Lavorare all'aperto può ridurre il rischio di cancro al seno?

Medikamio Hero Image

Annuncio

Il cancro al seno è il cancro più comune nelle donne, con un'incidenza crescente di casi. Precedenti studi epidemiologici hanno indicato che la radiazione ultravioletta solare può avere un effetto protettivo sul cancro al seno - a causa della mancanza di prove, un nuovo studio ha indagato questo nel contesto dell'attività professionale e sul posto di lavoro nelle donne.

Donna seduta sull'erba in un parco che lavora al portatile. Donne che indossano le cuffie con il computer portatile mentre sono sedute sotto l'albero nel parco con la luce del sole da dietro.

shutterstock.com / Jacob Lund

Cancro al seno:

Il cancro al seno, o carcinoma mammario, è un tumore maligno del seno. In questo caso, alcune cellule della ghiandola mammaria nel corpo alterano i geni e possono moltiplicarsi senza ostacoli e senza controllo. Di conseguenza, distruggono anche il tessuto sano del corpo attraverso una crescita invasiva e possono diffondersi in tutto il corpo attraverso i vasi sanguigni e formare le cosiddette metastasi (tumori) in nuovi siti. Mentre il cancro si verifica più frequentemente nelle donne, la sua comparsa negli uomini è rara. In Germania, circa 69.000 donne e 600 uomini ricevono ogni anno una nuova diagnosi di cancro al seno. Si distingue tra diverse forme di cancro al seno: cancro al seno invasivo-duttale (che ha origine dai dotti lattiferi), cancro al seno invasivo-lobulare (che ha origine dai lobi ghiandolari) o forme più rare come il cancro al seno infiammatorio. Il cancro al seno infiammatorio rappresenta l'1 - 4% di tutti i tumori al seno e spesso non è facile da diagnosticare a causa della mancanza di un tumore palpabile.

Proprietà anticancro:

La porzione di onde corte della radiazione solare contiene la cosiddetta radiazione ultravioletta. Nell'atmosfera terrestre, i raggi UV-A e pochi UV-B penetrano fino alla superficie terrestre. Così, la vitamina D può essere formata nella pelle per effetto della radiazione UV-B. Secondo alcuni studi, la nota vitamina D potrebbe avere proprietà anticancro - poiché il recettore della vitamina D controlla la trascrizione dei geni (cioè la riscrittura di un gene da DNA a RNA) e quindi interferisce con la crescita cellulare. Questi importanti processi biologici sono alterati durante la carcinogenesi (sviluppo del tumore). La vitamina D può anche essere ottenuta da altre fonti come l'assunzione con la dieta o l'integrazione, anche se le radiazioni UV rappresentano la maggior parte dell'assunzione di vitamina D negli esseri umani.

Di conseguenza, secondo lo studio, si pensa che i lavoratori d'ufficio abbiano concentrazioni di vitamina D più basse rispetto alle persone che passano molto tempo all'aperto per lavoro. Secondo gli scienziati, in parallelo con una minore esposizione al sole negli ambienti di lavoro e di svago, l'incidenza del cancro al seno è aumentata. Anche se le attività professionali all'aperto possono essere considerate una misura affidabile dell'esposizione prolungata ai raggi UV, non esistono dati di studi precedenti che considerino l'incidenza del cancro al seno legato al lavoro.

Per testare questa causalità, i ricercatori della Danish Cancer Society e i collaboratori di Copenhagen hanno ora, per la prima volta, studiato il cancro al seno femminile, compresi i suoi sottotipi, in modo più dettagliato. Poiché tutti i residenti danesi ricevono un numero di identificazione a dieci cifre alla nascita, è stato possibile confrontare le attività professionali delle donne nate dopo il 1946 con l'incidenza del cancro.

Metodo di studio danese:

In questo studio, un totale di 38.375 donne sotto i 70 anni di età con cancro al seno sono state identificate utilizzando il registro dei tumori danese "Cancerregisteret", che era già stato istituito nel 1943. Cinque femmine nate nello stesso anno che erano vive e prive di cancro al seno al momento della diagnosi sono state selezionate a caso come soggetti di controllo. Per trovare i dati completi sull'occupazione, è stato utilizzato il registro del fondo pensione complementare danese "Arbejdsmarkedets Tillægspension". Questo è responsabile della distribuzione delle pensioni. Con l'aiuto di una tabella di esposizione sul posto di lavoro, è stata studiata l'esposizione professionale agli UV.

Risultati significativi:

Qui, i risultati dello studio pubblicato nel 2021 nella rivista Occupational and Environmental Medicine hanno mostrato che le donne che avevano un'esposizione professionale all'aperto a lungo termine avevano meno probabilità di sviluppare il cancro al seno. Tuttavia, la causalità è stata evidente solo dopo più di 20 anni di lavoro. Secondo l'odds ratio calcolato di 0,85, le donne con più occupazioni all'aperto avevano il 15% di probabilità in meno di sviluppare il cancro al seno.

Principalmente, questa associazione era limitata alla malattia del seno dopo i 50 anni. Le incidenze che si sono verificate in un'età più precoce hanno mostrato un'associazione di rischio non significativa del 6% in meno di malattia.

C'è un'associazione?

Poiché i ricercatori dello studio non hanno informazioni sull'assunzione di vitamina D o sul comportamento nel tempo libero delle persone esaminate, questo studio non può dimostrare una chiara connessione. Né l'analisi ha potuto prendere in considerazione i fattori di rischio riconosciuti che possono influenzare il rischio di cancro al seno (fattori di stile di vita come il consumo di alcol o l'attività fisica, fattori medici e genetici come i trattamenti ormonali). Tuttavia, va notato che, secondo studi precedenti, i lavoratori d'ufficio hanno mostrato livelli di vitamina D nel sangue più bassi in media.

Conclusione:

Secondo lo studio, c'è un'associazione inversa tra l'esposizione professionale a lungo termine ai raggi UV e l'insorgenza tardiva del cancro al seno. Per dimostrare una causalità significativa, sono necessari ulteriori studi occupazionali per superare questi fattori problematici. A causa della riconosciuta efficacia della vitamina D nel corpo umano e delle conseguenze della carenza di vitamina D, è generalmente benefico prestare attenzione al proprio stato di vitamina D durante il tempo libero.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

05.07.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.