Vaiolo delle scimmie in Europa: situazione attuale, diffusione e vaccinazione

Primo piano del virus del vaiolo delle scimmie

Appaiono continuamente nei media, sono presenti, affascinanti e spaventosi allo stesso tempo. Il cosiddetto vaiolo delle scimmie sembra diffondersi sempre di più in Europa. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) descrive il virus come una malattia grave. Ma che tipo di vaiolo è, come si manifesta e cosa bisogna sapere?

Primo piano del virus del vaiolo delle scimmie

peterschreiber.media / iStock

Modello della malattia, trasmissione, terapia: tutte informazioni importanti.

Questo tipo di vaiolo è una malattia virale che può essere trasmessa dagli animali all'uomo e dall'uomo all'uomo. Questo tipo di vaiolo è innescato dal genere virale Orthopoxvirus simiae, che è anche coinvolto nei classici virus del vaiolo (variola). I virus si trovano principalmente tra i roditori in Africa, non tra le scimmie. Il virus è chiamato "vaiolo delle scimmie" perché è stato osservato per la prima volta nelle scimmie in laboratorio (1958). Nell'uomo, il virus è stato scoperto per la prima volta nel 1970 in Congo. Un bambino di 9 mesi è stato infettato e da allora sono stati segnalati altri casi di questa malattia infettiva nell'uomo. Sono presenti soprattutto in Africa occidentale e centrale. Il vaiolo delle scimmie nell'uomo è stato conosciuto al di fuori dell'Africa solo nel 2003 e finora sono stati segnalati solo casi isolati di questa malattia virale al di fuori dell'Africa. Presumibilmente, il virus è stato portato fuori dal Paese importando animali dall'Africa. Attualmente l'infezione avviene esclusivamente da uomo a uomo.

Nell'uomo, la malattia è di solito lieve e si cura da sola. Fanno eccezione le persone con un sistema immunitario debole e i bambini. I sintomi sono stati finora molto più lievi rispetto al vaiolo (variola), che è stato dichiarato eradicato nel 1980. I sintomi più comuni sono febbre, brividi, mal di testa, dolori muscolari e affaticamento. Caratteristici, tuttavia, sono i cambiamenti della pelle (eruzioni cutanee) che dapprima appaiono a chiazze e nel corso del tempo si trasformano in pustole fino a seccarsi, incrostarsi e cadere. Le eruzioni cutanee possono comparire sia sul viso che nell'area genitale, sulle mani e sui piedi e sul torace. Le pustole possono comparire anche sulle membrane mucose. Di norma, l'eruzione cutanea guarisce completamente al massimo dopo quattro settimane.

I virus del vaiolo delle scimmie si trasmettono attraverso lo stretto contatto corporeo, il contatto con i fluidi corporei o attraverso le eruzioni cutanee tipiche della malattia. Non si può escludere nemmeno la trasmissione attraverso le goccioline. Le persone colpite sono contagiose fino alla completa guarigione delle eruzioni cutanee. La trasmissione può avvenire anche attraverso oggetti (ad esempio asciugamani, biancheria da letto, maniglie delle porte) toccati/utilizzati da una persona infetta. Nelle aree colpite in Africa, la trasmissione può avvenire anche dagli animali all'uomo, di solito dai roditori. Gli animali trasmettono l'infezione virale attraverso morsi, estremità, secrezioni e pelliccia o materiale contaminato. Il periodo di incubazione dura da un minimo di 3 a un massimo di 21 giorni.

Il contatto con la pelle e con il corpo delle persone infette deve essere limitato e le ferite aperte o le eruzioni cutanee non devono essere toccate. Anche i contatti sessuali dovrebbero essere evitati per il momento, poiché l'infezione può essere trasmessa anche attraverso i rapporti sessuali. I preservativi possono ridurre il rischio di infezione, ma non prevenirla. L'uso del preservativo è fortemente raccomandato fino a otto settimane dopo la guarigione delle eruzioni cutanee. È stato dimostrato che il virus può essere ancora presente nel liquido seminale per un certo periodo di tempo.

Chiunque sia stato infettato dal vaiolo delle scimmie deve essere messo in quarantena per almeno 21 giorni dal primo giorno di comparsa dei sintomi. Se l'infezione è asintomatica e viene diagnosticata tramite prelievo di campioni, l'isolamento inizia dal momento del prelievo. La quarantena può essere revocata quando le eruzioni cutanee sono completamente guarite. Il prelievo di campioni viene effettuato da ferite che lacrimano, vescicole, pustole e croste. Anche i tamponi da lesioni cutanee sono un metodo diagnostico comune. Sebbene il vaiolo delle scimmie appartenga allo stesso genere del vaiolo umano, che è stato dichiarato eradicato nel 1980, i sintomi sono più lievi e il rischio di morte è molto più basso. Di norma, solo i pazienti con sintomi tipici e fattori di rischio (viaggi in aree endemiche) vengono testati per l'infezione da questi virus del vaiolo. Se si notano i sintomi, è meglio mettersi immediatamente in quarantena e chiedere consiglio al dipartimento sanitario o al medico di famiglia.

Il trattamento di solito non è complicato, in quanto l'infezione guarisce da sola nel giro di poche settimane (sono tuttavia possibili casi gravi). Il trattamento è solo di supporto, per evitare che si verifichino superinfezioni batteriche. Solo di recente, il farmaco Tecovirimat è stato approvato nell'UE per il trattamento dell'infezione virale ed è disponibile anche in Germania in misura limitata.

Mappa geografica della distribuzione del vaiolo delle scimmie in Europa

European Centre for Disease Prevention and Control

Situazione attuale e sviluppo in Europa

Secondo il Global Health Network, attualmente sono stati confermati più di 64.000 casi di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo tra gennaio e settembre 2022. Già 3.570 di questi casi provengono dalla Germania. Dalla primavera del 2022 sono stati registrati casi di questo tipo al di fuori del continente africano, in cui le persone colpite non provenivano da paesi endemici. Ciò che è diventato noto in questo Paese è soprattutto la presunta trasmissione del virus attraverso i rapporti sessuali.

L'Istituto Robert Koch e l'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno monitorando e analizzando i casi attuali e aggiornano costantemente lo stato delle loro ricerche e scoperte. Per valutare il rischio per l'Europa e la Germania, è necessario registrare con precisione lo sviluppo della trasmissione e della ricerca. Nel luglio 2022, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato la malattia virale una "emergenza sanitaria di rilevanza internazionale". Oltre all'isolamento o alla quarantena e al trattamento adeguato di coloro che hanno contratto la malattia, l'OMS raccomanda anche il monitoraggio dei contatti, la vaccinazione e una migliore comunicazione per contenere il virus. Finora la popolazione tedesca non ha corso alcun rischio per la salute, poiché questo tipo di vaiolo è contagioso nel Paese solo in determinate condizioni. Lo stesso vale per l'intera Europa. Finora, il vaiolo delle scimmie non è riuscito a imporsi come malattia infettiva pandemica in Europa. Ciononostante, è considerata in tutto il mondo un'epidemia che di solito si trasmette da persona a persona. Se non si adottano misure preventive, c'è il rischio concreto che le infezioni assumano proporzioni pandemiche a livello mondiale. L'attuale epidemia in Europa dovrebbe essere ulteriormente limitata adottando misure precauzionali e individuando tempestivamente le infezioni.

In linea di principio, le conoscenze e l'esperienza acquisite con la pandemia di Covid possono essere utilizzate anche in epidemie come questa malattia infettiva. L'individuazione precoce, le misure di quarantena, la segnalazione delle malattie e le campagne di educazione possono contribuire a continuare a proteggere la popolazione e a prevenire un'altra pandemia.

Tutto sulla vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie

Il vaiolo (umano) è stato dichiarato eradicato nel 1980 e la vaccinazione è stata interrotta. Fino ad allora, la vaccinazione antivaiolosa era addirittura obbligatoria. Dal 2013 è disponibile nell'UE un nuovo vaccino antivaioloso (Imvanex), che può essere utilizzato anche per i casi di vaiolo delle scimmie. Tuttavia, solo le persone di età superiore ai 18 anni possono essere vaccinate. Il Robert Koch Institute e lo Standing Committee on Vaccination (STIKO) forniscono informazioni complete sulle opzioni di vaccinazione e sui nuovi sviluppi. Attualmente, solo alcuni gruppi a rischio dovrebbero prendere in considerazione la vaccinazione, ad esempio le persone immunocompromesse. Per il resto, la vaccinazione non è attualmente raccomandata e non è ancora considerata obbligatoria.

Secondo la STIKO, è necessario utilizzare il vaccino Imvanex/Jynneos/Imvamune. L'immunizzazione di base consiste in due dosi di vaccinazione. La seconda dose viene somministrata dopo almeno 28 giorni. La prima dose garantisce una buona protezione di base dopo soli 14 giorni, mentre la seconda dose prolunga la protezione vaccinale. Se avete già ricevuto la vaccinazione antivaiolosa in passato, è sufficiente una singola dose di vaccinazione. Due vaccinazioni di richiamo sono raccomandate per le persone immunocompromesse che sono già state vaccinate contro il vaiolo.

La vaccinazione contro il vaiolo viene somministrata attraverso la pelle, cioè per via sottocutanea. Chiunque sia stato a contatto con una persona infetta può essere vaccinato preventivamente, ma entro 14 giorni dal contatto e finché non ci sono sintomi. Se la vaccinazione viene somministrata immediatamente dopo il contatto, l'infezione può essere prevenuta. Se la vaccinazione viene somministrata dopo quattro o al massimo 14 giorni, l'infezione non può essere prevenuta, ma i sintomi possono essere alleviati. Non è ancora stato sufficientemente studiato se il vaccino Imvanex funziona nei bambini. Poiché il vaccino è disponibile solo in quantità limitate, le dosi vengono distribuite agli Stati e alle province federali.

La malattia continuerà ad essere un problema anche in futuro?

In tutta Europa e in questo Paese, l'evoluzione della diffusione del vaiolo delle scimmie è costantemente monitorata. Nuove scoperte e informazioni sono regolarmente disponibili e anche gli uffici sanitari sono lieti di fornire informazioni. Soprattutto sono importanti le misure preventive che danno più tempo alla ricerca in corso. Le persone infette devono essere trattate e devono adottare misure post-esposizione. Inoltre, diventa sempre più importante educare e informare la popolazione. Occorre aumentare i fondi per la prevenzione, come i test e le dosi di vaccino per i Paesi.

Principi editoriali

Tutte le informazioni utilizzate per i contenuti provengono da fonti verificate (istituzioni riconosciute, esperti, studi di università rinomate). Attribuiamo grande importanza alle qualifiche degli autori e alla base scientifica delle informazioni. Questo garantisce che la nostra ricerca sia basata su risultati scientifici.

Medikamio
Autore

Ultimo aggiornamento

27.09.2022

Share

Il tuo assistente personale per i medicinali

afgis-Qualitätslogo mit Ablauf Jahr/Monat: Mit einem Klick auf das Logo öffnet sich ein neues Bildschirmfenster mit Informationen über Medikamio GmbH & Co KG und sein/ihr Internet-Angebot: medikamio.com/ This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.
Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.