Le diverse dipendenze: fattori scatenanti, conseguenze e vie d'uscita

Ritratto di una testa umana in posizione laterale, composta da sostanze che creano dipendenza come droghe, una pianta di cannabis, ecc.

Annuncio

Le dipendenze possono avere un impatto enorme sulla vita quotidiana di una persona e possono avere conseguenze drastiche sul corso della vita e sulla salute mentale e fisica. Questo vale, ad esempio, per la dipendenza da alcol, droga o gioco d'azzardo. Quali sono le conseguenze effettive? Quali sono le cause di una dipendenza e quali sono le possibilità per chi ne è affetto di lasciarsi alle spalle il problema? Una panoramica.

Ritratto di una testa umana in posizione laterale, composta da sostanze che creano dipendenza come droghe, una pianta di cannabis, ecc.

/ @Adobe Stock / freshidea

Dipendenza da nicotina

Il fumo è una delle dipendenze più diffuse nella società tedesca, spesso presa alla leggera. Tuttavia, la dipendenza da nicotina ha un forte impatto sulla salute e, insieme alla mancanza di esercizio fisico e a una dieta non sana, è uno dei maggiori fattori di rischio per malattie gravi e persino mortali. Circa il 26,2% delle persone in Germania sono dipendenti dalla nicotina. Nonostante la tendenza alla diminuzione negli ultimi anni, questa rappresenta una quota enormemente elevata della popolazione. Non sorprende quindi che circa 140.000 persone muoiano ogni anno in questo Paese a causa del fumo attivo. Ma anche il fumo passivo può essere fatale, essendo responsabile di circa il 2% dei decessi. Di conseguenza, la dipendenza da nicotina è un grande peso non solo per i tossicodipendenti stessi, ma anche per il loro ambiente sociale.

Le ragioni per cui una persona inizia a fumare sono individuali. Spesso la curiosità o la pressione dei coetanei giocano un ruolo importante. In alcune scene, le sigarette sono ancora considerate "cool", nonostante tutti i loro rischi. Ma una volta tirata una sigaretta, non si è ancora dipendenti. Deve invece verificarsi un certo effetto di assuefazione, per cui a lungo andare si sviluppa una dipendenza sia psicologica che fisica. Quest'ultima è causata dalla nicotina, perché è una sostanza che crea forte dipendenza e agisce direttamente sul sistema di ricompensa del cervello. Se si è dipendenti dalla nicotina e si vuole smettere di fumare, bisogna lavorare su entrambi i livelli, e certe situazioni "scatenanti" possono diventare un problema; il potere dell'abitudine. Una sigaretta dopo un pasto o una seduta con amici che fumano anche loro può scatenare una grande pressione di dipendenza, e non è facile per chi ne è affetto resistere. Cosa possono fare?

Non esiste un'unica strategia comprovata per smettere di fumare. Ogni problema di dipendenza è altamente individuale e deve essere trattato di conseguenza. Tuttavia, come appena detto, è essenziale lavorare sia a livello fisico che mentale per disinnescare tutte le "cause scatenanti". Per quanto riguarda la dipendenza fisica dalla nicotina, spesso si ricorre a sostituti come i cerotti alla nicotina, per disabituare lentamente l'organismo. La dose viene lentamente abbassata fino a quando le persone colpite possono fare a meno della nicotina e non sentono la pressione della dipendenza, almeno sotto forma di sintomi fisici di astinenza. Il livello psicologico è un po' più complicato e in questo caso la pressione della dipendenza può durare tutta la vita, a seconda della gravità e della durata della dipendenza, cioè chi ne è affetto deve resistere al desiderio di una sigaretta ancora e ancora, soprattutto nelle situazioni già citate. Programmi di cessazione comportamentale hanno il più alto tasso di successo in questo sensoIl motivo principale è che è difficile smettere di fumare di propria iniziativa, anche perché spesso non si affrontano le vere cause della dipendenza.

Dipendenza da alcol

Primo piano di una bottiglia di whisky caduta e quasi vuota con una persona addormentata con un bicchiere di whisky mezzo pieno sullo sfondo.

/ @Adobe Stock / Photographee.eu

Mentre il fumo è ampiamente accettato dalla società, ciò è meno vero per la dipendenza da alcol. Chi ne è affetto, quindi, di solito cerca di nascondere la propria dipendenza all'ambiente sociale. Non appena lo scoprono, la dipendenza è già molto avanzata e con essa eventuali problemi di salute. A lungo andare, il consumo costante di alcol porta a danni ai nervi, agli organi e al sistema immunitario. Le conseguenze sono, ad esempio, un aumento del rischio di cancro, vari disturbi del muscolo cardiacola cosiddetta sindrome di Korsakow o cirrosi epatica come tipica "malattia dell'alcol". Il rischio che l'alcolismo si concluda prima o poi in modo fatale è quindi elevato e le persone colpite hanno un'aspettativa di vita significativamente ridotta. Ma anche la psiche e altri ambiti della vita, come quello sociale o professionale, risentono della dipendenza da alcol. A un certo punto, tutto per la persona dipendente ruota intorno alla questione di come mantenere il proprio livello.

Il problema della dipendenza da alcol è che si sviluppa gradualmente e quindi spesso non viene notata dall'ambiente sociale all'inizio. Il fatto che una persona beva alcolici in pubblico non la espone al rischio di dipendenza, a differenza del fumo, per esempio. Non è quindi sempre facile definire il punto in cui il consumo normale si trasforma in una dipendenza anormale, e le stesse persone colpite spesso non vogliono riconoscere il loro problema per molto tempo. Per questo motivo, di solito passa molto tempo prima che siano pronti a cercare l'aiuto necessario per sconfiggere la loro dipendenza e a quel punto le conseguenze sono già gravi a tutti i livelli. Tuttavia, questo non significa che non sia ancora possibile.

Superare da soli una forte dipendenza da alcol è estremamente difficile. Chi adotta tempestivamente delle contromisure e si astiene dall'alcol spesso ha ancora buone possibilità di successo. Tuttavia, se è già presente una forte dipendenza psicofisica, si raccomanda urgentemente l'aiuto di un professionista. I gruppi di auto-aiuto come gli "Alcolisti Anonimi" sono un luogo popolare a cui rivolgersi per salvare la faccia. Dopo tutto, la dipendenza da alcol è spesso accompagnata da una grande vergogna. Tuttavia, per coloro che sono disposti o non riescono a staccarsi dalla bottiglia in nessun altro modo, l'astinenza da alcol in una clinica speciale è la scelta più promettente. Da un lato, avviene una disintossicazione fisica, perché l'organismo è in grado di riprendersi incredibilmente bene e rapidamente dal consumo di alcol - e quanto più breve è stata la durata della dipendenza, tanto minore è il rischio di danni permanenti. D'altra parte, le persone colpite vengono stabilizzate psicologicamente per ridurre al minimo il tasso di ricaduta dopo la sospensione. In alcuni casi, sono comunque necessari diversi tentativi per superare la dipendenza dall'alcol in modo definitivo e in situazioni di vita difficili.

Tossicodipendenza

Come la dipendenza da alcol e nicotina, la tossicodipendenza appartiene alle cosiddette dipendenze da sostanze. Ciò significa che, oltre alla dipendenza psicologica, si sviluppa anche una dipendenza fisica. In questo caso, tuttavia, le persone colpite possono essere dipendenti da diverse sostanze. Questi includono, ad esempio, farmaci prescritti o non prescritti, sostanze da sniffare o sostanze illegali come oppiacei, cocaina, allucinogeni, cannabis e droghe sintetiche. Nel caso della tossicodipendenza, è quindi necessario differenziare il tipo di dipendenza, perché di conseguenza anche le conseguenze possono essere diverse. Per esempio, ci sono droghe che possono portare a problemi fisici e persino alla morte in tempi relativamente brevi, come l'eroina o la metanfetamina, mentre con altre gli effetti tardivi si notano solo dopo molti anni, per esempio con la cannabis o la cocaina. Tuttavia, questi dipendono sempre dalla frequenza e dalla quantità di utilizzo, oltre che da fattori individuali come l'età o lo stato di salute generale.

In ogni caso, gli effetti sulla psiche, sulla vita sociale e spesso anche su quella professionale delle persone colpite sono drastici. La personalità del tossicodipendente può cambiare notevolmente e in molti casi si manifestano vergogna, complessi di inferiorità o addirittura depressione. Quest'ultima può addirittura portare al suicidio e la tossicodipendenza, a un certo punto, inizia a controllare l'intera vita. È quindi importante agire tempestivamente e adottare contromisure. Le misure più opportune dipendono dalla sostanza a cui la persona è dipendente, nonché dai motivi individuali della dipendenza e dalla sua gravità. Quanto più lungo e grave è il problema, tanto più difficile è la terapia.

Questa terapia può svolgersi in regime ambulatoriale o di ricovero, a seconda dei casi. Quanto più forte è la dipendenza, tanto prima si rende necessario un trattamento in regime di ricovero e tanto più a lungo. Allora vale a dire Prima di tutto, l'astinenza fisica ed è altrettanto importante capire le cause psicologiche e gli schemi comportamentali per poterli spezzare. Anche la terapia a breve termine prevede quindi circa 25 sedute. Le terapie a lungo termine, invece, possono richiedere ben oltre 200 sedute. Tuttavia, se si ha il tempo e la volontà, nonché il giusto ambiente (professionale), si può sicuramente superare una tossicodipendenza, e anche in questo senso il corpo può spesso recuperare in modo sorprendente dal consumo. Tuttavia, non si possono sempre escludere conseguenze a lungo termine, né ricadute. Nei casi più gravi è quindi consigliabile un'assistenza a lungo termine, ad esempio da parte di psicoterapeuti o consulenti per le dipendenze.

Tossicodipendenza

Primo piano di una donna che tiene in mano delle compresse.

/ @Adobe Stock / doucefleur

Come già accennato, può esserci anche una dipendenza da farmaci prescritti o non prescritti. Spesso si parla di tossicodipendenza piuttosto che di classica dipendenza da sostanze stupefacenti. Le cause possono essere diverse, ma nella maggior parte dei casi si tratta di dolore cronico che viene alleviato con l'aiuto di farmaci, o di stati di stress mentale da cui le sostanze che creano dipendenza rappresentano una certa fuga. Analogamente alla dipendenza da alcol, la tossicodipendenza si sviluppa in modo segreto e insidioso e viene quindi notata solo in ritardo dall'ambiente sociale o dai medici curanti. In alcuni casi, questi si presentano anche in combinazione tra loro, ma la dipendenza da farmaci può svilupparsi molto più rapidamente, motivo per cui si consiglia una cautela ancora maggiore quando si tratta di preparati corrispondenti.

I seguenti sono considerati particolarmente pericolosi per quanto riguarda la dipendenza Antidolorifici, sedativi e sonniferi. Si stima che in Germania siano colpiti due milioni di persone e il numero di casi non segnalati potrebbe essere notevolmente più alto. La tossicodipendenza è particolarmente comune tra le persone anziane, che hanno più problemi di salute come il dolore cronico e sono quindi più inclini a entrare in contatto con compresse & co. Ma le donne sono anche più propense a ricorrere ai farmaci che alle sostanze che creano dipendenza in situazioni di vita difficili. Quando i farmaci vengono assunti per diverse settimane o addirittura per mesi, le persone colpite, il loro ambiente sociale e i medici curanti devono quindi prestare attenzione. Tuttavia, è difficile monitorare il consumo di farmaci non prescritti. Le indicazioni tipiche di una tossicodipendenza sono l'aumento costante della dose, la fissazione regolare per il farmaco, che inizia cioè a determinare la vita quotidiana, e l'assunzione al di là della prescrizione o del problema reale.

I campanelli d'allarme dovrebbero suonare anche se le droghe vengono assunte di nascosto, perché in questo caso le persone interessate spesso sanno da sole (almeno inconsciamente) di avere un problema di dipendenza. Poiché l'abuso di droga può avere conseguenze fisiche e psicologiche di ogni tipo, anche in questo caso è importante un intervento precoce. Il primo punto di contatto può essere il medico curante o il medico di famiglia. Insieme, la dose può essere lentamente ridotta per avviare un'astinenza fisica. Tuttavia, il trattamento psicologico dovrebbe continuare a svolgersi sotto la guida di un professionista, ad esempio nel contesto di una terapia. Nel caso di una dipendenza mentale o fisica molto accentuata, può essere consigliabile un ricovero. Per ridurre al minimo il rischio di ricaduta, è importante un sostegno successivo, così come il trattamento di eventuali problemi psicologici di accompagnamento, che spesso sono la causa dell'abuso di droga - o sono stati causati da esso. Con un trattamento olistico di questo tipo, le possibilità di recupero dalla tossicodipendenza sono buone.

Dipendenza dal gioco d'azzardo

Oltre a queste dipendenze legate alle sostanze, in cui si sviluppa (anche) una dipendenza fisica, esistono le cosiddette dipendenze non legate alle sostanze, che sono una dipendenza puramente psicologica. Questo significa almeno che non è necessario temere conseguenze così drastiche per la salute fisica come, ad esempio, nel caso della dipendenza da nicotina, alcol o droghe. Tuttavia, tali dipendenze possono anche compromettere o addirittura controllare completamente la vita in molti modi. Inoltre, superare una dipendenza psicologica è tutt'altro che facile e, poiché non c'è abuso di sostanze, i problemi corrispondenti, come la dipendenza dal gioco d'azzardo, vengono spesso presi alla leggera per molto tempo.

Con una dipendenza da gioco d'azzardo, le persone sentono una vera e propria costrizione a giocare d'azzardo. Può trattarsi di un gioco specifico o del gioco d'azzardo in generale: si spera sempre nella grande vincita per compensare le perdite precedenti. Prima o poi, la dipendenza dal gioco d'azzardo porta alla rovina finanziaria e ha un impatto negativo anche sulla vita sociale e professionale. Tipici segnali di allarme sono la continuazione del gioco d'azzardo nonostante le perdite elevate o quando le persone colpite sono addirittura già indebitate. Ma anche l'irritabilità sull'argomento o il nascondere le proprie abitudini di gioco sono frequenti segnali di allarme e chi ne è affetto inizia a trascurare tutto il resto. Anche i sintomi di astinenza possono manifestarsi con la dipendenza dal gioco d'azzardo, perché questo agisce sul sistema di ricompensa del cervello e disturba il controllo degli impulsi.

Per prevenire la dipendenza dal gioco d'azzardo, la prevenzione è l'approccio migliore, ed è per questo che sempre più stati (federali) hanno Avvio di vari progetti hanno misure per combattere la dipendenza dal gioco d'azzardo. Questo non vale solo prima che si sviluppi, ma anche chi è già dipendente può trovare aiuto in molti modi. Inoltre, è consigliabile rivolgersi a un medico per iniziare una terapia professionale. L'astinenza fisica non è necessaria per questo tipo di dipendenza, ma il trattamento psicologico è certamente necessario per riconoscere le cause e gli schemi della dipendenza e per interromperli definitivamente. Diversi tipi di terapia si sono dimostrati efficaci: psicoterapia individuale, terapia motivazionale e terapia cognitivo-comportamentale. I terapeuti incaricati devono decidere cosa ha senso in ogni singolo caso. Devono inoltre decidere se è sufficiente una terapia ambulatoriale o se è più promettente un ricovero ospedaliero. Nel trattamento della dipendenza da gioco d'azzardo, il sostegno della famiglia e degli amici è particolarmente importante. In caso di indebitamento, è opportuno rivolgersi a un consulente per riportare la situazione finanziaria in equilibrio, il che ovviamente ha senso solo se la persona interessata non ci ricasca e non si ritrova di nuovo in una situazione di rovina finanziaria.

Dipendenza dai media

In linea di principio, è possibile una dipendenza psicologica da quasi tutto, dalla dipendenza da shopping alla dipendenza da pornografia. Tuttavia, la dipendenza dai media è diventata un fenomeno relativamente nuovo. Il motivo è la crescente diffusione dei media digitali, con i quali anche i bambini e i giovani entrano oggi in contatto. Il pericolo di dipendenza esiste quindi già in un'età estremamente sensibile, ma ovviamente la dipendenza dai media può colpire anche gli adulti. Si stima che 220.000 bambini e adolescenti siano dipendenti dai media. sono già interessati - con una forte tendenza all'aumento. I medici sono quindi allarmati e ritengono che sia dovere soprattutto dei genitori monitorare i tempi di utilizzo dei figli quando si tratta di social media, giochi o internet in generale.

Tuttavia, è difficile attuare questo controllo nella vita di tutti i giorni, perché i bambini non sono sotto costante controllo. Al più tardi durante l'adolescenza, i genitori spesso possono solo stimare quanto tempo il figlio o la figlia trascorrono con i media digitali. Per questo motivo è ancora più importante prestare attenzione ai segnali di allarme specifici anche in questi casi: Anche quando i media sono spenti, i pensieri e le conversazioni ruotano solo intorno a questo argomento. Inoltre, il consumo di media diventa sempre più incontrollato e le persone colpite reagiscono in modo irritabile quando viene loro detto di smettere o quando vengono interrogate sul loro comportamento di dipendenza. I tentativi di ridurre l'uso dei media falliscono e sempre più spesso vengono trascurati altri ambiti della vita, come le amicizie o gli obblighi scolastici, lavorativi ecc. Ancora una volta, anche la dissimulazione è un chiaro segnale di allarme e la dipendenza dai media può portare a disturbi fisici come disturbi del sonno o mal di schiena. Chi scopre tali segni in se stesso, in altre persone o nei propri figli dovrebbe quindi agire tempestivamente. All'inizio, spesso è sufficiente limitare il consumo di media. Tuttavia, se si è già sviluppata una dipendenza concreta, questi tentativi di solito falliscono, come già detto.

Per superare la dipendenza dai media è necessario anche un aiuto professionale sotto forma di terapia. Su Internet si trovano numerose offerte di aiuto per le persone colpite o per i genitori, ad esempio autotest o elenchi di terapeuti. Ma anche il pediatra o il medico di famiglia è un buon primo punto di contatto. Nella maggior parte dei casi viene prescritta una psicoterapia o una terapia cognitivo-comportamentale. A seconda della gravità, la terapia può essere ambulatoriale o ospedaliera, individuale o di gruppo. Inoltre, esistono anche approcci terapeutici alternativi, soprattutto per i bambini, ad esempio a livello fisico, che possono essere utili in casi individuali. Ad esempio, possono favorire il rilassamento o affinare le percezioni sensoriali, aiutando così le persone colpite a resistere alla pressione della dipendenza nella vita quotidiana. Un altro fattore importante per il successo a lungo termine della terapia è un modo diverso di trascorrere il tempo libero, dove l'attenzione non è più rivolta ai media, ma agli amici o agli hobby sportivi, ad esempio. Se questo riesce, le possibilità di curare la dipendenza dai media sono buone a qualsiasi età.

Autore

Medikamio

Ultimo aggiornamento

06.07.2022

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.