo canguro di qualche giorno.

Revisione Cochrane:

Una revisione Cochrane (cioè una rete globale indipendente di scienziati e ricercatori professionisti della salute) pubblicata nel 2016 ha concluso che se i bambini prematuri sono stati curati con il metodo del canguro della madre dopo la stabilizzazione, il tasso di mortalità dei bambini di basso peso alla nascita è stato ridotto del 40%. Ciò ha comportato il confronto di 1736 neonati in 8 studi con le cure ospedaliere convenzionali.

Nella revisione, i neonati che hanno ricevuto le cure della madre canguro hanno anche avuto meno infezioni, più allattamento al seno esclusivo e un aumento di peso più favorevole. L'età media dei neonati variava da 10 ore a 24,5 giorni, con circa il 45% delle morti neonatali che si verificano entro le prime 24 ore e l'80% entro la prima settimana di vita. Questo significa che la maggior parte dei casi di mortalità si è verificata prima dell'inizio effettivo del metodo del canguro.

Negli ultimi anni, l'OMS ha studiato in Ghana, India, Malawi, Nigeria e Tanzania se le cure della madre canguro possono ridurre la mortalità nelle nascite pretermine anche senza una stabilizzazione preliminare. Tutte le cliniche di questi paesi avevano accesso alle incubatrici per i neonati pretermine. Il dipartimento dell'OMS della regione del Sud-Est asiatico mira a ridurre il tasso di mortalità neonatale a 12 su 1000 nati vivi entro il 2030 come parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (cioè gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile).

Metodo di studio:

Tutti i neonati nati vivi in questo studio randomizzato, multicentrico, non cieco e controllato avevano un peso alla nascita compreso tra 1 e meno di 1,8 kg, indipendentemente dall'età materna, dal metodo di parto o dallo stato dei gemelli.

I criteri di esclusione erano:

  • Età materna inferiore a 15 anni
  • Nessun consenso per lo studio
  • Triplette o più
  • Malattia materna con nessuna capacità di completare le cure della madre canguro entro i primi tre giorni
  • Non arruolati nello studio entro le prime 2 ore dal parto
  • Luogo di residenza della madre al di fuori dell'area di studio
  • I neonati che non potevano respirare spontaneamente entro la prima ora o che mostravano gravi malformazioni congenite

Un totale di 3211 neonati da 2944 madri sono stati arruolati e assegnati in modo casuale allo studio tra novembre 2017 e gennaio 2020. Questo includeva 1609 neonati da 1470 madri nel gruppo di intervento e 1602 neonati da 1474 madri nel gruppo di controllo. La durata media del contatto pelle a pelle tra madre e bambino nelle unità di terapia intensiva neonatale di 6,4 giorni è stata di 16,9 ore nel gruppo di intervento e di 1,5 ore nel gruppo di controllo.

Risultati dello studio:

Nei primi 28 giorni, la mortalità neonatale è stata di 191 (12,0%) nel gruppo di intervento e 249 (15,7%) nel gruppo di controllo. Secondo i ricercatori, il rischio di mortalità relativa di 0,75 era significativo. Ciò significa che la cura immediata della madre canguro ha ridotto il rischio di morte del 25%. Anche il numero di morti nei primi 3 giorni dopo la nascita del bambino è diminuito dal 5,8% al 4,6%. I ricercatori affermano così che 1 su 27 bambini nati prematuramente potrebbe essere salvato da questo metodo del canguro.

I ricercatori sospettano che questa riduzione del rischio nei paesi potrebbe essere legata a un possibile modellamento del microbioma attraverso il contatto con la pelle. L'assenza di terapie mediche intensive potrebbe anche ridurre il rischio di infezione. Altri possibili fattori, secondo lo studio, sarebbero: una protezione precoce indotta dal latte materno ed evitare l'ipotermia.

Conclusione:

Nei neonati di peso compreso tra 1 e 1,8 kg alla nascita, la cura della madre canguro senza stabilizzazione precoce potrebbe portare a una significativa riduzione del rischio nei tassi di mortalità neonatale, secondo lo studio. Questo studio è particolarmente significativo nei paesi economicamente più deboli, dove la mancanza di disponibilità di incubatrici per la cura dei neonati pretermine è registrata in diverse occasioni. I ricercatori di questo studio affermano anche che il metodo del canguro immediato ha salvato la vita di un neonato su 27 dopo la nascita.

Fonti

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

01.11.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.