Una dieta ricca di vitamina A protegge dal cancro della pelle?

Medikamio Hero Image

Annuncio

Il cancro della pelle è una delle forme più comuni di cancro a livello globale - più di 200.000 nuovi casi sono diagnosticati ogni anno. Alcune forme bioattive di vitamina A, note come retinoidi sintetici, sono utilizzate nella chemioprevenzione del cancro della pelle in pazienti ad alto rischio. Ora i ricercatori hanno studiato se il contenuto naturale di vitamina A può ridurre il rischio di alcune forme di cancro della pelle.

Pillole e capsule in cucchiaio di legno con frutta fresca.multivitamine e integratori dal concetto di frutta.

shutterstock.com / Lallapie

Cancro della pelle in generale:

C'è una distinzione di base tra due tipi di cancro della pelle - il cancro della pelle nera e il cancro della pelle chiara, e il "cancro della pelle nera" è indicato come melanoma maligno. Questo tipo ha origine dalle cellule della pelle che formano il pigmento o dalla mucosa (cioè i melanociti). Il "cancro leggero della pelle" può essere diviso in due gruppi:

  • Carcinoma a cellule basali o basali - piccole vene e superficie lucida.
  • Carcinoma a cellule squamose o spinalioma - superficie ruvida e parzialmente squamosa.

La maggior parte dei tumori della pelle sono diagnosticati tra i 75 e i 79 anni - circa 840 persone su 100.000 sviluppano un melanoma maligno ogni anno. Tra i 20 e i 24 anni, a 41 persone su 100.000 viene diagnosticato il carcinoma maligno.

La vitamina A nella ricerca sul cancro:

La vitamina A è il nome di un gran numero di composti correlati, noti anche come retinoidi. Questi includono retinolo, retina o retinale, e acido retinoico. La vitamina A si divide in due gruppi a seconda della fonte alimentare (animale o vegetale). Dagli alimenti animali, il retinolo è un composto giallo, liposolubile, che è il precursore della forma più attiva di vitamina A usata nel corpo umano. La vitamina A da alimenti vegetali come frutta e verdura è chiamata provitamina A carotenoide. Questi includono i ben noti beta-caroteni e alfa-caroteni, che possono essere convertiti in retinolo nel corpo. Il retinolo (e i suoi derivati) sono noti per promuovere la crescita e il mantenimento delle normali cellule di superficie della pelle (cioè epiteliali). Inoltre, i retinoidi possono ridurre la crescita cellulare e bloccare la trasformazione delle cellule maligne. Secondo gli studi, i retinoidi sono tra gli agenti chemio-preventivi contro siti di cancro come testa, collo, seno e fegato. Sulla base di diversi studi sugli effetti anticancro dei carotenoidi, c'è un possibile legame tra il retinolo e le sue sostanze derivate e la chemioprevenzione.

Tuttavia, i retinoidi prodotti sinteticamente come l'acitretina non sono privi di effetti collaterali, ed è per questo che un team di ricercatori della Brown University negli Stati Uniti ha utilizzato due studi prospettici osservazionali per indagare se i retinoidi presenti negli alimenti naturali hanno anche un effetto protettivo contro il cancro della pelle.

Nel cosiddetto Nurses Health Study, 75.170 partecipanti di sesso femminile in Europa hanno completato dei questionari sulle abitudini alimentari. 2.222 di questa coorte hanno sviluppato uno spinalioma, la seconda forma più comune di cancro della pelle. Nell'Health Professionals Follow-Up Study, dei 48.400 uomini analizzati, 1.756 hanno sviluppato il cancro della pelle in 28 anni.

Assunzione di vitamina A e carotenoidi:

Lo studio di coorte, pubblicato nel 2019 sulla rivista medica JAMA Dermatology, ha utilizzato questionari autosomministrati dai partecipanti per analizzare l'assunzione di vitamina A e carotenoidi e il rischio di spinalioma, che sono stati seguiti ogni due anni. Il tasso di follow-up era in media superiore al 90%.

Il questionario includeva informazioni dietetiche raccolte da circa 130 alimenti dal 1984 nel National Health Service (cioè il sistema sanitario governativo del Regno Unito). Ai partecipanti allo studio è stato chiesto quanto spesso, in media, hanno consumato una data quantità di ogni cibo nell'anno precedente. C'erano 9 risposte possibili tra mai o meno di una volta al mese o 6 e più volte al giorno. L'assunzione di cibo è stata calcolata in base alla frequenza di consumo di ogni alimento e il suo contenuto di nutrienti - che è stato tratto dai database di composizione degli alimenti dell'Università di Harvard.

Risultati significativi:

Un più alto contenuto totale di vitamina A era associato a un rischio ridotto di cancro alla pelle dello spinalioma. I partecipanti allo studio sono stati divisi in cinque gruppi uguali. Rispetto al primo quinto con il più basso apporto di vitamine, i partecipanti agli altri gruppi con più vitamina A avevano dal 3 al 17% in meno di probabilità di sviluppare uno spinalioma.

I retinoidi provenienti da alimenti animali hanno ottenuto i migliori risultati - e quindi il miglior effetto protettivo - nella valutazione. Al secondo posto c'erano le cosiddette beta-criptoxantine, licopene e luteina e zeaxantina. Le beta-criptoxantine si trovano comunemente nelle arance, ma anche in altri frutti e verdure. Il licopene si trova nei pomodori e la luteina si trova nelle verdure a foglia scura. Con l'aiuto della zeaxantina, i chicchi di mais ottengono la loro colorazione giallastra. L'assunzione di beta-carotene non era associata a un rischio ridotto di cancro della pelle in questa analisi. In generale, i risultati hanno mostrato coerenza in base al sesso e ad altri fattori di rischio di cancro della pelle.

Conclusione:

L'analisi dello studio indica che una maggiore assunzione alimentare di vitamina A può essere associata a un rischio ridotto di incidenza dello spinalioma. Poiché lo studio non può dimostrare un chiaro effetto protettivo, sono necessari studi futuri per determinare se l'assunzione di vitamina A potrebbe avere un ruolo significativo nella chemioprevenzione del cancro della pelle.


Principi attivi:

    Autore

    Danilo Glisic

    Ultimo aggiornamento

    19.07.2021

    Annuncio

    Share

    Annuncio

    Il tuo assistente personale per i medicinali

    Farmaci

    Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

    Sostanze

    Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

    Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

    This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.