Tapentadolo

Tapentadolo
Codice ATC N02AX06
Formula C14H23NO
Massa molare (g·mol−1) 221,344
Stato di aggregazione soldio
Valore PKS 9,34 -10,45
Numero CAS 175591-23-8
Numero PUB 9838022
Drugbank ID DB06204

Nozioni di base

Il tapentadolo è un analgesico oppioide ad azione centrale con un doppio meccanismo d'azione. Oltre a essere un agonista del recettore μ-opioide, agisce anche come inibitore della ricaptazione della noradrenalina (NRI). Può essere somministrato come formulazione a rilascio immediato (IR) per il trattamento del dolore acuto da moderato a grave, o come formulazione a rilascio prolungato (ER) per il trattamento del dolore cronico o del dolore neuropatico.

Il tapentadolo è emerso alla fine degli anni '80 come risultato di un programma di ricerca condotto da Grünenthal. Sono stati studiati e ottimizzati diversi derivati della sostanza tramadolo. Dopo una collaborazione con l'azienda Johnson & Johnson, che ne ha curato la distribuzione, la sostanza è stata approvata nel 2008 (USA) e nel 2010 (Europa).

Farmacologia

Farmacodinamica

Il tapentadolo è un analgesico sintetico ad azione centrale e un NRI (inibitore della ricaptazione della noradrenalina). Il suo effetto è circa un diciottesimo di quello della morfina e simile a quello del tramadolo. Si lega principalmente al recettore μ-opioide. Inoltre, aumenta la concentrazione di noradrenalina nel cervello attraverso la cosiddetta inibizione della ricaptazione. Questo è il motivo per cui il tapentadolo, oltre al suo effetto analgesico, ha anche un pronunciato effetto ansiolitico ed euforizzante. L'effetto analgesico si manifesta solitamente dopo circa 30 minuti e dura tra le 4 e le 6 ore.

Farmacocinetica

Tapentadolo non è un farmaco e quindi non dipende dal metabolismo per esercitare il suo effetto terapeutico. Questo lo rende un farmaco di scelta per i pazienti che non rispondono adeguatamente agli oppioidi più comunemente usati a causa della loro predisposizione genetica (metabolizzatori lenti di CYP3A4 e CYP2D6).

La biodisponibilità orale è di circa il 32%. L'effetto massimo si raggiunge dopo circa 1,5 ore. Il legame con le proteine plasmatiche è di circa il 20% e l'emivita di eliminazione è di circa 4 ore.

Interazioni

La combinazione con SSRI/SNRI, SRA e agonisti dei recettori della serotonina può portare a una sindrome da serotonina potenzialmente fatale. La combinazione con gli IMAO può anche portare alla cosiddetta "tempesta adrenergica", un aumento pericolosamente rapido di alcuni neurotrasmettitori nel cervello.

L'assunzione di tapentadolo insieme a sedativi come benzodiazepine, barbiturici, fenotiazine e altri oppiacei può portare a una maggiore compromissione, sedazione, depressione respiratoria e, in casi gravi, alla morte.

La combinazione di tapentadolo e alcol può determinare un aumento delle concentrazioni plasmatiche di tapentadolo e causare depressione respiratoria. I pazienti non devono quindi mai consumare alcolici durante l'assunzione di tapentadolo.

La combinazione con anticolinergici deve essere evitata se possibile, in quanto può portare a ritenzione urinaria e quindi a danni renali.

Tossicità

Effetti collaterali

  • Vertigini
  • Nausea
  • Vomito
  • sonnolenza
  • Mal di testa
  • Prurito
  • Bocca secca

Controindicazioni

Il tapentadolo è controindicato nei soggetti affetti da epilessia o comunque soggetti a crisi epilettiche. Aumenta la pressione intracranica e pertanto non deve essere utilizzato in persone con lesioni alla testa, tumori cerebrali o altre condizioni che aumentano la pressione intracranica. Aumenta il rischio di depressione respiratoria e pertanto non deve essere utilizzato nelle persone affette da asma.

Dati tossicologici:

LD50, coniglio, orale: 3200 mg/kg

DL50, ratto, orale: 300 mg/kg

LD50, topo, orale: 980 mg/kg

Fonti

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.