Il ruolo dei flavanoli alimentari dal cacao nell'invecchiamento cognitivo.

Medikamio Hero Image

Annuncio

A causa dell'invecchiamento generale della popolazione mondiale, la perdita di memoria legata all'età è un problema cognitivo preprogrammato. I flavonoidi che si trovano nel cioccolato sono antiossidanti naturali, oltre ad essere responsabili come pigmenti vegetali. Per comprendere meglio l'influenza dell'assunzione alimentare sulle funzioni della memoria, è stato condotto uno studio randomizzato per indagare l'efficacia di questi stessi pigmenti vegetali nelle fave di cacao in relazione alle capacità cognitive negli adulti.

Ciotola di cioccolato fuso e cucchiaio di legno su uno sfondo di fave di cacao crude schiacciate, pennini. Spazio per la copia Vista dall'alto

shutterstock.com / Anna_Pustynnikova

Una breve panoramica sui flavanoli:

I flavonoidi, come composti vegetali secondari, fanno parte dei cosiddetti polifenoli (cioè il gruppo di composti chimici presenti in frutta e verdura). Essendo responsabili della colorazione delle piante, colorano diverse verdure e frutti, come le mele o la soia. Un certo gruppo di flavonoidi (cioè le proantocianidine) sono più abbondanti nelle bacche, nel vino rosso, nelle mele, così come nel tè, nelle noci o anche nel cioccolato - più precisamente nella fava di cacao. Secondo i dati delDipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (in breve: USDA), la fava di cacao contiene le seguenti quantità di certi tipi di flavonoidi per 100g:

  • 156,67 mg di epigallocatechina
  • 99,18 mg di epicatechina (di seguito denominata epicatechina)
  • e 88,45 mg di catechina

Il contenuto di questi composti vegetali secondari diminuisce con l'aumentare della lavorazione. Di conseguenza, la massa di cacao proveniente da semi di cacao leggermente fermentati ha più flavanoli del cioccolato fondente - che a sua volta contiene più sostanze del cioccolato al latte. Le condizioni ambientali e di conservazione, la varietà, il grado di maturazione e il contenuto di grasso possono anche determinare il contenuto di flavanoli.

Diversi studi hanno indagato i diversi effetti delle fave di cacao contenenti flavanoli o del cioccolato sulla tolleranza al glucosio, sulle malattie cardiovascolari e sulla pressione sanguigna. Ora, uno studio statunitense ha indagato l'associazione con le capacità cognitive negli adulti.

Metodo di studio con test di apprendimento:

A questo scopo, 211 adulti sani di età compresa tra 50 e 75 anni sono stati studiati in uno studio controllato, randomizzato, a bracci paralleli, utilizzando un questionario alimentare. I partecipanti allo studio hanno preso 260mg, 510mg o 770mg di flavanoli del cacao o placebo per 12 settimane al fine di valutare l'effetto. La fase di studio è stata accompagnata da un cosiddetto periodo di washout.

L'endpoint primario era un compito di riconoscimento di oggetti di nuova concezione situato in una parte specifica dell'ippocampo (cioè un'area del cervello). Per questo, i partecipanti allo studio hanno visto diversi modelli su uno schermo uno dopo l'altro, e gli è stato chiesto di cliccare ogni volta che uno di questi modelli appariva una seconda volta. Secondo le valutazioni, tuttavia, questo test si è rivelato troppo difficile, poiché per lo più si potevano vedere solo colpi casuali.

Di conseguenza, è stato valutato un risultato secondario, utilizzando un compito di apprendimento della lista e un compito di orientamento della lista. Ai soggetti è stato chiesto di memorizzare il maggior numero possibile di parole da una lista utilizzando un test di apprendimento convenzionale (il cosiddetto: Modified Rey auditory verbal learning test). I partecipanti allo studio che hanno consumato la più alta quantità di flavanoli nel questionario precedentemente valutato hanno ottenuto i migliori risultati nel test dell'elenco. Tuttavia, i soggetti con la più bassa assunzione di sostanze vegetali hanno mostrato i maggiori miglioramenti con l'assunzione di compresse di flavanolo durante la fase di studio. Dopo la fine dell'intervento, i risultati dei test sono nuovamente peggiorati.

L'effetto è stato misurato utilizzando un cosiddetto indice di dieta sana alternativa e un biomarcatore (cioè un parametro misurabile come riferimento per i processi biologici) per l'assunzione di flavanolo (breve: gVLM). In uno studio di risonanza magnetica parziale, il volume del sangue cerebrale (cioè del cervello) dell'ippocampo è stato misurato prima e dopo il trattamento. La RM, o risonanza magnetica, può essere usata per misurare l'attività cerebrale durante il periodo del test osservando il flusso di sangue nella regione del cervello.

In un test finale, i partecipanti allo studio hanno ordinato gli oggetti in base a proprietà come la "dimensione". In questo caso, il trattamento con il composto vegetale secondario ha portato a un miglioramento dei risultati.

Risultati:

Il riconoscimento degli oggetti e le prestazioni di ordinamento della lista non sono stati correlati con la qualità della dieta e non sono migliorati dopo l'ingestione di flavanoli. Tuttavia, le prestazioni di apprendimento dell'ippocampo-dipendente lista era direttamente associato con la qualità della dieta, secondo i risultati dello studio, e migliorato dopo l'ingestione di flavanoli - soprattutto nei partecipanti nel terzo più basso della valutazione dieta.

Secondo i risultati dello studio, una possibile associazione può essere dedotta tra l'assunzione di flavanoli come dal cacao o altre piante e un aumento delle prestazioni cognitive.

Conclusione:

Mentre ulteriori ricerche su larga scala sono necessarie, in generale, questi risultati suggeriscono che la dieta - e flavanoli in particolare - hanno una correlazione con l'invecchiamento della funzione di memoria ippocampale e normale declino cognitivo. Quali implicazioni abbiano questi risultati nella vita quotidiana può essere determinato solo da ulteriori studi.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

19.04.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.