Prevenzione dell'HIV in uomini cisgender e donne transgender con cabotegravir

Una persona in camicia bianca indossa un Red Ribbon, simbolo di solidarietà con le persone infette da HIV e i malati di AIDS.

In Europa, circa 100.000 persone hanno ricevuto una nuova diagnosi di HIV nel 2020. Nonostante le strategie di prevenzione molto efficaci disponibili per l'infezione da HIV, questi farmaci (ad esempio TDF-FTC) devono essere assunti ogni giorno per via orale. Uno studio ha quindi analizzato l'efficacia della profilassi pre-esposizione orale (PrEP in breve), che non richiede un'assunzione regolare per via orale, il che potrebbe aumentare l'accettazione generale.

Una persona in camicia bianca indossa un Red Ribbon, simbolo di solidarietà con le persone infette da HIV e i malati di AIDS.

/ Anna Shvets

Cabotegravir:

La sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) è lo stadio finale dell'infezione da HIV. L'incidenza giornaliera a livello mondiale è di 5000 nuove infezioni al giorno. Questo virus HI può attaccare alcune cellule del sistema immunitario dell'organismo. Possono insorgere sintomi come perdita di peso o diarrea, sintomi influenzali ed eventualmente infezioni nelle fasi successive (ad esempio polmonite). Un'infezione da virus HI non può essere curata al momento, ma può essere trattata molto bene. Con i farmaci per l'HIV, la carica virale nel sangue può essere mantenuta al di sotto del cosiddetto limite di rilevamento. Di conseguenza, è possibile ricostruire un sistema immunitario più stabile, prevenire uno stadio superiore della malattia e ridurre o eliminare l'infettività.

Nella terapia antiretrovirale altamente attiva (in breve HAART), vengono combinati diversi farmaci adattati singolarmente per evitare che il virus dell'HIV sviluppi una resistenza. In questo contesto, l'assunzione giornaliera per via orale di tenofovir disoproxil fumarato emtricitabina (TDF-FTC) potrebbe offrire una possibile protezione contro l'infezione da HIV in diversi gruppi di popolazione. Poiché queste devono essere assunte quotidianamente, i ricercatori stavano ora studiando l'efficacia della profilassi pre-esposizione orale (PrEP in breve), che non richiede un'assunzione regolare o programmata, per aumentare l'eventuale assunzione e la protezione durante i periodi di rischio.

Nello studio è stato esaminato il principio attivo Cabotegravir, contenuto nel farmaco Vocabria. Viene utilizzato insieme al farmaco rilpivirina per trattare gli adulti infettati dall'HIV di tipo 1 (che causa l'AIDS). Vocabria inibisce un determinato enzima (l'integrasi) di cui il virus ha bisogno per produrre nuove copie di se stesso nell'organismo. In questo modo si mantiene bassa la quantità di HIV nel sangue.

Il farmaco è stato testato in tre studi principali. Ha avuto un effetto significativo nei pazienti con infezione da HIV, senza e con precedente uso di altri farmaci contro l'HIV. Uno studio ha somministrato il farmaco (in combinazione con rilpivirina) mensilmente o ogni due mesi. Il risultato è stato altrettanto efficace come negli altri due disegni di studio. Dopo 48 settimane, i livelli di HIV-1 erano superiori alla soglia nell'1,7% dei pazienti (iniezione ogni 2 mesi), mentre l'1% dei pazienti con iniezioni mensili ha registrato un eccesso di soglia in confronto.

Studio di prevenzione dell'HIV:

Lo studio 2021, randomizzato, in doppio cieco e di non inferiorità, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha esaminato cabotegravir iniettabile a lunga durata d'azione in questo contesto. Il farmaco è stato somministrato per via intramuscolare alla dose di 600 mg ogni 8 settimane e confrontato con tenofovir disoproxil fumarato emtricitabina (TDF-FTC in breve) per via orale, in uomini cisgender a rischio che hanno rapporti sessuali con uomini e in donne transgender a rischio che hanno rapporti sessuali con uomini. I soggetti partecipanti sono stati assegnati in modo casuale (1:1) a una modalità di trattamento per 153 settimane di follow-up. Sono stati condotti test HIV e valutazioni di sicurezza.

Risultati significativi:

In totale sono stati esaminati 4566 partecipanti, di cui il 12,5% (cioè 570 partecipanti) ha dichiarato di essere una donna transgender. L'età media era di 26 anni. Secondo l'analisi, l'infezione da HIV si è verificata in 52 partecipanti, 13 dei quali facevano parte del gruppo randomizzato che riceveva cabotegravir. L'effetto è stato lo stesso in tutti i singoli sottogruppi, con reazioni al sito di iniezione registrate nell'81,4% dei partecipanti al gruppo cabotegravir e nel 31,3% del gruppo di controllo.

Conclusione:

Secondo i risultati dello studio, cabotegravir iniettabile ha registrato una migliore protezione contro l'infezione da HIV negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e nelle donne transgender rispetto al gruppo TDF-FTC.

Uno studio dal disegno simile, attualmente in corso, ha controllato l'effetto di cabotegravir in donne cisgender in Africa. Questo studio è stato sbloccato presto perché i ricercatori hanno riscontrato la superiorità di cabotegravir rispetto al TDF-FTC orale giornaliero. Inoltre, la sicurezza e l'accettabilità di cabotegravir sono in fase di studio negli adolescenti.

Le iniezioni di cabotegravir, da utilizzare mensilmente o ogni due mesi, possono essere più utili per i pazienti rispetto alla somministrazione giornaliera. Secondo l'EMA, nell'UE potrebbe essere approvato Vocabria, un farmaco contenente il principio attivo cabotegravir.

In ogni caso, per ampliare le opzioni di prevenzione dell'infezione da HIV sono necessari agenti sicuri ed efficaci a lungo termine per la profilassi pre-esposizione all'HIV.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

10.09.2022

Share