Acido mefenamico

Acido mefenamico
Codice ATC M01AG01
Formula C15H15NO2
Massa molare (g·mol−1) 241,29
Stato di aggregazione soldio
Punto di fusione (°C) 230–231
Valore PKS 4,2
Numero CAS 61-68-7
Numero PUB 4044
Drugbank ID DB00784
Solubilità praticamente insolubile in acqua, scarsamente solubile in etanolo, solubile in soluzioni di idrossido di alcali diluite

Nozioni di base

L'acido mefenamico è un principio attivo del gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Si usa per il trattamento sintomatico dei dolori articolari e muscolari, delle malattie reumatiche, dei dolori mestruali, del gonfiore e dell'infiammazione dopo le operazioni e per il dolore alla colonna vertebrale. In rari casi, può anche essere usato per ridurre la febbre. Le principali forme di dosaggio disponibili sono capsule e compresse.

L'acido mefenamico è disponibile senza prescrizione medica in Svizzera e in Austria. In Germania, l'acido mefenamico non è autorizzato.

Farmacologia

Farmacodinamica

L'acido mefenamico è un derivato dell'acido antranilico con proprietà antipiretiche, analgesiche e antiflogistiche. Si lega ai due enzimi ciclossigenasi 1 e 2 e quindi impedisce la sintesi di prostaglandine e trombossani. Le prostaglandine giocano un ruolo importante nello sviluppo del dolore e nei processi infiammatori nel corpo. Se vengono prodotte meno prostaglandine, c'è una riduzione del dolore e della febbre.

Farmacocinetica

L'acido mefenamico è rapidamente assorbito nella circolazione dopo la somministrazione orale e circa il 90% di esso è legato alle proteine plasmatiche. L'emivita plasmatica è di 2 ore. Il principio attivo viene degradato dall'enzima epatico CYP2C9 ad acido 3-idrossimetil-mefenamico e viene poi coniugato con la sostanza acido glucuronico. L'acido mefenamico viene escreto preferibilmente nelle urine, il 20% della sostanza viene escreta nelle feci.

Tossicità

Possibili sintomi di sovradosaggio sono: forti dolori addominali, scolorimento delle feci, tinnito, debolezza muscolare, cambiamenti nella frequenza cardiaca, respiro superficiale, confusione, mal di testa e incoscienza.

Prenderlo insieme all'alcol può portare a gravi effetti collaterali indesiderati.

Effetti collaterali comuni

Le reazioni avverse più comuni includono nausea e vomito, disturbi gastrointestinali, perdita di appetito e vari cambiamenti nell'emocromo.

Dati tossicologici:

Orale, ratto LD50: 740 mg/kg

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.