Nessun gioco da ragazzi: un confronto tra due antipiretici

Medikamio Hero Image

Annuncio

Un incubo per i genitori: il proprio figlio ha la febbre alta. In questa situazione in particolare, è importante soppesare il modo in cui certi agenti che inducono la febbre vengono somministrati al giovane paziente. A questo scopo, uno studio recente offre un confronto tra i due principi attivi ampiamente utilizzati, il dexibuprofene (contenuto, per esempio, in Seractil forte compresse rivestite con film) e il propacetamolo (contenuto, per esempio, in ben-u-ron supposte) nei bambini con un'infezione delle vie respiratorie superiori con febbre.

Niño enfermo con termometro in camera

shutterstock.com / Rido

La fiebre como indicador :

La fièvre, uno degli indicatori più antichi di una malattia femminile, è uno dei motivi più ricorrenti di visita da parte del medico nel mondo intero. La fiebre suele notarse como reacción a la inflamación, la infección y el traumatismo. Oltre all'aumento della temperatura corporea, la febbre può manifestarsi con altri sintomi della malattia. Proprio per questo è importante sapere quale tipo di medicina utilizzare (per esempio: intravenosa, rettale o orale). Perché se il bambino tiene dificultad respiratoria o vómitos, per esempio, la somministrazione rettale o intravenosa sería una alternativa.

Norma etica:

Tutte le procedure del test clinico di fase 3, multicentrico, aleatorio, doppio cieco e comparativo, pubblicato recentemente sulla rivista BMC Pediatrics, sono state eseguite secondo le norme etiche istituzionali e/o del comitato nazionale di ricerca. In questo studio, i pazienti di età compresa tra 6 mesi e 14 anni e con una temperatura corporea superiore a 38°C sono stati assegnati al gruppo di studio o al gruppo di controllo.

Método y procedimiento del estudio :

Al grupo dello studio se le administró primero propacetamolo intravenoso, seguido de medicación placebo orale. I pazienti del gruppo di controllo hanno ricevuto per via intraveicolare 100 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9 % senza propacetamolo. Luego se administró dexibuprofeno orale. La temperatura corporale di tutti i pazienti è stata misurata dopo 0,5, 1, 1,5, 2, 3, 4 e 6 ore di assunzione di placebo o dexibuprofeno per via orale. Nessun altro antipirétique o antibiotico è stato somministrato durante le 6 ore successive alla somministrazione del placebo o del dexibuprofene, a meno che il medico curante non lo ritenga necessario.

Se inscrivere un totale di 263 pazienti (125 nel gruppo di studio) degli ospedali dell'Università Cattolica di Corea. La temperatura corporea dei pazienti del gruppo di studio è stata significativamente più bassa (37,73°C rispetto a 38,36°C e 37,25°C rispetto a 37,40°C a 0,5 e 2 ore, rispettivamente) fino a due ore dopo la somministrazione.

diferencia de temperatura en el período de observación del estudio, h son las horas

/ BMC Pediatrics (2018)

Le temperature nel periodo di 3, 4 e 6 ore dopo la somministrazione dei farmaci non sono significativamente diverse. Se alcanzó una temperatura corporale inferiore a 38 °C nelle ore 0,5 siguientes a la administración de propacetamolo, mientras que se necesitó aproximadamente una hora para alcanzar la temperatura corporale mencionada tras la administración de dexibuprofeno. Los dos grupos no mostraron diferencias significativas en cuanto al rango de disminución de la temperatura corporal, il rango de cambio de la temperatura corporal per la relazione administración-tiempo de antipiréticos, el valor máximo de disminución de la temperatura corporal durante la relazione administración-tiempo de 6 horas, el rango de cambio de la temperatura corporal para la relazione administración-tiempo de antifebriles, il valore massimo di diminuzione della temperatura corporale durante il período di prova di 6 ore, il numero di pazienti (la cui temperatura corporale è stata normalizzata), il tempo medio nella prima normalizzazione della temperatura corporale e lo sviluppo di eventi avversi, tra cui problemi gastrointestinali, elevazione degli enzimi epatici e diminuzione delle placche, emorragie nasali).per esempio, emorragie nasali).

Sono stati effettuati esami fisiologici e di laboratorio (con un esame completo delle cellule sanguigne, un'analisi della qualità del sangue e un'analisi delle urine) prima della somministrazione degli antipirici e durante la seconda visita (3 giorni dopo la somministrazione iniziale). Gli eventi avversi sono stati monitorati durante tutto il processo e sono stati registrati tutti i casi.

Risultati dello studio:

Secondo i risultati dello studio, l'effetto antipirético del propacetamolo endovenoso rispetto al dexibuprofeno orale è risultato simile nei pazienti con fiebre a 6 ore. Inoltre, i valori della temperatura corporea dei primi sono stati significativamente più bassi di quelli del dexibuprofene durante le due prime ore. Mentre la concentrazione in acide folique del propacetamolo (somministrazione intraveineuse) raggiunge il livello massimo in 40 minuti, il dexibuprofene (somministrazione orale) richiede più di due ore per raggiungere la concentrazione massima.

Conclusione:

Il dexibuprofeno (contenuto, per esempio, nei comprimidos recubiertos con película Seractil forte) e il propacetamolo (contenuto, per esempio, nei supositorios ben-u-ron) sono i due antipiréticos più utilizzati in bambini e adolescenti. Nei casi in cui la via orale non è possibile, il propacetamolo può essere utilizzato anche per via rettale. Specialmente in quei casi in cui il bambino soffre di difficoltà respiratorie o di vortici, questa via di somministrazione è un'opzione. Sin embargo, in questo caso, la biodisponibilità, es decir, la parte della dose somministrata che arriva alla circolazione, si riduce considerevolmente (un 54% meno che per via orale). Proprio per questo, è di fondamentale importanza sapere se la somministrazione è intravenosa, rettale o orale.


Fuentes :

Choi SJ, Moon S, Choi UY, Chun YH, Lee JH, Rhim JW, Lee J, Kim HM, Jeong DC (2018) : La eficacia y seguridad antipirética del propacetamolo en comparación con el dexibuprofeno en niños febriles : un ensayo clínico multicéntrico, aleatorizado, doble ciego y comparativo de fase 3, BMC Pediatr.

Dimie Ogoina (2011): Febbre, modelli di febbre e malattie chiamate 'febbre' - Una revisione, Volume 4, 3a edizione, King Saud Bin Abdulaziz University for Health Science, Nigeria: Journal of Infection and Public Health.

https://www.netdoktor.de/laborwerte/thrombozyten/thrombozytopenie/

https://www.apotheken.de/krankheiten/hintergrundwissen/12537-medikamente-zur-fiebersenkung

https://www.sciencedirect.com/topics/biochemistry-genetics-and-molecular-biology/bioavailability

Fonti:

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

02.12.2020

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.