Trazodone

Trazodone
Codice ATC N06AX05
Formula C19H22ClN5O
Massa molare (g·mol−1) 371,86
Stato di aggregazione soldio
Punto di fusione (°C) 87
Valore PKS 6,14
Numero CAS 19794-93-5
Numero PUB 5533
Drugbank ID DB00656
Solubilità solubile in acqua

Nozioni di base

Il trazodone è un derivato triazolopiridinico della classe degli antagonisti dei recettori della serotonina e degli inibitori della ricaptazione degli antidepressivi. È usato negli adulti e ha dimostrato di essere efficace nel trattamento della depressione insieme ad altri farmaci come gli antidepressivi triciclici, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori del recettore della serotonina-norepinefrina (SNRI). Una caratteristica unica di questo farmaco è che non promuove effetti collaterali come ansia, disfunzioni sessuali o insonnia, che sono spesso associati alla terapia SSRI e SNRI. È usato per trattare il disturbo depressivo maggiore, i disturbi d'ansia e la dipendenza dall'alcol. Viene assunto per via perorale, di solito sotto forma di compresse.

Farmacologia

Farmacodinamica

Il meccanismo d'azione del trazodone non è completamente compreso, ma è noto per inibire la ricaptazione della serotonina e per bloccare sia l'istamina che i recettori alfa-1 adrenergici. Anche se il trazodone è spesso considerato un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina, diversi rapporti hanno dimostrato che possono verificarsi altri meccanismi, compreso l'antagonismo a ulteriori sottotipi di recettori della serotonina. L'effetto antidepressivo del trazodone deriva dall'inibizione della "ricaptazione" della serotonina dalla fessura sinaptica nella presinapsi. Questo aumenta permanentemente la concentrazione di serotonina e contrasta il disturbo depressivo.

Farmacocinetica

Trazodone è rapidamente assorbito nel tratto gastrointestinale dopo la somministrazione orale, con una biodisponibilità che va dal 63-91%. Il legame alle proteine plasmatiche del trazodone è dell'89-95% secondo studi in vitro. Il trazodone è fortemente metabolizzato e attivato nel fegato dall'enzima CYP3A4. Circa il 60-70% della dose viene escreta nelle urine entro 48 ore dalla somministrazione. Circa il 9-29% in un periodo di 60-100 ore viene escreto nelle feci.

Interazioni

Il trazodone è metabolizzato da diversi enzimi epatici, inclusi CYP3A4, CYP2D6 e CYP1A2. In linea di principio, tutti i medicinali che sono metabolizzati da o inducono gli stessi enzimi non dovrebbero essere associati al trazodone.

Effetti collaterali gravi e possibilmente fatali (per esempio: sindrome da serotonina) possono essere scatenati da farmaci che hanno un effetto simile sull'azione della serotonina nel SNC. Pertanto, una combinazione con altri antidepressivi, specialmente con gli inibitori MAO, dovrebbe essere evitata.

Tossicità

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali possono essere estesi a causa dell'interferenza con il sistema della serotonina del cervello.

Gli effetti collaterali più comuni sono:

  • Visione offuscata
  • Vertigini
  • Somnolence
  • Bocca secca
  • Nausea
  • Mal di testa
  • Fatica

Dati tossicologici

LD50 (ratto, orale): 690 mg/kg.