C'è una connessione tra disturbi visivi e sintomi depressivi?

Una donna d'affari sul suo posto di lavoro in ufficio si massaggia le palpebre per rilassarsi.

Annuncio

Secondo la Stiftung Deutsche Depressionshilfe (Fondazione tedesca per l'aiuto alla depressione), circa il 25% delle donne e il 12,5% degli uomini sperimentano la depressione nel corso della loro vita. In questo contesto, uno studio pubblicato di recente menziona un disturbo visivo nella mezza età come un possibile fattore di rischio per una malattia depressiva - l'analisi è stata effettuata su donne in menopausa dagli anni 90 come parte dello studio SWAN.

Una donna d'affari sul suo posto di lavoro in ufficio si massaggia le palpebre per rilassarsi.

shutterstock.com / fizkes

Il deterioramento della vista nelle donne:

A seconda della causa, la menomazione visiva è una delle alterazioni patologiche della percezione visiva. Questi possono manifestarsi come diminuzione dell'acuità visiva, sfarfallio degli occhi, lampeggiamento, alterazione del campo visivo o cecità temporanea. Anche se una ridotta percezione visiva ha un impatto negativo sulla salute fisica, la correlazione con i sintomi depressivi negli adulti dai 40 ai 65 anni non è ancora stata studiata. Le valutazioni mostrano che soprattutto le donne in questa fascia d'età - rispetto alle altre - hanno il maggior numero di casi di disturbi depressivi. Inoltre, le donne hanno un tasso più alto di casi di depressione rispetto agli uomini. Nuove analisi indicano che una visione ridotta a questa età è associata a un rischio maggiore di possibili sintomi di malattia depressiva. Vale la pena notare che molte di queste condizioni che influenzano la percezione visiva si verificano prima della mezza età. Questi includono errori di rifrazione correggibili e cataratta, così come condizioni più gravi come il glaucoma, la retinopatia diabetica, la retinopatia ipertensiva e la degenerazione maculare.

In questo contesto, lo studio pubblicato nella rivista scientifica Menopauseha esaminato l'influenza della visione sui sintomi depressivi nella fascia di età femminile tra i 40 e i 65 anni. I dati analizzati si basano sullo studio epidemiologico longitudinale Study of Women's Health Across the Nation(studio SWAN), che è stato condotto in diverse località.

La rilevanza dello studio deriva dall'alta prevalenza della depressione a livello globale - il rapporto sulla depressione del ministero austriaco degli affari sociali parla di circa il 6,5% della popolazione austriaca adulta.

Studio SWAN:

Lo studio SWAN ha esaminato i cambiamenti fisici, biologici, psicologici e sociali durante la fase centrale della vita. Ha seguito donne di mezza età all'inizio della menopausa dalla fine degli anni 90 per studiare l'influenza dei cambiamenti ormonali sulla salute fisica e mentale. Questo non è solo per sostenere gli scienziati e le persone nel settore della salute, ma è anche significativo per la salute delle donne e la qualità della vita.

L'analisi è stata sostenuta dal National Institute on Aging (NIA in breve), il National Institute of Nursing Research(NINR), il National Institutes of Health(NIH), l'Office of Research on Women's Health e il National Center for Complementary and Alternative Medicine.

Ciò ha comportato l'analisi dell'acuità visiva per la visione a distanza (cioè l'acuità visiva a distanza) in sei visite di follow-up consecutive a quasi un anno. Il danno visivo è stato descritto come lieve (20/30 - 20/60) o moderato (20/70 o peggio). I pazienti sono stati anche valutati per i sintomi depressivi ad ogni visita utilizzando una scala di depressione. Le procedure di analisi statistica con equazioni di stima sono state utilizzate per analizzare l'associazione tra disturbi visivi e sintomi depressivi. Lo studio si è concentrato sui fattori di rischio specifici dell'età per la depressione, che sono più comuni nelle donne che negli uomini.

Risultati:

I risultati hanno mostrato che esiste un'associazione longitudinale significativa tra la menomazione visiva lieve o moderata e i sintomi depressivi successivi nelle donne di questo gruppo di età. Il 53,5% delle donne studiate aveva una lieve menomazione visiva e l'8,0% aveva una menomazione visiva moderata. I risultati hanno mostrato una probabilità 2,55 volte maggiore che queste donne mostrino sintomi depressivi all'esame successivo rispetto alle donne dello stesso gruppo di età senza problemi di vista. Sono stati presi in considerazione i seguenti fattori: Età, origine, sintomi depressivi prevalenti, istruzione, stato economico, BMI e comportamento di fumo.

Quando i dati sono stati ulteriormente aggiustati per includere il diabete, l'ipertensione e l'osteoartrite come fattori, le associazioni non erano più statisticamente significative.

Conclusione:

I disturbi visivi erano associati a un aumento del rischio di successivi sintomi depressivi nelle donne nel gruppo di età da 40 a 65 anni. I ricercatori dell'analisi longitudinale suggeriscono che l'individuazione precoce e la correzione del deficit visivo è un passo significativo nel mantenimento delle condizioni di salute mentale nelle donne in questo gruppo di età. Le menomazioni visive potrebbero avere un impatto negativo sullo stato mentale di una persona, portando eventualmente a disturbi mentali a lungo termine. Dato che molti disturbi visivi sono curabili, il trattamento da parte di un optometrista o di un oftalmologo potrebbe potenzialmente avere un effetto positivo, mantenendo così uno stato di salute mentale sostenibile nelle donne di mezza età.

Osservazione:

La depressione può essere una grave malattia mentale che si trova in qualsiasi fascia d'età. Se si sospettano sintomi depressivi in se stessi o in un parente o conoscente, non si dovrebbe aspettare a cercare aiuto. Pertanto, nel link qui sotto (non sponsorizzato) troverete un database per la zona dell'Austria per trovare supporto specializzato a seconda della provincia e della categoria.

Depressione Bündnis: servizi di supporto in Austria

Autore

Danilo Glisic

Ultimo aggiornamento

14.04.2022

Annuncio

Share

Annuncio

Il tuo assistente personale per i medicinali

Farmaci

Cerca qui il nostro ampio database di farmaci dalla A alla Z, con effetti e ingredienti.

Sostanze

Tutte le sostanze attive con la loro applicazione, la composizione chimica e i medicinali in cui sono contenute.

Malattie

Cause, sintomi e opzioni di trattamento per le malattie e le lesioni più comuni.

Il contenuto indicato non sostituisce il foglietto illustrativo originale del medicinale, soprattutto per quanto riguarda il dosaggio e l'effetto dei singoli prodotti. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la correttezza dei dati, in quanto i dati sono stati in parte convertiti automaticamente. Per diagnosi e altre domande sulla salute è sempre necessario consultare un medico. Ulteriori informazioni su questo argomento si trovano qui.

This website is certified by Health On the Net Foundation. Click to verify.