Prothipendyl

Prothipendyl
Codice ATC N05AX07
Formula C16H19N3S
Massa molare (g·mol−1) 285,41
Stato di aggregazione soldio
Punto di fusione (°C) <25 °C
Punto di ebollizione (°C) 195–198
Valore PKS 2,3
Numero CAS 303-69-5
Numero PUB 14670
Drugbank ID DB12958
Solubilità solubile in acqua

Grundlagen

Il prothipendyl è un neurolettico triciclico azafotiazinico ad azione debole. Viene utilizzato per trattare l'agitazione e l'agitazione in pazienti con disturbi psichiatrici sottostanti. Le indicazioni per il prothipendyl includono demenza, depressione, schizofrenia, ansia e disturbi psicosomatici. Viene spesso utilizzato anche nel trattamento delle difficoltà di addormentamento perché, a differenza delle comuni benzodiazepine, non comporta un potenziale di dipendenza.

Il prothipendyl è stato sintetizzato per la prima volta da Wilhelm Schuler.

Pharmakologie

Farmacodinamica

Il prothipendyl è un antagonista della dopamina con elevata selettività per i recettori D1 e D2. Inoltre, ha una bassa affinità per i recettori della serotonina di tipo 5-HT2A. A dosi più elevate, il farmaco ha un effetto di induzione del sonno grazie alla sua azione sedativa-ipnotica. Oltre all'effetto antipsicotico, il prothipendyl ha anche proprietà antistaminergiche, antiemetiche e sedative.

Farmacocinetica

La biodisponibilità del prothipendyl dopo la somministrazione orale è di circa il 15%. La concentrazione plasmatica massima viene raggiunta dopo circa 1 ora. L'emivita plasmatica è di circa 2-3 ore. La sostanza viene metabolizzata nel fegato ed escreta principalmente nelle urine.

Interazioni tra farmaci

Se assunti contemporaneamente a farmaci che hanno un effetto depressivo sul SNC, si può verificare un potenziamento reciproco dell'effetto.

Questi includono:

  • Benzodiazepine
  • Sonniferi
  • Antistaminici
  • Alcool
  • Antipertensivi

L'effetto della levodopa può essere indebolito se assunta contemporaneamente. Il Prothipendyl può contrastare gli effetti vasocostrittivi dell'adrenalina e della fenilefrina.

Toxizität

Effetti collaterali

I possibili effetti collaterali sono:

  • abbassamento della pressione sanguigna
  • Debolezza circolatoria
  • Vertigine
  • Tachicardia

Gli effetti collaterali meno comuni includono aumento di peso, collasso circolatorio, aritmie (compreso il prolungamento del tempo QT), leucopenia, epilessia, secchezza delle fauci, fotosensibilità, priapismo e amenorrea.

Controindicazioni

  • Intossicazione da alcol
  • Sonniferi
  • Analgesici
  • Coma
  • Gravidanza e allattamento
Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.