Fosfomicina

Fosfomicina
Codice ATC J01XX01
Formula C3H7O4P
Massa molare (g·mol−1) 138,059
Stato di aggregazione soldio
Densità (g·cm−3) 1,6
Punto di fusione (°C) 94
Punto di ebollizione (°C) 342
Numero CAS 23155-02-4
Numero PUB 446987
Drugbank ID DB00828
Solubilità solubile in acqua

Nozioni di base

La fosfomicina è il primo e finora unico rappresentante del gruppo di antibiotici epossidici e ha quindi un meccanismo d'azione unico. È particolarmente efficace contro molti batteri gram-negativi. Viene utilizzato per le infezioni del tratto urinario non complicate, per le quali è sufficiente una sola dose. Altrimenti, viene utilizzato con cautela e per infezioni gravi, come l'infiammazione delle meningi, del midollo osseo o dei polmoni.

Farmacologia

Farmacodinamica

La fosfomicina blocca la sintesi di mureina e quindi la costruzione della parete cellulare dei batteri inibendo un enzima specifico. In caso di cistite, l'assunzione deve avvenire la sera e l'acqua deve essere evitata fino al mattino successivo, in modo che l'antibiotico possa sviluppare tutto il suo effetto.

Farmacocinetica

La biodisponibilità orale è compresa tra il 32 e il 54%; è possibile anche la somministrazione endovenosa. L'effetto dura solitamente più di 36 ore. Poiché viene escreto attraverso i reni, è necessaria una riduzione della dose in caso di ridotta funzionalità renale.

Interazioni

In combinazione con antibiotici beta-lattamici, come penicilline, cefalosporine e carbapenemi, si possono ottenere effetti sinergici. La somministrazione parallela di metoclopramide può ridurre l'efficacia, pertanto è necessario osservare un intervallo di almeno due o tre ore. Inoltre, l'effetto degli antagonisti della vitamina K (ad es. Marcumar) aumenta in caso di assunzione di fosfomicina, con conseguente aumento del sanguinamento.

Tossicità

Effetti collaterali

Nel complesso, questo antibiotico epossidico è ben tollerato. Tuttavia, oltre ai comuni effetti collaterali come cefalea, vertigini, nausea e vomito, raramente possono verificarsi un aumento degli enzimi epatici, disturbi sensoriali o riduzione dei globuli bianchi o delle piastrine.

Dati tossicologici

Anche gli studi sui ratti hanno dimostrato una buona tollerabilità dell'antibiotico, con una dose letale mediana di oltre 10 g/kg di peso corporeo; non è stato dimostrato un effetto nocivo in gravidanza.

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.