Il mifepristone migliora la sensibilità insulinica nell'insulino-resistenza?

Una persona vestita in modo vivace utilizza una penna da insulina, sfondo blu.

Annuncio

In Germania si stima che circa 8 milioni di persone soffrano di diabete di tipo 2 - circa il 10% della popolazione, senza contare il numero di casi non dichiarati. Alcuni di loro hanno una resistenza all'insulina. Per questo motivo, i ricercatori hanno recentemente studiato se il mifepristone può migliorare questa resistenza nelle persone obese con intolleranza al glucosio.

Una persona vestita in modo vivace utilizza una penna da insulina, sfondo blu.

/ Artem Podrez

Resistenza all'insulina:

La resistenza all'insulina è massima al mattino presto a causa del rilascio di antagonisti dell'insulina (cioè che ne inibiscono l'effetto) durante la notte. Durante il giorno, un secondo aumento della resistenza all'insulina, un po' più debole, si verifica nel tardo pomeriggio. In caso di insulino-resistenza, le cellule dell'organismo (soprattutto negli organi insulino-dipendenti) reagiscono meno all'ormone insulina rispetto alle persone senza insulino-resistenza. L'ormone viene prodotto dalle cosiddette cellule beta del pancreas e distribuito nel sangue quando necessario. In questo modo si assicura che lo zucchero (cioè il glucosio) presente nel sangue raggiunga le cellule dell'organismo per ricavarne energia. Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce ancora abbastanza insulina all'inizio, ma le cellule del corpo nei muscoli, nel fegato e nel tessuto adiposo sono meno sensibili ad essa. Questo riduce i siti di legame per l'insulina sulla superficie delle cellule. Questa condizione è quindi chiamata anche insulino-resistenza. Di conseguenza, la relativa mancanza di insulina provoca la produzione di una quantità ancora maggiore di insulina.

In questo contesto, il cortisolo è un importante regolatore del metabolismo del glucosio e dei lipidi. Ormoni importanti sono i glucocorticoidi, che promuovono la conversione delle proteine in glucosio e glicogeno nel metabolismo del glucosio. Inoltre, l'ormone ostacola la secrezione di insulina e la sensibilità all'insulina agendo su alcuni recettori (ad esempio il recettore dei glucocorticoidi), presenti in quasi tutte le cellule del corpo. La sostanza analizzata nello studio Mifepristone è un antagonista che potrebbe migliorare la tolleranza al glucosio e la sensibilità all'insulina bloccando questi recettori.

Il mifepristone contro l'insulino-resistenza:

Lo studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, pubblicato nel 2021 sulla rivista scientifica The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, ha esaminato persone obese con intolleranza al glucosio. I partecipanti allo studio (di seguito: partecipanti allo studio) sono stati suddivisi casualmente in due gruppi. Mentre il gruppo di intervento ha ricevuto mifepristone in capsule da 50 mg ogni 6 ore, il gruppo di controllo ha assunto un placebo allo stesso intervallo di tempo, distribuito su 9 giorni. È stata utilizzata una bassa dose di mifepristone per evitare una possibile insufficienza surrenalica. La fase di trattamento è stata interrotta con un periodo di washout di 6-8 settimane, dopo di che il trattamento è stato continuato per altri 9 giorni nell'altro gruppo, che è passato dal gruppo di studio al gruppo di controllo. I partecipanti allo studio sono stati esaminati presso il centro clinico del National Institutes of Health negli Stati Uniti. L'obiettivo finale primario era la variazione della sensibilità all'insulina.

I criteri di inclusione erano:

  • Uomini e donne di età compresa tra 35 e 70 anni.
  • Valore di IMC compreso tra 25 e 37 kg/m^2
  • Pre-diabete o diabete lieve prima dell'ingresso nello studio.

Criteri di esclusione:

  • Sindrome di Cushing (cioè livelli elevati di cortisolo nel sangue).
  • Più di 2 (donne) o 3 (uomini) bevande alcoliche al giorno
  • Donne in gravidanza e in allattamento
  • Assunzione di farmaci ipoglicemizzanti negli ultimi 3 mesi prima dell'inizio dello studio
  • Ipertensione arteriosa non controllata
  • Condizioni di salute instabili (es.: grave insufficienza respiratoria)
  • Test di funzionalità epatica gravemente elevati
  • Grave insufficienza renale
  • E simili

Tutti i partecipanti hanno registrato eventuali effetti collaterali e li hanno segnalati al personale dello studio. Due settimane prima della fase di intervento, i partecipanti non dovevano iniziare alcuna nuova dieta. Dopo entrambe le fasi di trattamento, i soggetti sono tornati dopo circa 1 settimana e dopo 3 settimane per un controllo di sicurezza. Qui sono state misurate le funzioni renali ed epatiche, è stato esaminato l'emocromo e sono stati trattati gli eventuali effetti collaterali.

Riduzione della resistenza all'insulina:

L'assunzione di mifepristone non ha modificato la disponibilità di glucosio della sensibilità all'insulina e non ha avuto alcun effetto sulla produzione di insulina. In questo modo, il blocco di recettori specifici (ad esempio i recettori dei glucocorticoidi) ha migliorato significativamente i livelli di sensibilità all'insulina del tessuto adiposo e ha ridotto l'insulino-resistenza del tessuto adiposo a digiuno.

Conclusione:

Tuttavia, secondo i ricercatori, lo studio ha registrato alcune limitazioni. Poiché il numero di soggetti non era elevato, è possibile che siano state trascurate altre influenze del mifepristone. Inoltre, a causa della fase di intervento piuttosto breve, non è possibile trarre conclusioni concrete sull'effetto a lungo termine del mifepristone sul peso, sugli effetti collaterali e sul controllo della glicemia. In base ai risultati dello studio, una terapia a breve termine con mifepristone potrebbe migliorare la sensibilità all'insulina del tessuto adiposo nelle persone obese con prediabete o diabete di tipo 2. I ricercatori hanno assegnato un ruolo chiave ai recettori dei glucocorticoidi nella resistenza all'insulina, che potrebbe offrire nuovi bersagli nei trattamenti terapeutici per la resistenza all'insulina.

    Autore

    Danilo Glisic

    Ultimo aggiornamento

    27.06.2022

    Annuncio

    Share

    Annuncio

    Il tuo assistente personale per i medicinali

    Farmaci

    Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

    Sostanze

    Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

    Malattie

    Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

    Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

    This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.