Una minore durata del sonno aumenta il rischio di diabete nei bambini?

Ragazzino sdraiato a letto con gli occhi chiusi.

Annuncio

Circa 463 milioni di persone nel mondo soffrono di qualche forma di diabete, e la prevalenza del diabete di tipo 2 sta aumentando non solo negli adulti, ma anche negli adolescenti e nei bambini. Eppure sono state fatte poche ricerche sulle correlazioni tra la durata del sonno e i fattori di rischio per il diabete di tipo 2 nei bambini - ecco perché un gruppo di ricerca britannico ha ora studiato questa possibile associazione.

Ragazzino sdraiato a letto con gli occhi chiusi.

shutterstock.com / Iren_Geo

Diabete mellito:

Il diabete mellito, noto anche come "diabete", descrive un gruppo di malattie metaboliche con iperglicemia (cioè zucchero nel sangue troppo alto) nei risultati medici. La malattia è generalmente classificata in quattro tipi:

  1. Diabete di tipo 1: disturbo della secrezione di insulina perché il pancreas produce troppo poca o nessuna insulina. Una forma speciale di diabete autoimmune negli adulti è il LADA (cioè il Diabete Autoimmune ad Insorgenza Tardiva nell'Adulto).
  2. Diabete di tipo 2: l'effetto dell'insulina nelle cellule del corpo umano è disturbato. Circa il 90% delle persone colpite ha questa forma di diabete.
  3. Altri tipi specifici di diabete:Questi includono l'iperglicemia dovuta a disturbi negli organi endocrini, causa farmaco-chimica, difetti genetici nella produzione o azione dell'insulina e altri disordini genetici, infezioni e rari tipi di diabete autoimmune-mediato.
  4. Diabete gestazionale:Disturbo dell'utilizzazione del glucosio che si verifica durante il periodo gestazionale e viene diagnosticato come diabete. Circa il 4-5% delle donne incinte ne sono affette.

Dato che il numero di malati di diabete di tipo 2 prevalente aumenta in giovane età, una migliore comprensione delle ragioni dell'alto rischio è particolarmente importante per ridurre il rischio di tale diabete. Un determinante della resistenza all'insulina e successivamente una prima indicazione del diabete di tipo 2 è il cosiddetto indice HOMA (cioè valutazione del modello omeostatico).

Possibile privazione del sonno nei bambini della scuola primaria:

Le valutazioni del team di ricerca della St. George University di Londra mostrano un leggero aumento di questo indice HOMA già all'età della scuola primaria. Possibile fattore di rischio per questo potrebbe essere la privazione del sonno; perché i ricercatori dello studio hanno messo in relazione la durata del sonno della coorte CHASE indagata (cioè Child Heart and Health Study in Inghilterra) con l'indice HOMA e la glicemia a digiuno e hanno analizzato una possibile correlazione.

Studio CHASE:

La coorte CHASE comprendeva più di 4500 studenti della scuola primaria (da 200 ambienti scolastici) di età compresa tra 9 e 10 anni. Hanno fornito vari dati per dedurre possibili fattori di rischio per la futura malattia cardiometabolica, compresi i campioni di sangue a digiuno. Si determina la concentrazione di insulina nel corpo e la glicemia, il che permette di determinare l'indice HOMA. Oltre a questo, erano noti anche i dati sulla composizione corporea e i valori auto-riferiti sul tempo di sonno e sul risveglio durante i giorni di scuola.

Mentre gli studenti della scuola primaria avevano una media di 10-11 ore di sonno al giorno, la durata media del sonno nella coorte CHASE era di circa 10,5 ore, ma il range era di 8-12 ore. Secondo l'analisi dello studio, valori d'esame sfavorevoli sono stati trovati in quei bambini che hanno registrato durate di sonno più brevi.

Mentre la durata del sonno è stabile negli adulti, i risultati di studi recenti suggeriscono che la durata media del sonno sia nei bambini che negli adulti è diminuita di 0,73 minuti all'anno negli ultimi 15 anni. Le conseguenze complessive in associazione con la salute fisica devono ancora essere studiate in dettaglio - tuttavia, lo studio pubblicato sulla rivista Pediatrics si è concentrato sulla correlazione del rischio con il diabete di tipo 2 durante l'infanzia.

Risultati:

Secondo i ricercatori, ogni ora di sonno in più può migliorare l'indice HOMA del 2,9%. Tuttavia, il glucosio nel sangue (dei bambini) è stato mantenuto nell'intervallo normale da una maggiore secrezione di insulina. Pertanto, l'effetto del sonno troppo breve sulla glicemia non era significativo allo 0,24%.

Ma i ricercatori menzionano un possibile aumento del rischio di diabete a lungo termine - perché i livelli di resistenza all'insulina nell'infanzia hanno già mostrato un effetto sul rischio di diabete di tipo 2 per un periodo di 10 anni, secondo i ricercatori in studi precedenti. Lo studio trasversale non può fornire una causa esatta per questo, ma i ricercatori menzionano che un aumento del peso corporeo potrebbe giocare un possibile ruolo. Questo perché studi precedenti hanno già mostrato una correlazione tra la privazione del sonno e l'interruzione del controllo neuroendocrino dell'appetito negli adulti. Ogni ora di sonno più breve era associata a un aumento di 0,19 kg/m2 del BMI.

Conclusione:

Utilizzando la coorte CHASE di studenti della scuola primaria, questo studio trasversale ha dimostrato che è possibile una correlazione tra la durata del sonno e il rischio di diabete di tipo 2 nell'infanzia. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi di intervento per dimostrare l'esatta causalità di questa possibile associazione. Se i risultati preliminari si dimostrano veri, si potrebbe stabilire una semplice strategia per la prevenzione precoce del diabete di tipo 2.

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

18.10.2021

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.