Overdose da doppia dose di acetaminofene?

Medikamio Hero Image

Annuncio

Come uno dei più venduti antidolorifici da banco, il paracetamolo è conosciuto in tutto il mondo - ma secondo uno studio di Zurigo, i casi di avvelenamento sono aumentati da quando le compresse di paracetamolo in doppia dose sono diventate disponibili. I ricercatori stanno ora indagando su un possibile legame tra l'introduzione del paracetamolo da 1000 mg sul mercato svizzero e il numero di casi di uso e avvelenamento.

Formula chimica strutturale della molecola di acetaminofene con pastiglie e compresse sullo sfondo. Il paracetamolo o acetaminofene è un farmaco usato per trattare il dolore e la febbre ed è un leggero analgesico.

shutterstock.com / Danijela Maksimovic

Effetto del paracetamolo:

Mentre i ben noti principi attivi acido acetilsalicilico e ibuprofene, che sono anche usati come analgesici e antipiretici, appartengono ai cosiddetti analgesici non oppioidi acidi, il paracetamolo, invece, appartiene alla classe dei non oppioidi non acidi. Questa particolare specie analgesica acida non oppioide si accumula particolarmente nei tessuti acutamente infiammati, nella mucosa del tratto gastrointestinale e nella corteccia renale, e possiede anche proprietà antinfiammatorie. Al contrario, il paracetamolo (noto come acetaminofenein Nord America e in Iran) non si arricchisce principalmente nelle regioni del corpo umano sopra menzionate, ma più volte nel SNC (cioè nel sistema nervoso centrale - midollo spinale e cervello). Lì, un certo enzima responsabile della produzione di prostaglandine (cioè ormoni tissutali rilevanti per la febbre, i processi infiammatori e la mediazione del dolore) viene inibito dal principio attivo. Gli effetti collaterali dell'analgesico non oppioide si verificano raramente e di solito possono essere attribuiti a malattie di base preesistenti. L'uso ad alte dosi e a lungo termine, così come una singola overdose di paracetamolo potrebbe causare danni al fegato, poiché il fegato non può più funzionare come organo di disintossicazione. Tale possibile epatotossicità (cioè avvelenamento del fegato) può essere causata dall'assunzione di più di 4.000 mg al giorno.

Mentre le compresse da 500 mg sono disponibili senza prescrizione in Svizzera, le compresse da 1.000 mg sono diventate disponibili su prescrizione dopo l'approvazione nell'ottobre 2003.

Metodo di studio svizzero:

Anche se il dosaggio più alto è disponibile solo con una prescrizione, le compresse da 1.000 mg hanno venduto 10 volte di più della dose inferiore già nel 2005, secondo l'associazione di farmacie pharmaSuisse.

Secondo Tox Info Suisse, il centro di informazione nazionale per i casi di avvelenamento in Svizzera, c'è stato un aumento delle chiamate al centro. Anche prima del 2003, il numero di overdose intenzionali era aumentato, mentre gli avvelenamenti accidentali sono rimasti più o meno gli stessi. Nel frattempo, le chiamate per intossicazione involontaria sono più di 3 volte quello che erano prima che l'alta dose di 1.000 mg diventasse disponibile. Il numero di avvelenamenti che coinvolgono l'ingestione di più di 10.000 mg di acetaminofene è anche aumentato.

Prove precedenti suggeriscono inoltre una possibile associazione tra la limitazione della disponibilità di grandi dosi di paracetamolo e una diminuzione degli avvelenamenti associati all'analgesico non oppioide non acido.

Lo studio trasversale svizzero (cioè un'indagine condotta una sola volta) ha utilizzato 15'790 registri di avvelenamento da paracetamolo dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2018, per esaminare l'associazione tra l'aggiunta di 1'000 mg di compresse di paracetamolo sul mercato e il numero di avvelenamenti. Tutte le chiamate per avvelenamento da acetaminofene identificate dal Centro nazionale svizzero antiveleni e tutte le vendite di compresse di acetaminofene orale (con o senza prescrizione) tra gennaio 2000 e dicembre 2018 sono state incluse in questo studio.

L'esito primario era il numero di chiamate trimestrali di veleno legate all'acetaminofene al National Poison Center. I risultati aggiuntivi includevano le vendite di acetaminofene per trimestre e i cambiamenti nelle circostanze di veleno, che sono stati classificati per periodi pre- e post-intervento (cioè, introduzione di compresse da 1.000 mg) e per dosaggio (cioè, compresse da 500 mg e 1.000 mg).

Risultati per la doppia dose:

Dei 15.790 casi di avvelenamento identificati durante il suddetto periodo di 18 anni, il 67,3% erano donne (n=10.628) e l'età media dei pazienti era di 25,2 anni. Il periodo di studio è stato interrotto e analizzato. Qui, i risultati hanno rivelato un aumento significativo dopo il punto di intervento, soprattutto il numero di avvelenamenti involontari. Prima dell'intervento, il 15,3% (cioè 120 su 961) degli avvelenamenti aveva una dose superiore a 10.000 mg - nel periodo post-intervento, il 30,6% (cioè 1140 su 5696). Le vendite delle compresse di paracetamolo da 1.000 mg hanno visto una rapida crescita, mentre le vendite delle compresse da 500 mg sono un po' diminuite. Dal 2012, una media di 20,7 milioni di compresse da 1.000 mg e 2,7 milioni di compresse da 500 mg sono state distribuite durante il trimestre.

Un cambiamento statisticamente significativo è stato registrato per gli avvelenamenti accidentali ma non intenzionali. In particolare, la proporzione di pazienti con avvelenamenti accidentali con un'ingestione di 1.000 mg di compresse ha mostrato un aumento rispetto alla dose di 500 mg nei pazienti con dosaggi ingeriti superiori all'intervallo terapeutico di 4.000 mg. Inoltre, i dati delle chiamate hanno mostrato che per le overdose superiori a 10.000 mg, la maggior parte ha riportato l'ingestione di compresse da 1.000 mg.

Conclusione:

Con le compresse da 1.000 mg, la dose massima giornaliera raccomandata di 4.000 mg può essere superata con poche compresse, e questo rischio era minore con le compresse da 500 mg. Di conseguenza, i risultati dello studio hanno rivelato un aumento significativo della distribuzione di acetaminofene e delle chiamate per avvelenamento associato all'acetaminofene in Svizzera dopo l'approvazione delle compresse da 1000 mg nel 2003. Per minimizzare un ulteriore potenziale aumento degli avvelenamenti da acetaminofene ad alte dosi, i ricercatori di questo studio suggeriscono che la disponibilità di acetaminofene da 1000 mg dovrebbe essere rivalutata. Specialmente con la prescrizione di un doppio dosaggio, si raccomanda l'informazione medica prima dell'uso per continuare a usare l'acetaminofene con meno rischi.


Principi attivi:

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

10.05.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.