Ginkgo (Ginkgo biloba)

Ginkgo (Ginkgo biloba)

Nozioni di base

Ilginkgo biloba, comunemente noto come ginkgo o gingko, è una specie arborea originaria della Cina, ma coltivata in tutto il mondo da diverse centinaia di anni. Il Gingko è l'ultima specie vivente dell'ordine delle Ginkgoales, che ha avuto origine oltre 290 milioni di anni fa. Per questo motivo viene anche chiamato "fossile vivente".

Dalle foglie dell'albero di ginkgo si ottengono estratti per uso medicinale. Si dice che questi estratti abbiano un effetto positivo sulle prestazioni cerebrali e sulla memoria. Si usa anche per alleviare le vertigini e i ronzii nelle orecchie. Tuttavia, non esistono prove scientifiche di questi effetti. Le revisioni sistematiche hanno dimostrato che non esistono prove scientifiche di efficacia nel trattamento dell'ipertensione, del declino cognitivo legato alla menopausa, degli acufeni o del mal di montagna. Tuttavia, esistono deboli evidenze che il ginkgo influisca sui sintomi della demenza e della discinesia tardiva nelle persone affette da schizofrenia.

Farmacologia

Farmacodinamica

Un importante gruppo di sostanze contenute nel Ginkgo biloba è costituito dai cosiddetti flavonoidi. Questi attivano l'enzima PAF (fattore di attivazione piastrinica) e hanno quindi un effetto inibitorio sull'infiammazione. Inoltre, i flavonoidi possiedono proprietà di rimozione dei radicali. Tuttavia, questi due effetti non spiegano alcun effetto sulla memoria e sulla concentrazione. Si presume che i meccanismi che influenzano l'espressione genica degli enzimi antiossidanti e la sintesi delle proteine siano responsabili. Tuttavia, non è ancora chiaro se gli estratti di Ginkgo biloba siano effettivamente efficaci dal punto di vista clinico e sono tuttora oggetto di ricerca.

Interazioni

Il dosaggio di anticoagulanti come il warfarin o di farmaci antiaggreganti può essere influenzato dall'assunzione di integratori di ginkgo.

Tossicità

Effetti collaterali

Anche se l'assunzione di estratti standardizzati di foglie di Ginkgo biloba in quantità moderate sembra essere sicura, un'assunzione eccessiva può avere effetti negativi.

I possibili effetti collaterali includono:

  • un aumento del rischio di emorragia
  • Sintomi gastrointestinali
  • Nausea
  • Vomito
  • diarrea
  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Palpitazioni
  • Irrequietezza
Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.